Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno sguardo alla notte della guerra: l’Ucraina annuncia pesanti bombardamenti a Luhansk – Zelensky ha la responsabilità dell’Occidente

Scorcio della notte della guerra
L’Ucraina annuncia pesanti bombardamenti a Luhansk – Zelensky ha la responsabilità dell’Occidente

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ribadito il suo appello a introdurre moderni sistemi di difesa missilistica nella guerra contro la Russia. Ha detto in un videomessaggio che la leadership di Kiev non esiterà nei suoi sforzi per ottenere un numero sufficiente di queste armi. Nel frattempo, ci sono state segnalazioni di nuovi attacchi missilistici da siti ucraini.

La protezione dagli attacchi missilistici dipende dai paesi partner

Zelensky ha affermato che la Russia ha nuovamente attaccato obiettivi nel paese. Le forze di difesa aerea ucraine hanno abbattuto alcuni missili. Fornire protezione contro più attacchi missilistici quest’anno è una sfida importante per il paese. “Ma portare a termine questa missione dipende non solo da noi, ma anche dai nostri partner che comprendono i nostri bisogni di base”.

Combattimenti pesanti nel Donbass

Secondo il governatore Serhiy Haji, nella periferia della regione di Luhansk continuano aspri combattimenti. “Ci sono ancora molti bombardamenti sia nella regione di Luhansk che in quella di Donetsk. Bombardano tutto ciò che si mette sulla loro strada”, ha detto Hajjaj, riferendosi alle forze armate russe. “Stanno subendo enormi perdite”.

L’esercito russo e le forze di riserva furono inviate lì per attraversare il fiume Severskyi-Donets. Ha aggiunto: “Alcuni battaglioni sono stati trasferiti lì per compensare il numero di feriti. Non ricevono tutti i feriti. Gli ospedali sono sovraffollati, così come gli obitori”. I dati non possono essere verificati in modo indipendente.

Silinsky critica la leadership dell’esercito

Dopo aspre critiche ai requisiti di segnalazione per le reclute, Zelensky ha rimproverato la leadership militare. Alla successiva riunione dello stato maggiore, il 44enne ha chiesto al ministro della Difesa, capo di stato maggiore e comandante in capo dell’esercito di fornirgli un rapporto dettagliato. “Prometto alla gente che chiarirò la questione e chiederò allo stato maggiore di non prendere decisioni del genere senza di me”.

Il comandante in capo dell’esercito Valery Zalushny e lo stato maggiore generale hanno annunciato in precedenza che gli ucraini arruolati avranno bisogno del permesso per lasciare il punto di riferimento. Dopo le critiche sui social network, si è detto che questo era necessario solo per lasciare il distretto di governo. La base è una legge del 1992.

L’Ucraina vuole entrare a far parte dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

L’Ucraina vuole entrare a far parte dell’Organizzazione dei Paesi Industrializzati (OCSE). Il primo ministro Denis Schmihal ha annunciato tramite telegramma di aver avanzato una richiesta simile a nome del Paese. Ha affermato che l’appartenenza dell’Ucraina all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) è “uno dei principali pilastri del successo della ricostruzione e dello sviluppo” dell’Ucraina. Già prima della guerra, l’Ucraina era considerata uno dei paesi più poveri d’Europa in termini di reddito pro capite.

il rublo crolla

Dopo mesi di apprezzamento, il rublo russo è sceso bruscamente alla Borsa di Mosca. La valuta nazionale russa ha perso circa il dieci per cento rispetto al dollaro e all’euro. Secondo l’agenzia di stampa “RBC”, la perdita, dopo averla stimata negli ultimi tre giorni di negoziazione, è stata di circa il 20%.

Alla fine della giornata di negoziazione, il dollaro costava più di 61 rubli e l’euro più di 63 rubli. Nel corso della giornata, le valute principali superavano rispettivamente i 62 e i 64 rubli. Questo è il livello più alto dall’inizio di maggio. Tuttavia, il rublo è ancora molto più costoso di quanto non fosse prima dell’inizio della guerra a febbraio.

Sarà importante mercoledì

  • Il cancelliere Olaf Schulz risponde alle domande dei membri del parlamento del Bundestag. Tra le altre cose, dovrebbe riguardare la guerra in Ucraina e i suoi effetti sulla Germania, inclusa l’inflazione e la carenza di gas.
  • In una conferenza stampa online con il ministro federale dello sviluppo Svenja Schulz, è stata posta la domanda su quale gemellaggio tra città potrebbe contribuire a sostenere l’Ucraina.

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati sul nostro sito web Video in diretta sulla guerra in Ucraina leggere.

READ  Delegazione talebana a Oslo: la visita controversa si conclude con le promesse