Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vertice Ucraina a Bruxelles: Biden si avvicina ai ranghi con l’Europa

Stato: 24/03/2022 10:15

Oggi, il presidente degli Stati Uniti Biden sta consigliando la NATO, il Gruppo dei Sette e l’Unione Europea sulla guerra in Ucraina. Oltre a sanzioni più severe e al rafforzamento del fianco orientale della NATO, si tratta anche di simbolismo: gli USA sono dalla parte dell’Europa.

Scritto da Torsten Tishman, ARD Studio a Washington, ora Bruxelles

Le prossime ore a Bruxelles potrebbero rivelarsi cruciali per la strategia dell’Occidente. Gli Stati Uniti ei loro alleati vogliono discutere cosa fare dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jack Sullivan ha promesso in una conferenza stampa che il presidente Biden avrebbe coordinato un maggiore sostegno militare all’Ucraina con i suoi partner a Bruxelles. Il presidente degli Stati Uniti è arrivato ieri sera nella capitale belga. “Lavorerà con gli alleati per emanare ulteriori sanzioni contro la Russia e aumentare le sanzioni esistenti per scoraggiare i tentativi di aggirare le sanzioni”, ha affermato Sullivan.

Tra dodici ore Biden vuole partecipare al vertice straordinario dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), all’incontro dei Paesi del G7 e con i capi di Stato e di governo dell’Unione Europea. Le sanzioni sono sempre un problema perché il governo degli Stati Uniti pone dei limiti al confronto con l’energia nucleare russa. La direzione considera le proprie opzioni limitate. L’Occidente ha escluso una no-fly zone, le forze NATO in Ucraina e i combattenti MiG per Kiev.

Rafforzare i confini orientali della NATO

Verranno invece consegnati missili antiaerei e anticarro, afferma Charles Kupchan in una chat video. “Molte armi arrivano in Ucraina dalla Polonia e dalla Romania. Sospetto che provengano anche da altre fonti”, ha affermato Kupchan, docente al Council on Foreign Relations di Washington, DC. “Ma poi? Un altro problema sono i rinforzi lungo il confine orientale del territorio della NATO”.

READ  32 Länder im Vergleich: Deutschland auf Platz 1 bei EU-Analyse zu Schäden nach Wetterextremen

Si tratta di deterrenza militare contro la Russia. Washington vuole usare forze aggiuntive per impedire che la guerra russa in Ucraina colpisca altri paesi, compresi i paesi della NATO. La NATO ha annunciato che in futuro quattro gruppi tattici saranno trasferiti in Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria.

Posizione comune sull’uso delle armi chimiche

Ci sono anche considerazioni chiave, ha affermato il consigliere per la sicurezza Sullivan: “La seconda domanda è come si posizionerà la NATO a lungo termine. Il presidente ne discuterà con gli alleati”. Ciò significa che gli alleati devono chiarire se la NATO difensiva sta mantenendo le sue promesse quando si tratta di limitare il numero di truppe stabilmente di stanza nell’Europa orientale.

Anche gli Stati Uniti si battono per una posizione comune se il presidente russo Putin usa armi non convenzionali, cioè armi chimiche, in Ucraina.

Volodymyr Zelensky |  dpa

Zelenskyj chiede “sostegno illimitato”

Prima dell’inizio del vertice della NATO, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto “sostegno effettivo e senza riserve” dall’alleanza militare, comprese tutte le armi di cui il suo paese ha bisogno per respingere un’invasione russa. “Chiediamo all’Alleanza di dichiarare che aiuterà pienamente l’Ucraina a vincere questa guerra, a liberare le nostre terre dagli invasori e a riportare la pace in Ucraina”, ha detto Zelensky nel suo discorso a tarda notte alla nazione.

Zelensky parlerà del vertice della NATO tramite collegamento video. Ha fatto appello ai paesi occidentali affinché rimangano uniti. Ha detto: “Vedremo chi è l’amico, chi è il partner, chi ci ha venduto e ci ha ingannato”. “Insieme non dovremmo permettere alla Russia di dividere nessuno nella NATO, nell’Unione Europea o nel G7 e portarlo dalla parte della guerra”.

READ  Corona: convivere con il virus? Shock in Australia come modello, non Covid

Biden: Nessun divieto alle importazioni di petrolio

Nella riunione con il Consiglio europeo, le importazioni di materie prime dalla Russia potrebbero essere nuovamente un problema. L’Europa dipende dalle forniture, in particolare da paesi come la Germania e l’Ungheria. Sullivan ha affermato che il governo Biden non vuole esercitare alcuna pressione su di esso, e si dice pubblicamente: “Possiamo vietare l’importazione di petrolio, gas e carbone russi. E possiamo compensarlo”. “Ma il presidente ha anche chiarito che alcuni dei nostri partner europei non possono farlo e non li costringerà”, ha aggiunto.

Soprattutto, però, la visita del presidente degli Stati Uniti a Bruxelles è anche un simbolo: gli Stati Uniti dalla parte dell’Europa. E cerca di preservare la grande unità attuale. “Quello che non dovremmo perdere di vista: le sfide che abbiamo dovuto affrontare prima dell’invasione russa dell’Ucraina non sono scomparse”, spiega l’esperto Kupchan. “Ci saranno le elezioni negli Stati Uniti alla fine dell’anno. Biden potrebbe perdere la maggioranza al Congresso. E in Europa, il dibattito sui disertori sarà nuovamente al centro dell’attenzione”. Le differenze politiche interne si sovrappongono solo in tutti i paesi. Secondo lui, possono ricominciare da capo. Con conseguenze per l’intera alleanza.