Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: intervista a Olena Selinska: ‘I tedeschi hanno salvato molte vite’ | Politica

È la first lady più famosa del mondo: Olena Zelenska (44), moglie del presidente ucraino Volodymyr Zelensky (44).

Lunedì mattina, i giornalisti del BILD hanno riferito di attacchi di droni russi alla capitale ucraina e nel pomeriggio si sono incontrati con Silinska per un’importante intervista.

Come hai affrontato i raid aerei?

“Mi sono svegliato proprio come te”, dice Selinska, vestita di nero. “L’allarme era impostato per le 6:30, mi sono svegliato alle 6:17..” Allarme missilistico! E poco dopo: esplosioni. Scese subito al piano di sotto con i suoi figli. “Ma i bambini hanno bisogno di mangiare qualcosa, quindi sono salito e ho preparato la colazione”.

Routine quotidiana? Questo non è stato possibile dall’attacco russo. “Non puoi pianificare la tua vita per più di pochi minuti”, dice Selinska.

Tuttavia, una madre di due bambini, in particolare suo figlio Kirillo (9 anni), sta cercando di offrire quanta più normalità possibile. Anche nei momenti più bui.

Selinska sul marito: “Manca ai bambini”

“Era un’atmosfera opprimente”, dice Selinska dei primi giorni della guerra. Suo marito è stato inseguito dalle forze speciali russe e Kiev è stata quasi assediata. “Sapevamo che c’erano molti pericoli intorno a noi”, dice Selinska. “Ho fatto quello che ci si aspettava da me come madre: stare serena e sorridere per i miei figli”.

Ancora oggi, otto mesi dopo l’inizio della guerra, la figlia Oleksandra (18 anni) e il figlio Kirilu vedono raramente Papa Volodymyr. “Manca ai bambini”.

Lei stessa vede suo marito “al lavoro a volte in ufficio”. Ma la famiglia Zelensky è “separata nella vita di tutti i giorni”. Guerra, separazione e pericolo permanente gravano sulla famiglia presidenziale.

READ  I negozi chiudono, l'industria muore di fame: la Russia soffre sempre più di sanzioni

“Sembra orribile, ma i bambini si abituano più velocemente degli adulti”, dice Selinska degli attacchi di missili e droni. Kyrylo “Non aver paura di andare a scuola. I suoi amici e compagni di classe sono lì. Vuole andare a scuola. “Tuttavia, questi due sono rimasti a casa. “È più calmo per me quando lo vedo accanto a me”.

Selinska cerca di reprimere le sue paure. Quando il mondo ha temuto per la vita di Volodymyr Zelensky a febbraio e i paesi occidentali hanno suggerito al presidente dell’Ucraina di fuggire, Zelenska non ha perso pensieri.

“Sapevo fin dall’inizio che non avrebbe lasciato Kiev”, dice la first lady di suo marito, che è diventato un simbolo di resistenza alla Russia. “Non ha senso pensarci”.

“Non ho pensato a come fosse la situazione, a quanto fosse vicino il pericolo”, ricorda Selinska. Sebbene sappia che i russi perseguitano ancora suo marito oggi, non vuole parlare delle sue preoccupazioni.

“Allora era così ed è così che è rimasto”, dice Zelenska dei tentativi delle forze speciali russe di assassinare il presidente ucraino. “Se un paese rimane senza un leader in guerra, sarà scosso. Cerco di non pensarci”.

Selinska sull’attacco russo: “Nessuno poteva immaginare sarebbe stato così terribile”

Foto: Giorgos Motavis

Come molti altri ucraini, l’attacco russo ha sorpreso Zelenska. “La guerra non è iniziata il 24 febbraio, è iniziata nel 2014 e abbiamo convissuto con questa guerra”, dice la first lady. Ma quello che è iniziato a febbraio è stato molto diverso.

“La guerra ha leggi”, dice Selinska. “Ma questa non è una guerra, questo è un attacco terroristico”. Internamente, gli ucraini erano pronti ad attaccare. “Ma nessuno avrebbe potuto immaginare che sarebbe stato così terribile.”

