Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La siccità dell’Europa: la siccità delle persone | Conoscenza e ambiente | DW

Troppo consumo di acqua, per mancanza di pioggia, le fonti di acqua potabile si prosciugano. A causa del cambiamento climatico provocato dall’uomo, sempre più persone in Europa stanno subendo le conseguenze di ondate di caldo estremo, siccità prolungata e consumo eccessivo di acqua. L’Europa meridionale in particolare sta vivendo ondate di caldo e mesi di siccità.

Per garantire l’approvvigionamento idrico della popolazione, i politici chiedono alle persone di limitare il consumo di acqua a quanto strettamente necessario. Ma questo non basta in alcuni punti.

Il dottor spiega. Nihad Zal, esperto di acqua presso l’Agenzia europea dell’ambiente, l’agenzia dell’ambiente dell’Unione europea. Dopotutto, il consumo privato di acqua in Europa è solo del nove per cento. Di gran lunga, la quantità maggiore di circa il 60 percento viene utilizzata in agricoltura.

L’approvvigionamento di acqua potabile del nord Italia e il raccolto di questa risaia italiana sono a grande rischio

Italia

La situazione attuale è più drammatica nel nord Italia. Il paese sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni. A causa della tesa situazione idrica, diverse regioni hanno ora dichiarato un’emergenza idrica. Più di cento città sono state invitate a ridurre il più possibile il consumo di acqua. Così il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza per cinque regioni entro la fine dell’anno. Vuole risparmiare 36 milioni di euro nel breve termine per affrontare la crisi idrica.

A causa dei mesi di siccità e dell’assenza di neve anche in inverno, i fiumi Dura Baltia e Po trasportano come al solito un ottavo dell’acqua. Alimenta una delle regioni agricole più importanti di tutta Europa. Il 30% delle superfici coltivate è attualmente minacciato dalla siccità.

L’Agenzia per la regolazione dell’irrigazione in agricoltura (Pondisa) nella regione nord-occidentale intorno al fiume Sesia ha già disposto che gli alberi da frutto e gli alberelli non possano essere irrigati. L’acqua rimanente è destinata a fornire il raccolto di riso economicamente importante.

Il sindaco di Verona ha annunciato, nel fine settimana, che al fine di garantire l’approvvigionamento di acqua potabile, l’irrigazione di parchi e campi sportivi, la prevenzione del lavaggio delle auto e delle piazze, il riempimento di piscine e piscine. Valido fino a fine agosto. Gli orti possono essere annaffiati solo di notte. Anche a Pisa l’acqua è razionata e l’acqua potabile va utilizzata solo per “uso domestico e igiene personale”. In caso contrario, è prevista una sanzione fino a 500 euro. Nel frattempo sono state chiuse tutte le fontane di Milano adibite solo alla decorazione.

Fontana di Verona

Fontane pittoresche come qui a Verona oa Milano sono già state spente

Il sindaco del piccolo comune di Castenaso vuole un approccio non convenzionale per risolvere il problema. Con effetto immediato, evita che parrucchieri e barbieri lavino due volte i capelli delle loro clienti. Ciò consentirebbe di risparmiare migliaia di litri di acqua al giorno. Ci sono dieci parrucchieri nella cittadina di 16.000.

Portogallo

Il Portogallo si è già preparato per un inverno 2022 molto secco. A causa della mancanza di pioggia, i livelli dell’acqua nei bacini idrici erano già molto bassi a gennaio. Pertanto, a febbraio il governo ha ordinato di ridurre l’uso delle centrali idroelettriche a due ore settimanali. Questo per garantire la capacità del Paese di fornire acqua potabile ai suoi dieci milioni di residenti per almeno altri due anni.

Ciò che è diventato chiaro in inverno è ancora più evidente oggi: alla fine di maggio, il 97% dell’intero paese stava già attraversando una grave siccità. La combustione di carbone, petrolio e gas ha già causato siccità, che altrimenti si verificano solo una volta ogni dieci anni, quasi il doppio di quella del Mediterraneo. Alcune aree stanno vivendo la peggiore stagione secca degli ultimi mille anni.

