Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Steinmeier: Non “spingerà” l’Ucraina nei negoziati

BIl presidente Frank-Walter Steinmeier si è espresso contro l’esortazione dell’Ucraina a negoziare la fine della guerra iniziata dalla Russia. Steinmeier ha detto domenica a ZDF “Intervista estiva”: “L’Ucraina deve ripristinare la sua sovranità, integrità territoriale e indipendenza”. La questione di come porre fine a questa guerra e spargimento di sangue rimane aperta. Per ora, la decisione sembra essere presa sul campo di battaglia.

Tuttavia, l’esperienza mostra che ogni guerra finisce al tavolo dei negoziati. La conclusione è: “Dobbiamo mettere l’Ucraina in una posizione in cui ha qualcosa da negoziare rendendola forte prima dell’inizio dei negoziati”. Steinmeier ha aggiunto: “Non spingeremo l’Ucraina. Resta, ed è una decisione per l’Ucraina, quando intraprendere quella strada. “Fino ad allora, l’Ucraina sarà sostenuta.

Steinmeier ha descritto la guerra di aggressione della Russia come una “rottura dell’epoca”. Nessuno si aspettava che il presidente Vladimir Putin accettasse la “completa rovina economica, politica e morale del suo paese” per realizzare i suoi sogni imperiali. Per quanto riguarda gli effetti sulla Germania, ha detto: “Potrebbero esserci anche diversi anni difficili a venire”. Tuttavia, la Germania è in una posizione migliore rispetto ad altri paesi con un’economia forte e reti nel mondo.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

14:37 – Sindaco: molti uccisi a Sloviansk nella regione di Donetsk

Secondo il sindaco, la città di Slovinsk, nell’Ucraina orientale, è stata presa di mira da diversi lanciarazzi. Il sindaco Vadim Lyach ha scritto su Telegram che molte persone sono state uccise e ferite. Sono scoppiati 15 incendi. È il bombardamento più pesante di questa città nella regione di Donetsk negli ultimi tempi.

10:27 – Governatore: i russi prendono piede a Lysychansk

Il governatore della regione di Luhansk Serhiy Haiday ha confermato che le forze russe hanno continuato ad avanzare nella città di Lyschansk. Gli occupanti lanciarono tutte le loro forze a Lyschansk. “Hanno attaccato la città con tattiche incredibilmente dure”, ha detto domenica il governatore distrettuale Sarhi Hajjaj. Hanno subito grandi perdite ma stanno avanzando ostinatamente. Stanno prendendo piede in città”.

In precedenza, c’erano crescenti indicazioni che i soldati ucraini si stessero deliberatamente ritirando da Lyschansk, poiché l’esercito russo ha catturato la città principale nell’est del paese, che è stata in discussione per settimane. Un video clip mostra i soldati russi che vagano tranquillamente nella parte settentrionale e sudorientale della città. Le sequenze del film sono state analizzate dal think tank statunitense indipendente per lo Study of War (ISW) e possono quindi essere chiaramente assegnate alla regione di Lysychansk tramite la geolocalizzazione. Le dichiarazioni di un ufficiale ucraino a un giornalista del WELT supportano queste informazioni.

READ  Il personale si dimette - l'oligarca non può più pagare i dipendenti

08:34 – Svelati i dettagli del britannico arrestato in Ucraina

Il direttore di un’organizzazione umanitaria britannica ha rivelato i dettagli dell’arresto di un britannico in Ucraina. Dominic Byrne del Presidium Network, che aiuta la famiglia dell’uomo, ha detto che Dylan Healy è stato arrestato il 25 aprile a un posto di blocco russo nella regione meridionale di Zaporizhia. È un agente di sviluppo e non ha nulla a che fare con l’esercito ucraino o britannico.

Healy è uno dei tanti stranieri, tra cui quattro britannici, detenuti da separatisti filo-russi. Li accusano di combattere per l’Ucraina come mercenari. Tre sono stati condannati a morte. Le accuse contro Healy sono state annunciate venerdì.

08:10 – Rapporti di attacchi a Melitopol controllata dalla Russia

Notizie di attacchi ucraini dalla città di Melitopol occupata dai russi, nell’Ucraina meridionale. Il sindaco in esilio ha affermato che le forze ucraine hanno colpito una base russa nella città più di 30 volte. L’agenzia di stampa russa RIA ha riferito che l’Ucraina ha bombardato l’area in cui si trova l’aeroporto di Melitopol. L’agenzia non ha fornito altre informazioni specifiche.