“I tedeschi possono essere orgogliosi di se stessi”

Quindi è una statista. Di cosa ha urgente bisogno ora l’Ucraina? “Sistemi IRIS-T”, dicono chiaramente gli ucraini: difesa aerea tedesca ad alta tecnologia dal Lago di Costanza. “I tedeschi possono essere orgogliosi di se stessi perché hanno salvato così tante vite”, ha detto Selinska. Lunedì mattina, i droni non sono riusciti a raggiungere diversi obiettivi. Anche grazie al sistema che ci avete messo a disposizione”.

Ma: l’Ucraina ha bisogno di più aiuto contro gli aerei kamikaze dell’Iran. “IRIS-T non è abbastanza.”

Arma high-tech dalla Germania: il sistema di difesa aerea IRIS-T (foto d'archivio).  Viene utilizzato per difendersi dagli attacchi di elicotteri, aerei, missili da crociera e missili.  Un cercatore di infrarossi può essere visto in primo piano.  Il produttore è Diehl Defense, con 3000 dipendenti, con sede a Überlingen sul Lago di Costanza

Arma high-tech dalla Germania: il sistema di difesa aerea IRIS-T (foto d’archivio). Viene utilizzato per difendersi dagli attacchi di elicotteri, aerei, missili da crociera e missili. Il produttore è Diehl Defense, con 3000 dipendenti, con sede a Überlingen sul Lago di Costanza

Foto: Difesa Diehl

Selinska spera che il mondo continui a guardare all’Ucraina, anche senza le immagini dell’orrore di Bucha. “Non voglio che abbiamo bisogno di una tragedia ogni volta perché le persone ci aiutino”. Selinska è chiara: “Se agiamo più velocemente, ci saranno meno vittime”.

Prima della guerra: Olena Zelenska con suo marito, Volodymyr Zelensky

Prima della guerra: Olena Zelenska con suo marito, Volodymyr Zelensky

Foto: Photo Alliance / AP Photo

Dopodiché, molti rifugiati ucraini possono tornare in Ucraina. “Non possiamo aspettarci che le persone tornino finché la situazione non è sicura”, ha detto Selinska, poche ore dopo che il drone iraniano ha colpito la capitale.

Spera che i rifugiati ucraini in Germania sentiranno di meritare l’opportunità di lavorare. Che i loro figli possano andare a scuola”. Questo “non è per sempre”. Silinska sa che “è difficile anche per la Germania quando il peso per la società è così grande”. Ma chiede un po’ di pazienza: “Dobbiamo aspettare tempi più sicuri affinché le persone tornino”.

“C’è sempre un modo per ridere. Anche se hai paura.”

Nonostante la guerra, Selinska, che era impegnata in una commedia con suo marito, cerca di mantenere il suo senso dell’umorismo. La first lady dice che ridere fa parte della mentalità ucraina. “Troveremo sempre qualcosa di cui ridere.” Anche nelle ore più buie. “Può essere un umorismo cupo, ma ci aiuta a perseverare. C’è sempre un modo per ridere. Anche se hai paura. “

First Lady Seriamente: “È troppo tardi per avere paura”.

Selenska reagisce anche alle critiche nell’intervista BILD. In estate, la coppia ha posato per una foto per la rivista Vogue. Si vedeva la famiglia Selenskyjs in grembo stretto, davanti alle rovine, ma si vedeva anche Selenska da sola: guardando dritto nella telecamera. Bella ed elegante – e dietro i suoi sacchi di sabbia.

Scattare foto di Vogue è davvero appropriato durante una guerra? Sì, dice Selinska. “Ho il diritto di stare lì ed esprimere i miei sentimenti”. Questo “ha dato alla mia voce più potenza quando era più necessario”.

“Abbiamo sentito che il mondo si sta abituando alla guerra e che la gente è stanca della guerra”, dice Selinska. Pertanto, bisogna “trovare altri modi” per trasmettere la sofferenza degli ucraini alla popolazione mondiale. “Ho la sensazione che ci siamo riusciti”.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter.