Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paziente con cuore di maiale muore due mesi dopo un intervento chirurgico sensazionale

Baltimora. È morto il 57enne che per la prima volta al mondo ha usato il cuore di un maiale come organo sostitutivo. David Bennett è morto martedì, circa due mesi dopo l’operazione, ha riferito mercoledì l’ospedale universitario di Baltimora. Le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare alcuni giorni fa.

USA, Baltimora: i medici eseguono un intervento chirurgico al cuore di un maiale inserito in un paziente umano. © Credito: Tom Jemski / Università di Marylan

In una pietra miliare nel campo del trapianto di organi, un uomo con una condizione cardiaca pericolosa per la vita ha subito il trapianto del suo organo geneticamente modificato in un processo durato diverse ore all’inizio di gennaio. Dopo l’operazione, il paziente è stato ancora collegato a una macchina cuore-polmone per alcuni giorni, dopodiché le sue condizioni erano inizialmente relativamente stabili, secondo i medici.

La causa della morte non è chiara: dolore per un paziente con il cuore di maiale

All’inizio non era chiaro se il corpo di Bennett avesse rifiutato il nuovo organo e il paziente morì di conseguenza. “Una chiara causa di morte non è stata stabilita al momento della sua morte”, ha detto una portavoce della clinica.Il New York Times(Il New York Times). Secondo la clinica, la causa della morte doveva essere indagata da vicino prima di commentarla. I risultati del trapianto sono pubblicati in una rivista medica sottoposta a revisione paritaria.

Il chirurgo Bartley Griffiths, che ha eseguito il trapianto, ha detto al New York Times che la clinica è stata “devastata” dalla perdita di Bennett. Era un paziente coraggioso che ha combattuto fino alla fine. “Mr. Bennett è diventato noto a milioni di persone in tutto il mondo per il suo coraggio e la sua incrollabile volontà di vivere”, ha detto Griffiths.

READ  Bielorussia: Maas annuncia nuove sanzioni nella disputa sull'immigrazione