Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Agenzia di rating Fitch: la Russia “subito” sull’orlo del fallimento

Stato: 09.03.2022 09:06

Nonostante le piene casse dello Stato, la Russia è minacciata di default. L’agenzia di rating Fitch vede questo come un rischio “immediato” e DIW considera molto probabile anche un fallimento statale in Russia.

L’agenzia di rating Fitch ha abbassato ulteriormente il rating del credito della Russia fino alla cosiddetta “zona spazzatura” per gli investimenti ad alto rischio. L’agenzia di rating statunitense ha declassato la Russia da “B” a “C”. Fitch ha valutato come “imminente” il rischio che la Russia non sia più in grado di ripagare il proprio debito nazionale.

DPR e sanzioni alimentano i timori di bancarotta

Fitch ha citato “sviluppi che hanno ulteriormente minato il desiderio della Russia di ripagare il debito nazionale”. Gli osservatori del rating hanno accennato a un decreto presidenziale firmato alla fine della scorsa settimana che potrebbe consentire alla Russia di pagare i creditori di alcuni paesi in rubli anziché in valuta estera.

L’agenzia di rating ha fatto riferimento anche a quanto annunciato ieri Vietare l’importazione di petrolio e gas dagli Stati Uniti dalla Russia: “In generale, l’inasprimento delle sanzioni e delle proposte che potrebbero limitare il commercio di energia aumenta la probabilità di una risposta politica dalla Russia che includa almeno un mancato pagamento selettivo dei suoi titoli di Stato”.

Il capo della DIW vede un alto rischio di mancato pagamento

Tuttavia, l’agenzia statunitense non è la sola in questa valutazione. Marcel Fratzcher, capo dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW) di Berlino, ritiene molto probabile il default da parte dello Stato russo nei prossimi mesi.

READ  Austria: Florian Gschwandtner, fondatore di Runstatic, celebra il Corona Gala - News Abroad

Fracher ha detto all’agenzia di stampa tedesca DPA che le sanzioni occidentali per la guerra contro l’Ucraina significano che c’è un alto rischio che la Russia non riesca a pagare i suoi debiti agli investitori internazionali. Dopotutto, la Russia non ha più libero accesso alle sue riserve di cassa.

Nel frattempo, la banca d’affari statunitense Morgan Stanley ha già avvertito in una lettera ai suoi clienti lunedì: “Riteniamo che il default sia lo scenario più probabile”. E l’ex manager di hedge fund Jay Newman ha recentemente dichiarato a Bloomberg: “Sarei scioccato – assolutamente scioccato – se si prendessero la briga di effettuare i pagamenti alla fine di questo mese”.

Solo un difetto tecnico?

Secondo il servizio di notizie finanziarie Bloomberg, la Russia possiede attualmente 49 miliardi di dollari di titoli di stato in circolazione in dollari ed euro. Entro una settimana, il 16 marzo, la Russia dovrà pagare interessi superiori a 100 milioni di dollari. Il 4 aprile scade l’obbligazione da 2 miliardi di dollari.

Tuttavia, se i pagamenti degli interessi non vengono effettuati la prossima settimana, ciò non significa che la Russia fallirà immediatamente. Dopo la prima impostazione predefinita, in genere inizia un periodo di grazia di 30 giorni, quindi l’impostazione predefinita effettiva non si verificherà fino ad aprile.

Inoltre, data la situazione eccezionale provocata dalle sanzioni, potrebbe trattarsi inizialmente solo di una questione di inadempimento tecnico o parziale, cioè non di un’insolvenza dello Stato in senso stretto.

1998 contenziosi statali fallimentari

Gli sviluppi attuali riportano alla memoria l’agosto 1998. A quel tempo, il governo russo smise di pagare il proprio debito interno a causa di budget limitati e permise al rublo di deprezzarsi.

READ  Xi Jinping vuole più uguaglianza e meno povertà in Cina

Ma la posizione di partenza nel 2022 è significativamente diversa dalla situazione del 1998: a quel tempo, la Russia aveva un debito nazionale elevato e basse riserve di valuta estera. Oggi, tuttavia, il tesoro russo si sta gonfiando. Le riserve della Banca Centrale Russa ammontano a circa 640 miliardi di dollari. Tuttavia, a causa delle sanzioni occidentali, il Paese non può più accedere alla maggior parte delle sue riserve valutarie. Questo potrebbe ora essere un rollback per la Russia.