Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siccità in Italia: il governo dichiara lo stato di emergenza al nord – fino a fine anno

In cinque regioni del paese
L’Italia dichiara lo stato di emergenza al nord per siccità

Già all’inizio dell’estate, l’Italia geme sotto le ondate di caldo e poca pioggia. La situazione è talmente grave che il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in alcune zone del nord del Paese fino alla fine dell’anno. I cittadini ora devono ridurre notevolmente il consumo di acqua.

Il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza in cinque regioni del Paese. Si tratta di Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto. Le autorità in queste aree possono usarlo per aggirare le consuete normative e ordinare misure di emergenza come il razionamento dell’acqua.

Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi ha reagito al caldo insolitamente lungo e alla mancanza di pioggia. Ha inoltre promesso un sostegno finanziario totale di 36,5 milioni di euro per combattere la carenza d’acqua. Secondo diversi media statali, lo stato di emergenza dichiarato per le cinque regioni del nord del Paese sarà in vigore fino alla fine dell’anno.

Pu Delta si asciuga

Le alte temperature delle ultime settimane hanno portato a una siccità che potrebbe avere gravi conseguenze. Il livello dell’acqua del fiume Po, il fiume più lungo d’Italia, si è talmente abbassato che l’acqua salata scorre per chilometri nell’entroterra, alla foce del mare. Questo mescola acqua dolce e salata e asciuga anche il terreno intorno al fiume. Il cuneo salino risultante è già lungo più di 30 chilometri. Anche questo è un record.

In alcuni luoghi, il livello del Po è più basso di 70 anni fa. Il Delta del Po non è solo un’importante riserva naturale, è anche conosciuto come il granaio del paese. Circa un terzo di tutta la produzione agricola cresce in questa regione.

Il capo del più grande sindacato degli agricoltori del Paese, Fabrizio Felipe, ha affermato che la siccità causerà una perdita del “30 per cento della produzione agricola regionale”, mentre quasi la metà del bestiame della Pianura Padana è minacciata.

Verona e Pisa limitano l’uso dell’acqua

Già prima della decisione del governo italiano, molte città hanno reagito adottando misure per il risparmio idrico. Già a fine settimana le autorità veronesi avevano imposto severe restrizioni all’uso dell’acqua potabile. Di conseguenza, fino al 31 agosto 2022, questo può essere utilizzato solo durante il giorno per mangiare, igiene personale e pulizia della casa. Dalle 6:00 alle 21:00 è vietato impiantare parchi acquatici, stadi sportivi, lavare auto e riempire piscine, ha annunciato il sindaco Damiano Tommasi in ottemperanza al regolamento. I trasgressori saranno puniti con la multa fino a 500 euro.

Anche se il divieto non ha ancora indicato le ore notturne, la città ha invitato i suoi cittadini ad astenersi dalle misure di consumo idrico elencate. A Pisa il sindaco Michel Conte ha firmato un’ordinanza simile. Dall’11 luglio l’acqua potabile può essere utilizzata solo in casa in città.

Ma l’Italia non è la sola a soffrire per la carenza di calore e acqua. Anche in Spagna e Portogallo, la natura e l’uomo soffrono di temperature elevate e siccità prolungate. Secondo uno studio recente, parti di entrambi i paesi stanno diventando più aride di quanto non fossero 1.000 anni fa. Secondo i ricercatori, ciò è dovuto al cambiamento nella zona di alta pressione delle Azzorre a causa del cambiamento climatico.

(Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta martedì 5 luglio 2022.)

READ  ++ Ucraina: Ucraina: Zelensky ringrazia Boris Johnson su Twitter per le "nuove decisioni"