06:18 – Governatore: tre persone sono rimaste uccise in esplosioni in una città di confine russa

Secondo il governatore della regione, esplosioni nella città russa di Belgorod, vicino al confine con l’Ucraina, hanno ucciso tre persone. Secondo TASS, Vyacheslav Gladkov lo ha scritto su Telegram. Altri quattro sono rimasti feriti, tra cui un bambino di 10 anni. Anche 50 case sono state danneggiate. Sono in corso le indagini sulle cause dell’incidente e si prevede l’attivazione del sistema di difesa aerea. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

5:42 – L’Associazione delle città è preoccupata per i servizi pubblici e per lo stato della fornitura

BERLINO (Dpa) – Alla luce della crisi del gas e dell’aumento dei prezzi dell’energia, cresce la preoccupazione nelle città che i servizi di pubblica utilità incontreranno serie difficoltà e quindi la sicurezza dell’approvvigionamento sarà compromessa. “La pressione sui servizi pubblici aumenta ogni giorno”, ha detto a dpa Helmut Didi, direttore generale dell’Associazione delle città tedesche. Se i servizi pubblici dovessero trasmettere prezzi più alti, molte famiglie sarebbero sopraffatte dai costi. Se non viene approvato, “molti fornitori municipali potrebbero fallire e l’approvvigionamento di molte famiglie non sarà sicuro”.

READ  Austria: Florian Gschwandtner, fondatore di Runstatic, celebra il Corona Gala - News Abroad

“Solo i governi federale e statale possono risolvere questo problema”, ha detto Didi. Dovrebbero evitare che i servizi municipali si mettano in guai seri. “Altrimenti, la sicurezza dell’approvvigionamento in Germania sarà in pericolo”. Sono per lo più utenze comunali, da cui molte famiglie ottengono gas, luce, acqua o riscaldamento. La pressione al lavoro aumenta ogni giorno.

3:00 – Il presidente del PPE Weber chiede un vertice speciale dell’UE sulle forniture di gas di emergenza

Manfred Weber, leader del partito e del gruppo parlamentare del Partito popolare europeo (PPE), ha chiesto un vertice speciale dell’UE a causa della limitazione delle forniture di gas da parte della Russia. Durante l’incontro, i capi di Stato e di governo dovranno preparare cure di emergenza a livello europeo per l’autunno e l’inverno, ha detto il politico della Csu al quotidiano berlinese “Tagesspiegel am Sonntag”. Il vertice dovrebbe adottare misure vincolanti per un’equa distribuzione del gas.

Webber ha affermato che l’UE ha bisogno di “un meccanismo vincolante per gestire congiuntamente gli impianti di stoccaggio del gas europei”. Il gas che arriva in Europa deve essere distribuito equamente, compreso il gas liquido. Inoltre, serve un gruppo di acquisto del gas: “i prezzi al consumo saranno ridotti se l’UE acquista insieme” e non tutti i paesi per sé.

Leggi anche

01:04 – Agenzia federale di rete: le forniture di gas irregolari avranno conseguenze di vasta portata

Secondo il capo dell’Agenzia federale delle reti, la fornitura di gas irregolare in Germania avrà conseguenze di vasta portata. “Nel momento in cui la pressione nella rete del gas in un’area scende al di sotto di un certo minimo, lo stoppino in centinaia di migliaia di caldaie a gas si spegnerà improvvisamente”, ha detto Klaus Muller ai giornali del Funk Media Group (domenica). “Dovrà essere riattivato manualmente da specialisti addestrati se il gas è disponibile nell’area”, ha aggiunto.

Nessuno vorrebbe uno scenario del genere, “perché ci vorrà molto tempo per ripristinare le forniture di gas. Quindi l’obiettivo dell’Agenzia federale di rete sarà sempre quello di ordinare riduzioni dei consumi industriali, se necessario, in modo che questo scenario non si realizzi”. per Müller, i flussi di gas sono stati distribuiti in Germania finora in modo abbastanza uniforme.

“Ciò potrebbe cambiare se ricevessimo gas solo dalla Norvegia, dai Paesi Bassi o dal Belgio”, afferma Muller. Pertanto, i serbatoi sono già in fase di riempimento in modo che anche il sud possa essere adeguatamente rifornito. “Ad esempio, al momento ci stiamo concentrando non solo sul più grande impianto di stoccaggio tedesco a Rehden in Bassa Sassonia, ma anche sull’impianto di stoccaggio a Wolfersberg in Baviera”.

22:39 – Zelenskyy chiede assistenza internazionale per la ricostruzione dell’Ucraina

Alla luce della massiccia devastazione in Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky ha chiesto assistenza internazionale per ricostruire il suo paese dopo oltre quattro mesi di guerra. “È necessario non solo riparare tutto ciò che gli occupanti hanno distrutto, ma anche creare una nuova base per le nostre vite: sicure, moderne, confortevoli e libere da ostacoli”, ha detto domenica sera in un discorso.

Ciò richiede “investimenti enormi, miliardi, nuove tecnologie, migliori pratiche, nuove istituzioni e, naturalmente, riforme”. In questo contesto, il Capo di Stato ucraino ha anche fatto riferimento all’incontro di lunedì a Lugano, in Svizzera, di 40 potenziali paesi donatori. A questo evento, il governo ucraino vuole presentare per la prima volta le sue priorità per la ricostruzione del paese dilaniato dalla guerra.

Leggi anche

Combattere per un altro paese: il giornalista del WELT Alfred Hackensberger ha soldati volontari nella loro base vicino al fronte

combattenti stranieri

Zelensky ha anche affermato che la guerra non era ancora finita. “La sua brutalità sta aumentando in alcuni luoghi”. Ha fatto appello ai suoi compatrioti a fare volontariato per le vittime della guerra.