Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rompere l’alleanza Ue contro Putin?: Quando l’Italia vota, Berlino trema

Tra sei giorni ci saranno altre elezioni in Italia. Ancora una volta gli italiani stanno contribuendo a decidere le sorti dell’Europa. Il governo federale spera nella vittoria di Enrico Letta, non solo perché un fronte unito contro la Russia si spezzerà con la Georgia Meloni postfascista.

No, lunedì Enrico Letta non sarà ricevuto in Cancelleria. Per essere accolto lì, il candidato di punta del Partito socialdemocratico italiano dovrà vincere le elezioni parlamentari di domenica prossima e, cosa ancora più difficile, formare una maggioranza di governo ragionevolmente stabile. Se ci riuscirà, il cancelliere Olaf Schultz darà al 58enne un caloroso benvenuto nella sua residenza ufficiale. È sollevato dal fatto che l’Italia non sia caduta nelle mani della post-fascista Giorgia Meloni e che Meloni non sia il prossimo populista anti-UE di destra con un debole per i governanti autoritari che si uniscano alla cerchia dei capi di stato e di governo europei. Fino ad allora, Letta sarà sufficiente per la casa di Willy Brandt.

La cancelliera si presenta alla sede dell’Spd con Letta per la sessione fotografica, ma lei tace per non interferire indebitamente nelle elezioni italiane a capo del governo tedesco. Letta può partecipare alla riunione del Consiglio direttivo del Partito socialdemocratico e poi rispondere alle domande della stampa tedesca e dei corrispondenti italiani in Germania con il leader del partito Lars Klingbeil. C’è molto in gioco domenica, dice Klingbeil, e le elezioni “sono anche un trampolino di lancio per l’Europa”. Lita è lieta di presentarsi come il volto italiano della famiglia europea. “Se vinciamo domenica prossima, le democrazie saranno sfortunate”, ha detto Lita, in piedi accanto a Kingbell. “Se vince la destra, Putin sarà felice”.

Nuovo hub Varsavia – Budapest – Roma?

Il voto del 25 settembre è “la nostra Brexit”, Letta sta cercando di radunare gli elettori in Italia per prendere la decisione. Se vince Meloni, l’Italia sarà isolata in Europa, perderà influenza e potrebbe subire gravi svantaggi economici, ed è questo il messaggio drammatico del prestigioso mondo della politica. Ma questo non è chiaro: Meloni non sarà solo a Bruxelles, ma troverà potenziali alleati nei governi di Ungheria e Polonia. Nonostante tutte le differenze ideologiche tra Meloni, il sovrano ungherese Viktor Orban – che letteralmente non è più un capo del governo eletto democraticamente – e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, c’è accordo su punti importanti. Meloni vuole anche rafforzare i diritti di veto dei singoli stati dell’UE piuttosto che consentire più decisioni a maggioranza come Schulz e Lita.

Testa a testa in Italia, ma a differenza della foto, Meloni è in testa ai sondaggi.

(Foto: Photo Alliance / ZUMAPRESS.com)

La misura della solidarietà tra i politici populisti di destra è dimostrata dall’annuncio della Commissione Ue che punirà l’Ungheria per l’appropriazione indebita corrotta dei fondi dell’UE: Morawiecki ha già promesso sostegno a Orbán, nonostante il sostegno dell’Ucraina alla Polonia e all’amico di Putin. Orban assume posizioni opposte su questa questione centrale. Meloni sostiene Urban anche contro l’Unione Europea. Non è chiaro dove si collocherebbe Roma sotto Meloni quando si tratta di Russia. Dal 24 febbraio l’ultranazionalista Meloni ha lasciato Mosca e ha assicurato a Bruxelles di voler rispettare le sanzioni imposte alla Russia. Ma questa affermazione è fragile: il partito Fratelli d’Italia di Meloni è alleato della Lega di Matteo Salvini e di Forza Italia di Silvio Berlusconi.

READ  Cosa rende desiderabile un uomo: scopri la guida all'amore a prima vista

Ancora oggi il vecchio politico Berlusconi tace sull’amico Vladimir, mentre Salvini posa per una foto sulla Piazza Rossa di Mosca, in cui indossava una maglietta con l’immagine di Putin. Questo è accaduto prima dell’attacco russo del 24 febbraio, ma anche molto tempo dopo l’annessione della Crimea nel 2014. Si dice che i vicini a Salvini abbiano negoziato un accordo nell’autunno del 2021, secondo il quale avrebbero ottenuto petrolio russo a un prezzo competitivo e con un margine. La rivendita – stimata in 3 milioni di euro – dovrebbe andare nelle casse della Lega. Salvini ha lottato durante il fine settimana per riconquistare le sue frequenti critiche alle sanzioni della Russia. È solo preoccupato che alla fine non siano gli italiani a soffrire. Il governo Meloni sarebbe ancora insicuro in tema di Russia, almeno.

