Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: il governatore segnala esplosioni nella città di confine russa – Panoramica notturna

Aggiornato il 07/03/2022 08:09

  • La guerra infuria in Ucraina da 130 giorni e ha lasciato gravi cicatrici. Ecco perché il presidente Zelensky chiede un’azione internazionale.
  • Nel frattempo, la Russia ha segnalato diverse esplosioni in una città di confine.
  • Cosa è successo di notte e cosa sarà importante domenica.

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

A causa della massiccia devastazione in Ucraina ha una testa Volodymyr Zelensky Dopo più di quattro mesi di guerra, ha chiesto aiuto internazionale per ricostruire il suo paese. Ha sottolineato che “sono necessari enormi investimenti, miliardi, nuove tecnologie, migliori pratiche, nuove istituzioni e, naturalmente, riforme”.

La situazione nell’est del Paese sta peggiorando. Separatisti filo-russi e politici russi hanno già riferito della loro cattura della città strategicamente importante di Lysychansk nell’oblast di Luhansk – l’Ucraina non è d’accordo. L’Ucraina attaccata si avvicina al 130° giorno di guerra.

Nel frattempo, Alexander Lukashenko – il sovrano della Bielorussia e stretto alleato del presidente del Cremlino Vladimir Putin – ha apertamente minacciato l’Occidente. “Meno di un mese fa, ho dato l’ordine alle unità delle forze armate di prendere di mira (…) centri decisionali nelle vostre capitali”, ha detto, ma ha lasciato aperto esattamente quello che intendeva.

Silinsky chiede aiuto per la ricostruzione del suo Paese

“È necessario non solo riparare tutto ciò che gli occupanti hanno distrutto, ma anche creare una nuova base per la nostra vita: sicura, moderna, confortevole e priva di ostacoli”, ha detto Silinsky in un discorso domenica sera.

In questo contesto, il Capo di Stato ucraino ha anche fatto riferimento all’incontro di 40 potenziali paesi donatori lunedì prossimo nella città svizzera di Lugano. A questo evento, il governo ucraino vuole presentare per la prima volta le sue priorità per la ricostruzione del paese dilaniato dalla guerra.

READ  Incidente in barca per rifugiati: ancora morti in incidenti al largo della Grecia

Zelensky ha anche affermato che la guerra non era ancora finita. “La sua brutalità sta aumentando in alcuni luoghi”. Ha fatto appello ai suoi compatrioti a fare volontariato per le vittime della guerra.

I separatisti riferiscono di successi a Lyschansk – Kiev non è d’accordo

Secondo le loro stesse dichiarazioni, i separatisti filo-russi insieme ai soldati russi hanno preso il controllo dell’edificio dell’amministrazione cittadina nella città di Lyschansk, fortemente contesa, nell’Ucraina orientale. Lo ha affermato sabato sera il rappresentante separatista Andrei Maroshko dell’agenzia russa Interfax. Rapporti simili sulla città strategicamente importante nella regione di Luhansk sono stati fatti anche dall’agenzia di stampa russa RIA Novosti e dal presidente della Repubblica russa di Cecenia, Ramzan Kadyrov. D’altra parte, l’Ucraina ha recentemente presentato la situazione in modo diverso.

Anche la parte ucraina ha parlato di pesanti combattimenti sabato, ma ha continuato a descrivere la città come contestata. Il governatore della regione di Luhansk Serhiy Heidi ha detto che i russi stavano cercando di assaltare Lyschansk da diverse direzioni. Più tardi, lo stesso giorno, il portavoce della Guardia nazionale ucraina Ruslan Mosichuk ha ripetuto: “Sono in corso pesanti combattimenti vicino a Lysichansk, ma fortunatamente la città non è assediata ed è sotto il controllo delle forze ucraine”.

Lysychansk è l’ultima grande città nella regione di Luhansk occupata dalle forze ucraine. La cattura della regione era uno degli obiettivi dichiarati di Mosca durante la guerra. La scorsa settimana, l’esercito ucraino è stato costretto ad abbandonare la città di Sievjerodonetsk, che si trova appena oltre il fiume rispetto a Lysychansk.

Lukashenko minaccia l’Occidente

Governatore dell’ex Repubblica sovietica filorussa BielorussiaAlexander Lukashenko ha minacciato l’Occidente. Lukashenko è stato citato dall’agenzia di stampa ufficiale Belta dicendo che in caso di attacco alla Bielorussia, il suo paese avrebbe risposto immediatamente. “Meno di un mese fa, è stato dato ordine alle unità delle forze armate di prendere di mira quelli che ora possono essere chiamati centri decisionali nelle loro capitali”, ha detto il 67enne. Non ha spiegato esattamente cosa intendesse con questo.

READ  Studente (20) muore in un incidente da rodeo a causa di un pazzo di cavallo | Notizia

Nonostante il fatto che la stessa Russia abbia attaccato l’Ucraina, Mosca e la sua alleata Minsk si presentano ripetutamente come vittime di presunte politiche ostili da parte dell’Occidente, e della NATO in particolare.

Governatore: tre morti in esplosioni nella città di confine con la Russia

Secondo il governatore della regione, esplosioni nella città russa di Belgorod, vicino al confine con l’Ucraina, hanno ucciso tre persone. Vyacheslav Gladkov ha scritto questo domenica nel servizio di notizie di Telegram. Altri quattro sono rimasti feriti, tra cui un bambino di 10 anni. Anche 50 case sono state danneggiate. Sono in corso le indagini sulle cause dell’incidente e si prevede l’attivazione del sistema di difesa aerea. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

La Russia ha ripetutamente lamentato attacchi al suo territorio. Oltre a Belgorod, altre regioni russe – tra cui Kursk e Bryansk – accusano ripetutamente la parte ucraina dell’attentato. Kiev di solito non commenta le accuse.

Questo sarà importante domenica

In Ucraina, la lotta per Lysychansk continuerà probabilmente ad essere il fulcro della guerra. In Germania, il cancelliere Olaf Schultz vuole rispondere in diretta alle domande degli spettatori nell’ambito dell’intervista estiva di ARD. Anche qui bisogna discutere della situazione in Ucraina e del ruolo della Germania. (dpa/mbo)

L’esercito ucraino ha rilasciato filmati che pretendono di mostrare le bombe russe al fosforo sganciate su Snake Island. Le forze russe si erano ritirate solo di recente da lì.