Israele: “Hanno tutti i tipi di consigli”, dice Netanyahu di Baerbock e Cameron.

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
al di fuori Diplomazia della crisi

“Hanno ogni tipo di consiglio”, dice Netanyahu di Baerbock e Cameron.

Birbok in Israele – “L’Iran ha sbagliato i calcoli”

Dopo il grave attacco iraniano, il viaggio del ministro degli Esteri Baerbock in Israele è stato dominato dalla minaccia di un'escalation in Medio Oriente. Nelle conversazioni con funzionari governativi in ​​Israele, ha chiesto “una saggia moderazione non meno della forza”. Vedi la dichiarazione finale di Baerbock qui.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Durante i colloqui sulla crisi in Israele, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha avvertito l’Iran e Israele di esercitare “la massima moderazione”. L'apparizione del primo ministro Benjamin Netanyahu mostra quanto velocemente svaniscono le parole del politico verde. Ha chiarito la sua posizione in modo inequivocabile.

UNIl ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Partito dei Verdi) e il suo omologo britannico David Cameron si sono recati in Israele per colloqui sulla crisi alla luce degli attacchi iraniani. Tuttavia, gli incontri con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il presidente Isaac Herzog sono rimasti senza risultati tangibili.

Dopo gli incontri Netanyahu ha spiegato che il suo Paese prenderà una decisione riguardo ad un possibile contrattacco contro l'Iran. “Ringrazio i nostri amici per il loro sostegno nella difesa di Israele, nelle parole e nei fatti”, ha detto Netanyahu, e poi è diventato chiaro.

Leggi anche

“Hanno anche tutti i tipi di suggerimenti e consigli”, ha detto all'inizio di una successiva riunione di gabinetto. “Lo apprezzo, ma voglio chiarire che prenderemo le nostre decisioni. Lo Stato di Israele farà tutto il necessario per difendersi”.

Baerbock chiede “moderazione intelligente”.

Dopo i colloqui, Baerbock ha invitato Israele e Iran a mostrare “la massima moderazione” e ha messo in guardia da una “conflagrazione regionale” in Medio Oriente. Non si aspettava in alcun modo che Israele “si tirasse indietro” e parlava di “saggia moderazione”. Israele ha già dimostrato la sua forza con la sua “vittoria difensiva” nel fine settimana. L'Iran ha chiarito all'Iran la portata degli errori di calcolo e dell'isolamento di Teheran nella regione.

Il politico verde ha affermato: “I paesi della regione non vogliono diventare un campo di battaglia alternativo”. Ha aggiunto: “La regione non deve scivolare gradualmente in una situazione i cui esiti sono completamente imprevedibili”. Ha inoltre messo in guardia gli Hezbollah filo-iraniani in Libano e gli Houthi nello Yemen contro un’ulteriore escalation. Mercoledì un attacco di Hezbollah nel nord di Israele ha ferito 13 persone, quattro delle quali in gravi condizioni.

Per Annalena Baerbock la visita a Benjamin Netanyahu è la settima dal 7 ottobre

Per Annalena Baerbock la visita a Benjamin Netanyahu è la settima dal 7 ottobre

Fonte: Agenzia di stampa tedesca/Ilya Yefimovich

Berbock ha affermato che le azioni pericolose dell'Iran non passeranno senza ulteriori conseguenze e ha sottolineato la sua solidarietà con Israele. L’Iran e i suoi alleati non devono “aggiungere benzina sul fuoco”. L’Unione Europea ha già imposto massicce sanzioni a Teheran e continuerà a farlo.

“Una delle armi più potenti contro l’Iran è il desiderio delle persone in tutti i paesi della regione di vivere semplicemente in pace”, ha detto Baerbock. Il politico verde ha avvertito che “la spirale dell'escalation non servirà a nessuno”. Ha aggiunto: “Noi del G7 parliamo con una sola voce: tutti gli attori della regione sono chiamati a esercitare il massimo livello di moderazione”.

Israele potrebbe prendere di mira giacimenti petroliferi o impianti nucleari

Israele afferma di voler rispondere militarmente al primo attacco diretto dell'Iran. Secondo l’emittente israeliana Kan, Netanyahu ha detto martedì durante un incontro con i ministri del suo partito Likud: “Risponderemo all’Iran, ma bisogna farlo in modo intelligente e non in base all’istinto”. “Devono essere nervosi, proprio come hanno reso nervosi noi.”

Mercoledì la televisione israeliana ha riferito che c'erano diversi potenziali obiettivi per un simile contrattacco. Questi includevano giacimenti petroliferi e basi militari iraniani, ma forse anche gli impianti nucleari del paese. Sono possibili anche attacchi in mare o contro le strutture dell’IRGC in Siria.

Related articles

Southside Festival nel fango e nella pioggia: performance da megastar

Venerdì pomeriggio è iniziato il Southside Festival a Neuhausen op Eck. Si prevede che entro domenica il...

Il sole sta per spostarsi verso i poli: cosa significa questo per la Terra

Home pageLo sappiamostava in piedi: 22 giugno 2024 alle 14:08da: Tanja BannerInsisteDivideCirca ogni undici anni, i poli magnetici...