Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La riforma in Francia: il previsto pensionamento di 64

Stato: 01/10/2023 23:05

Il primo ministro francese Bourne ha presentato piani per riformare il controverso sistema pensionistico. Affronta lo scetticismo e il rifiuto di molti e i sindacati stanno già pianificando azioni di protesta.

Scritto da Caroline Della, ARD Studio Parigi

Il primo ministro Elisabeth Borne si è impegnato in questo: dal punto di vista del governo francese, la riforma delle pensioni è essenziale – e urgente. “Si tratta di preservare il nostro sistema pensionistico, che si basa sulla redistribuzione. Ma dobbiamo svilupparlo ulteriormente perché è così che manteniamo viva la solidarietà intergenerazionale”, ha detto Bourne in serata, quando sono stati presentati i dettagli della riforma prevista.

“Ma questa solidarietà va bilanciata: i contributi di chi lavora devono finanziare le pensioni”. Dire che questo equilibrio non è più sicuro non è un’opinione, ma un’affermazione.

Età pensionabile più alta – invalidità inferiore

La riforma prevede soprattutto un graduale innalzamento dell’età pensionabile da 62 a 64 anni entro il 2030. Se vuoi andare in pensione senza trattenute, devi aver versato i contributi per 43 anni in futuro. Chiunque riesca a farlo dovrebbe ricevere in futuro una pensione più alta di 1.200 euro.

Lavorare più a lungo aiuterebbe anche a compensare la prevista carenza di fondi pensione. “Non aumenteremo i costi salariali o le tasse, perché il nostro obiettivo è la piena occupazione. Attraverso il progetto, garantiamo che i fondi pensione saranno finanziariamente equilibrati entro il 2030”, ha affermato Born.

READ  La guerra contro l'Ucraina: pesanti combattimenti nel Donbass

Molte critiche alla riforma

La riforma ha incontrato una forte opposizione da parte dei partiti di opposizione. “Le politiche dovrebbero garantire che coloro che si alzano presto, lavorano sodo e hanno lavori fisicamente impegnativi possano andare in pensione presto, godersi il tempo in famiglia e essere in buona salute allo stesso tempo”, ha affermato Jordan Bardella, presidente del National Caucus. Il fatto che la riforma debba essere attuata direttamente da settembre è “difficile, quasi brutale”. Ma questo si adatta perfettamente al pensiero del governo del presidente Emmanuel Macron.

Per il Partito populista di destra, la resistenza alla riforma sarà probabilmente un’occasione gradita per presentarsi come difensore della “piccola gente” – sebbene la riforma preveda coloro che hanno iniziato la loro carriera particolarmente presto o svolgono lavori pericolosi e dovrebbero essere autorizzato a ritirarsi in anticipo.

Proteste annunciate

Per i sindacati la riforma è uno straccio rosso – e la loro reazione è netta: “Le otto maggiori associazioni si sono subito incontrate per trovare una risposta comune. Chiediamo la prima giornata di scioperi e manifestazioni il 19 gennaio. L’inizio di una forte e una mobilitazione duratura per le pensioni “, afferma Laurent Berger, segretario generale CFDT. L’obiettivo finale è convincere il governo a ritirare la riforma delle pensioni.

Secondo i sondaggi, la maggioranza dei francesi rifiuta la riforma, che arriva in un momento di grande incertezza con l’aumento dei prezzi e la perdita di prosperità. Questa paura può trasformarsi in rabbia che spinge le persone nelle strade.