Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin si scusa con Israele: ha dato uno schiaffo in faccia a Lavrov? – Politica all’estero

Era uno schiaffo pubblico in faccia al suo ministro bugiardo?

Secondo le informazioni israeliane, il dittatore del Cremlino Vladimir Putin (69) si è scusato con il primo ministro israeliano Naftali Bennett (50) per le dichiarazioni del suo falso ministro degli Esteri Sergei Lavrov (72).

Domenica aveva affermato su Mediaset: “Potrei sbagliarmi, ma anche Hitler aveva sangue ebreo”. Inoltre, secondo lui, gli ebrei sono “i più grandi antisemiti”.

grottesco! Le dichiarazioni di Lavrov indicano che gli stessi ebrei sono responsabili dell’Olocausto.

Martedì, il suo ministero degli Esteri ha dato seguito, accusando Israele di sostenere il “regime neonazista a Kiev”. La loro portavoce ha affermato che “mercenari israeliani” stavano combattendo dalla parte del reggimento Azov.

Quindi, un nuovo colpo di propaganda da Mosca: Putin, il sovrano del Cremlino, lo ha ripreso personalmente, se crediamo alle dichiarazioni israeliane. Mosca non ha confermato le scuse.

Israele ha risposto bruscamente

Sia il primo ministro israeliano Naftali Bennett che il ministro degli Esteri Yair Lapid hanno protestato ad alta voce, con quest’ultimo che ha persino affermato che “la linea è stata superata”. L’ambasciatore russo è stato convocato per un “colloquio di chiarimento”.

W: Dopotutto, il governo israeliano sta valutando la possibilità di inviare armi in Ucraina.

Questo sarà un punto di svolta nella loro politica nei confronti dell’Ucraina: perché, nonostante la solidarietà della popolazione israeliana con l’Ucraina, il governo persegue una politica prudente che mette al primo posto i suoi interessi di sicurezza e non vuole far arrabbiare la Russia.

Contesto: le forze di Putin sono nella vicina Siria e finora hanno chiuso un occhio mentre Israele si difende dagli attacchi della milizia terroristica Hezbollah dalla Siria e dal Libano.

READ  Dieci casi confermati di omicron a Berlino - BZ Berlin

Le relazioni tra Israele e Russia sono considerate buone. L’esperto russo Dr. Margaret Klein su Bild: “Nell’era di Putin, il riavvicinamento tra Russia e Israele basato sul pragmatismo poteva essere osservato presto. Ci sono ragioni sociali dietro a questo, come la presenza di una numerosa popolazione di lingua russa e di lingua russa dovuta a L’immigrazione ebraica in Israele, e gli interessi economici, ma soprattutto la necessità di stabilire canali di comunicazione affidabili e risolvere il conflitto con Israele nel campo della sicurezza alla luce dell’intervento militare russo in Siria dal 2015”.

Questo spiega il declino di Putin?

Le scuse di Putin e una mossa che ha fatto contro il suo ministro degli Esteri sarebbero davvero straordinari. Potrebbe essere stata la forte reazione di Israele a causare ciò?

L’esperto russo Serge Somlini pensa di sì. “Putin non pensava che una tale risposta sarebbe arrivata”, ha detto alla rivista Bild.

Putin ha sopravvalutato la sua posizione e ha creduto che con i suoi legami personali e alcune somiglianze, avesse gli israeliani “in tasca” in modo che ci sarebbe poca opposizione alla disgustosa propaganda di Lavrov.

Quello che Smelny esclude: la speculazione che oligarchi e ricchi russi con doppia cittadinanza (russa e israeliana) abbiano avuto un’influenza su Putin. Putin non li vede come amici, ma piuttosto come sudditi. E il sovrano può fare qualsiasi cosa con i suoi sudditi”.

Qual era l’obiettivo del fallimento di Lavrov?

Somlini sospetta: “La propaganda di Lavrov non era diretta in patria, all’estero o nel loro Paese”. Ecco perché ha rilasciato l’intervista solo a una televisione italiana più piccola.

Il possibile obiettivo dell’attacco del disgusto: mobilitare le forze antisemite in Medio Oriente. Perché anche lì la Russia non ha ancora sostenuto, ad eccezione della Siria, ad esempio nel voto alle Nazioni Unite.

READ  Stoccolma: sparato a un uomo di 34 anni nella reception di un hotel - notizie dall'estero

Lavrov è davvero una vittima della sua propaganda?

Ma per Somlini è chiaro che l’antisemitismo fa parte delle convinzioni politiche di Lavrov e Putin. Nel frattempo, le teorie del complotto antisemite circolano senza commenti in prima serata sulla televisione di stato russa. Molto popolare nella società russa.


Sergey Lavrov e Vladimir Putin Foto: Agence France-Presse

Ma Lavrov potrebbe essere arrivato al punto di accusare ebrei e israeliani di essere simpatizzanti nazisti perché è diventato vittima della sua stessa propaganda.

L’immagine di sé russa gioca qui un ruolo importante che è quasi un’identità decisiva. “Solo noi abbiamo sconfitto i nazisti”, dice. Segue: “Solo i nazisti possono criticare un paese così glorioso”.