L’Associazione per l’irrigazione dell’agricoltura nelle città meridionali di Silves, Lagoa e Portimão ha attivato un piano di emergenza per rifornire circa 1.800 aziende agricole e dimezzare l’irrigazione di alcune colture.

Nei media portoghesi, il ministro dell’Ambiente e del clima Duarte Cordero ha sottolineato la scorsa settimana che, nonostante i preparativi attuali, il Paese dovrà convivere con restrizioni e costi dell’acqua più elevati in futuro. Duarte ha esortato le aziende a investire nel business. Nihal Zal dello Spazio economico europeo vede molte opportunità per aumentare l’efficienza o il risparmio. “Nel tragitto da una fonte d’acqua, ad esempio un lago, a un’area industriale, si perde in media il 25% di acqua dolce”. Zaal afferma che rendere più efficienti le infrastrutture idriche ha “un enorme potenziale di risparmio”.

Spagna

È anche molto secco in Spagna. Così secco che due terzi dell’intera area è minacciata dalla desertificazione. Così il terreno fertile si sta trasformando sempre più in sabbia.

Dopo che l’inverno è stato il secondo più secco dal 1961 secondo il servizio meteorologico spagnolo, le città del nord del paese sono state costrette ad adottare misure drastiche già a febbraio.

Il villaggio di Aceredo è stato allagato da un bacino idrico 30 anni fa e ora sta riemergendo.

Il villaggio di Aceredo è stato allagato da un bacino idrico 30 anni fa e ora sta riemergendo.

Nella città di Campbells in Catalogna, per ordine della città, a volte c’era acqua corrente solo per poche ore al giorno. In situazioni di emergenza, secchi d’acqua riempiti quotidianamente sono stati depositati dalla comunità in cinque località del villaggio.

Pozzi e condutture dell’acqua sotterranee sono asciutti anche nella cittadina di Vacares, nella provincia di Barcellona. Attualmente, le persone hanno acqua corrente solo tra le 6:00 e le 10:00 e dalle 20:00 fino a mezzanotte. Le riparazioni e le restrizioni relative alle perdite d’acqua hanno ridotto il consumo di acqua per la comunità di 7.000 persone fino al 25% su base giornaliera.

READ  Soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

La Spagna è il terzo produttore di prodotti agricoli nell’Unione Europea. Almeno il 70 per cento del fabbisogno totale di acqua dolce viene utilizzato in agricoltura. “La necessità continua a crescere. Invece di suggerire misure per risparmiare acqua, facciamo finta che la Spagna abbia la stessa quantità d’acqua della Norvegia o della Finlandia, quando in realtà siamo al livello del Nord Africa”, ha detto a DW Juan Barry di Greenpeace Spagna .

Una veduta del cosiddetto mare di plastica nella provincia meridionale spagnola di Almeria: quasi 30.000 serre e molteplici tunnel che coprono un'area di oltre 350 chilometri quadrati.

Una veduta del cosiddetto mare di plastica nella provincia meridionale spagnola di Almeria: quasi 30.000 serre e molteplici tunnel che coprono un’area di oltre 350 chilometri quadrati.

Sebbene un’efficiente irrigazione a goccia sia già in uso in gran parte delle aree agricole, almeno un quinto di essa è ancora irrigato con metodi non sostenibili.

Zal dell’AEA avverte che per controllare meglio le crisi idriche, è necessario allontanarsi dalla gestione delle crisi, come si può vedere ora con il razionamento dell’acqua, e pensare a lungo termine. Ciò significa maggiore efficienza nella gestione dell’acqua, nella gestione dei rischi lungimiranti e nella preparazione alla prossima crisi. Significa anche “adattarsi ai cambiamenti climatici, a livello individuale, a livello locale, a livello di governo. E a tutti i livelli”.