Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

USA: divieto di fabbrica di dieci anni per le aziende tecnologiche statunitensi in Cina | i soldi

Piano da 50 miliardi di dollari |

La Cina mette al bando le aziende tecnologiche americane!

Gli Stati Uniti vogliono ridurre la loro dipendenza dalla Cina.

Per raggiungere questo obiettivo, le società statunitensi del settore tecnologico sovvenzionato dallo stato non possono costruire più fabbriche “high-tech” nella Repubblica popolare cinese nei prossimi 10 anni.

Questa politica fa parte del Chips and Science Plan (CHIPS) da 50 miliardi di dollari del governo degli Stati Uniti per incoraggiare lo sviluppo di un’industria manifatturiera di semiconduttori domestica.

Attualmente c’è una carenza di microchip in tutto il mondo, che sta causando un rallentamento della produzione in molti luoghi.

▶ ︎ “Faremo in modo che coloro che ricevono fondi CHIPS non possano mettere a repentaglio la sicurezza nazionale (…) non siano autorizzati a utilizzare questi fondi per investire in Cina e non siano autorizzati a sviluppare tecnologie avanzate in Cina per dieci anni”, hanno affermato gli Stati Uniti La segretaria al Commercio Gina Raimondo alla presentazione dell’American Chip and Science Act.

La segretaria americana al Commercio Gina Raimondo

Foto: Kevin Lamarck/Reuters

Gli Stati Uniti e la Cina sono da tempo in disaccordo su commercio e tecnologia.

Lo scorso agosto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una legge per investire 280 miliardi di dollari (280,9 miliardi di euro) nella produzione high-tech e nella ricerca scientifica, nel timore che gli Stati Uniti possano perdere il loro vantaggio tecnologico sulla Cina.

︎ Gli investimenti includono crediti d’imposta per le società che costruiscono impianti di produzione di chip per computer negli Stati Uniti.

► Gli Stati Uniti attualmente producono circa il 10% della fornitura mondiale di semiconduttori, essenziali per qualsiasi cosa, dalle automobili ai telefoni cellulari, rispetto a quasi il 40% nel 1990.

L’ambasciata cinese a Washington si era espressa contro la legge sui semiconduttori perché ci ricordava la “mentalità della guerra fredda”.

Alcuni produttori di chip statunitensi stanno già risentendo degli effetti della repressione di Washington sulla vendita di tecnologia statunitense alla Cina. All’inizio di settembre, le autorità statunitensi hanno chiesto a Nvidia e AMD di interrompere la vendita di chip di intelligenza artificiale alla Cina.

(sì)

READ  USA: Omicidio nel bosco! Attirare lo studente (22) alla morte con un finto crollo | Notizia