Hanno tagliato fuori il campo democratico

Dal punto di vista del governo federale, e ancor di più dal punto di vista dei socialdemocratici al potere, domenica prossima è una data cruciale. Il leader del partito Klingbeil ama sottolineare lo slancio europeo per la socialdemocrazia, con gli ultimi otto capi di governo i cui partiti appartengono alla famiglia SPE. La scorsa settimana, Magdalena Andersson ha ridotto quel numero: il primo ministro svedese ha perso la maggioranza del suo governo a causa di una coalizione di destra di quattro partiti, compresi i Democratici svedesi di estrema destra. La tesi di Klingbeil sul “contratto socialdemocratico”, in cui, a causa dei tanti processi di trasformazione in Europa, la politica socialdemocratica è più che mai richiesta. Una vittoria improvvisa di Lita cambierebbe un po’ le cose.

READ  Rapporti del colpo di stato in Ucraina: Putin vuole essere un seguace del Cremlino a Kiev

Tuttavia, è improbabile che ciò accada. Partito, Democratico di Lita, potrebbe emergere come la forza più forte contro i fratelli Meloni in Italia, ma il Partito Democratico manca di partner. Lita ha litigato con il Movimento 5 Stelle dopo che il suo leader Antonio Conte ha fatto crollare il governo congiunto di Mario Draghi. Rispetto a Letta, il più popolare Matteo Renzi e il suo partito Viva Italia hanno unito le forze con il socialista liberale Carlo Calinda e il suo partito Azione per formare un terzo blocco a fianco della coalizione di centrodestra e di centrosinistra.

Il suo rapporto con Lita è avvelenato, anche per il fatto che Renzi è un disertore dal punto di vista di Lita: è da tempo boss e speranza del PD. “Calanda e Renzi hanno un obiettivo: attaccarci e distruggere la sinistra. Hanno dimenticato che combattere è contro la destra”, ha detto Letta a Il Foglio prima di partire per Berlino. Il campo europeista è diviso in tante piccole forze, che possono avere successo solo insieme nel sistema elettorale italiano, che mescola rappresentanza proporzionale e voto a maggioranza.

Berlino ha bisogno di un partner a Roma

Una situazione frustrante dal punto di vista del semaforo, perché l’Italia è urgente anche in altri ambiti: nella politica climatica, ad esempio – Meloni ovviamente nega i cambiamenti climatici causati dall’uomo – e anche nell’affrontare la recessione incombente. L’Italia ha recentemente compiuto un grande sforzo di riforma, utilizzando il fondo dell’Unione Europea creato appositamente per superare le conseguenze della pandemia. Tuttavia, il sovraindebitamento continua a pesare, mentre i tassi di interesse per il rifinanziamento dei prestiti pubblici sono in aumento. Un governo che non accetti le linee guida di Bruxelles e potrebbe perdere l’accesso a miliardi di aiuti potrebbe distruggere ancora una volta la fiducia dei mercati finanziari italiani. Il fatto che l’Italia e altri paesi dell’UE carichi di debiti possano evocare la crisi dell’Euro 2.0 se l’economia europea continua a declinare non è uno spettro lontano, ma è stato teoricamente a lungo giocato in Cancelleria.

READ  Iniziativa sui vaccini CEPI: Bill Gates dona e mette in guardia

Inoltre, la struttura del potere in Europa si è notevolmente e sorprendentemente trasformata in modo significativo. Nella crisi ucraina, la Polonia e gli Stati baltici stanno lavorando per stabilire il ritmo. Questo può essere visto nella disputa sui visti di viaggio per i russi, poiché recentemente Parigi e Berlino non sono state in grado di confermare le loro posizioni. Sotto Draghi, il motore franco-tedesco per l’Europa si inchinò con gratitudine all’esterno italiano. La foto di Draghi, Schulze ed Emmanuel Macron in viaggio insieme a Kiev la dice lunga in questo senso. Almeno a Berlino, le dichiarazioni di fedeltà della Meloni alla coalizione hanno fatto sperare che anche un governo da lei guidato potesse prendere parte al concerto dell’Europa occidentale. Ma prima che quelle speranze siano realisticamente messe alla prova, Schulz, Klingbeil e membri del governo non socialdemocratico preferiscono tenere le dita intrecciate con Enrico Letta, che presto visiterà la Cancelleria per la sua visita inaugurale.