Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conseguenze della guerra in Ucraina: i prezzi del petrolio salgono alle stelle

Stato: 07.03.2022 8:08

La paura delle conseguenze della guerra in Ucraina ha portato a volte i prezzi del petrolio a quasi $ 140 al barile. Questo è il livello più alto dal 2008. Gli esperti ritengono che siano possibili prezzi più alti.

Un possibile congelamento delle importazioni di petrolio dalla Russia ha temporaneamente spinto i prezzi del petrolio al livello più alto dal 2008 all’inizio della settimana. Nelle prime contrattazioni, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) è salito di circa il 18% a $ 139,13, quindi vicino al livello record di circa $ 150 dall’estate del 2008. Recentemente, il prezzo del greggio Brent era di poco inferiore a 11. percento o $ 12,57 da US a US $ 130,67. Ciò ha accelerato l’aumento dei prezzi del petrolio negli ultimi giorni.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, il prezzo del greggio Brent è aumentato di circa un terzo dopo essere aumentato nelle settimane precedenti. Il prezzo è aumentato di circa due terzi dalla fine del 2021. L’evoluzione del prezzo del barile americano West Texas Intermediate (WTI) sembra simile. Al mattino, il prezzo del greggio West Texas Intermediate è salito del 9%, ovvero circa undici dollari, a più di 126 dollari, dopo aver temporaneamente superato la soglia dei 130 dollari per la prima volta dal 2008.

Presto 200 dollari al barile?

La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio. Anche prima del conflitto in Ucraina, i prezzi erano alti poiché i paesi del mondo che si sono ripresi dalla crisi del Corona hanno rilanciato le loro economie e richiesto grandi quantità di petrolio.

READ  La Grecia si arma: combattenti francesi contro la Turchia

Gli esperti ora si aspettano prezzi più alti: “Se l’Occidente tagliasse la maggior parte delle esportazioni di energia della Russia, sarebbe un enorme shock per i mercati globali”, ha affermato Ethan Harris, capo economista di Bank of America (BofA). Ciò potrebbe spingere i prezzi del petrolio a $ 200 al barile e ridurre la crescita economica in tutto il mondo.

C’è la minaccia di un embargo sul petrolio russo

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno attualmente discutendo un possibile divieto alle importazioni di petrolio russo. Domenica il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto all’emittente americana CNN che ci sono state “discussioni molto attive” sulla questione. L’amministrazione del presidente Joe Biden è sottoposta a crescenti pressioni politiche per estendere le sanzioni contro la Russia al settore energetico. Finora, questo settore è ampiamente sfuggito alle azioni dell’Occidente.

La presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha affermato che la Camera dei rappresentanti sta lavorando a una legislazione che isolerebbe ulteriormente la Russia dall’economia globale. Ciò include il divieto di importazione di petrolio russo.

Anche il divieto di importazione del Giappone è in discussione, ha riferito oggi Kyodo News, citando i dipartimenti governativi.

Cosa accadrà all’accordo sul nucleare iraniano?

È quantomeno dubbio se il ritorno del petrolio iraniano sul mercato mondiale porterà a un sollievo significativo nel mercato petrolifero. Se viene raggiunto un accordo e vengono revocate le sanzioni sul programma nucleare iraniano, l’Iran può esportare di nuovo più petrolio. Tuttavia, i potenziali volumi di consegna aggiuntivi non sono sufficienti per compensare l’imminente perdita delle esportazioni russe, avverte l’analista Helima Croft della banca di investimento RBC Capital Markets.

READ  La coalizione nei Paesi Bassi: un accordo di coalizione dopo 271 giorni

Inoltre, l’accordo è stato posticipato a causa della posizione della Russia. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che l’accordo con l’Iran è in fase di completamento. Tuttavia, “recentemente sono sorti problemi dal punto di vista degli interessi russi”.

Lavrov ha fatto riferimento a “un torrente di dure sanzioni lanciate dall’Occidente a causa del conflitto in Ucraina”. Mosca si occupa di “commercio illimitato, cooperazione economica e di investimento, nonché cooperazione tecnico-militare con l’Iran”.