Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trattative in Bielorussia: la Russia impone condizioni all’Ucraina

Negoziati in Bielorussia
La Russia impone condizioni all’Ucraina

Peskov, un portavoce del Cremlino, ha affermato che l'”operazione speciale” contro l’Ucraina sarebbe terminata immediatamente se il Paese avesse soddisfatto una serie di condizioni. La cosa principale è che l’Ucraina fermi i combattimenti. Pisco descrive l’attacco al Paese come un attacco preventivo.

Il presidente russo Vladimir Putin ha inviato un messaggio all’Ucraina dicendo che interromperà la guerra contro il suo paese “immediatamente” se Kiev soddisfa una serie di condizioni. Lo ha detto all’agenzia di stampa Reuters il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Ma non ha parlato di “guerra”. Questo termine è un tabù in Russia quando si parla dell’invasione russa dell’Ucraina.

La Russia porrà fine alla sua “operazione speciale” se l’Ucraina interromperà l’azione militare, se l’Ucraina emenderà la sua costituzione per includere la neutralità, se riconoscerà la Crimea come territorio russo e le “repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk come stati indipendenti. Il rapporto Reuters non faceva alcun riferimento alla “denazificazione” che Putin sosteneva fosse l’obiettivo della guerra. L’affermazione che la Russia dovrebbe prevenire un “genocidio” nel Donbas non esiste nemmeno lì.

Secondo l’agenzia di stampa, Peskov ha dichiarato in un’intervista telefonica che i termini sono stati consegnati all’Ucraina la scorsa settimana durante i primi due round di negoziati. “E gli è stato detto che tutto questo poteva finire in un istante.” “Tutto questo” può anche significare il bombardamento delle città, con cui la Russia è attualmente principalmente impegnata in questa guerra. La Russia ha attaccato l’Ucraina il 24 febbraio e sta attualmente bombardando le principali città come Kiev, Kharkiv e Mariupol.

Nel processo di completamento della smilitarizzazione

Parlando con Reuters, Peskov ha affermato che la Russia non rivendica più territorio dall’Ucraina al di fuori di Donetsk, Luhansk e Crimea. Non è “vero” che la Russia richieda la resa di Kiev. Putin ha ripetutamente negato il diritto dell’Ucraina allo stato. Peskov ha detto che l’Ucraina “è un paese indipendente che dovrebbe vivere come vuole, ma in termini di neutralità”.

Allo stesso tempo, il portavoce del Cremlino ha chiarito che le condizioni russe per l’Ucraina non sono altro che un appello alla resa: “Siamo già in procinto di porre fine al disarmo dell’Ucraina. Lo finiremo. Ma la cosa principale è che l’Ucraina fermerà le sue operazioni militari. Uno del fuoco.”

Riferendosi alla richiesta della Russia per la neutralità permanente dell’Ucraina, Peskov ha detto: “Dovrebbero apportare modifiche alla costituzione in modo che l’Ucraina rifiuti qualsiasi intenzione di unirsi a un blocco”. “Abbiamo anche parlato di come dovrebbero rendersi conto che la Crimea è una terra russa e che dovrebbero riconoscere che Donetsk e Luhansk sono paesi indipendenti”, ha aggiunto. “Si fermerà tra un momento”, ripeté Biscoe. La Russia ha annesso illegalmente la Crimea nel 2014. Mosca ha riconosciuto le “repubbliche popolari” a Donetsk e Luhansk il 21 febbraio – una mossa vista come preparazione per un attacco all’Ucraina.

Secondo il Cremlino, l’attacco era solo un’autodifesa

Il portavoce del Cremlino ha rilasciato questa dichiarazione poco prima di un nuovo round di negoziati tra Russia e Ucraina. Le trattative precedenti erano terminate invano. Si dice anche che si tratti di creare corridoi umanitari in modo che i residenti delle città bombardate dalla Russia possano andarsene. Finora, il cessate il fuoco limitato è fallito.

Come Putin, Peskov ha descritto l’attacco come un’autodifesa e la Russia è stata costretta a imporre il “disarmo” dell’Ucraina per proteggere i tre milioni di persone di lingua russa delle “repubbliche popolari”, minacciate da 100.000 soldati ucraini. “Ciò che è stato importante alla fine sono state le vite di questi tre milioni di persone nel Donbass. Sapevamo che sarebbero stati attaccati”. Inoltre, era solo questione di tempo prima che la NATO posizionasse missili in Ucraina. “Abbiamo appena capito che non potevamo più resistere”, ha detto. “Dovevamo trasferirci”.

READ  Arizona (USA): Berg-Drama! Wanderer stürzt bei Selfie in den Tod - Notizie Ausland