Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Zelensky annuncia una nuova offensiva

Stato: 19/09/2022 06:32

L’Ucraina considera inutili i negoziati ed è convinta di poter usare la forza militare per espellere gli occupanti russi dal Paese. Il presidente Selinsky ha detto che l’intero paese deve essere liberato.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato una nuova offensiva. Secondo le loro stesse dichiarazioni, l’esercito ucraino ha già stabilito una testa di ponte in un punto nell’est del Paese per poter avanzare ulteriormente. Alla luce dell’attuale situazione militare, e anche a causa del gran numero di crimini di guerra di cui accusano l’esercito russo, i consiglieri di Zelensky ritengono che i negoziati siano inutili.

Zelensky ha annunciato nuovi attacchi ai territori occupati dalle forze russe in Ucraina. “Potrebbe sembrare ad alcuni di voi che dopo una serie di vittorie ci sia stato silenzio, ma non è silenzio”, ha detto domenica Zelensky nel suo discorso video quotidiano. Piuttosto, è la preparazione per il prossimo attacco, il cui obiettivo è recuperare Mariupol, Melitopol e Cherson.

Secondo Zelensky, l’Ucraina non si concentrerà solo sulle aree che controllava prima dell’offensiva russa di febbraio. Il 44enne ha annunciato che anche le terre dei separatisti sostenuti da Mosca nell’est del Paese e le città della Crimea, annesse alla Russia dal 2014, sarebbero state restaurate, “perché tutta l’Ucraina dovrebbe essere libera”.

Dopo aver invaso l’Ucraina il 24 febbraio, la Russia si è impadronita di vaste aree nel sud e nell’est del Paese. Mosca occupa ancora circa 125.000 chilometri quadrati, circa un quinto dell’area dell’Ucraina, compresa la Crimea.

Kiev ha escluso in questo momento i negoziati e un incontro tra i presidenti russi Vladimir Putin e Zelensky. “In breve, il processo negoziale stesso e l’incontro diretto tra i due presidenti non hanno significato al momento”, ha detto ai media ucraini Mykhailo Podolak, consigliere estero del capo dell’ufficio presidenziale ucraino.

READ  Notizie dall'Ucraina: ++Kiev scettico sull'accordo sui cereali ++

Podoljak ha fornito tre ragioni per l’inutilità dei colloqui in questa fase. In primo luogo, la Russia tenterà di registrare e legittimare guadagni territoriali. In secondo luogo, il mantenimento dello status quo serve solo alla Russia come sbocco in modo che possa poi continuare gli attacchi alla nuova linea. E terzo, la Russia deve essere ritenuta responsabile per i crimini commessi sul suolo ucraino. Pertanto, i negoziati possono aver luogo solo dopo il ritiro delle forze russe dal territorio ucraino. Podolcak ha affermato che il livello dei pagamenti delle riparazioni e dell’estradizione dei criminali di guerra potrebbe quindi essere negoziato.