Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli esperti prevedono una massiccia recessione nell’economia russa

Molte sanzioni occidentali contro la Russia mirano a indebolire l’economia del Paese. In particolare, i massicci prezzi dell’energia e la dipendenza dell’Europa dal gas e dal petrolio russi attualmente aiutano il Cremlino a stabilizzare la propria economia e valuta.

È probabile che questa situazione cambi a medio termine. Un rapporto interno degli economisti russi al Cremlino mostra ciò che la Russia si aspetta attualmente da una massiccia recessione della sua economia, Disponibile per il portale di notizie “Bloomberg”..

Prevedi due dei tre scenari presentati Grande crisi economica. In caso di sviluppo economico “lento”, gli esperti prevedono che il PIL russo diminuirà dell’8,3% nel 2023 rispetto all’anno precedente. In uno “scenario di stress” il PIL non toccherà il minimo fino al 2024 con un calo dell’11,9 per cento.

Secondo il quotidiano interno, l’economia dovrebbe raggiungere i livelli prebellici solo alla fine del decennio o anche più tardi. Il rapporto affronta anche la cosiddetta “fuga di cervelli” (cioè la fuga di lavoratori qualificati). Di conseguenza, gli analisti prevedono che fino a 200.000 professionisti IT lasceranno il Paese entro il 2025.

Economia russa Dipende molto dalle esportazioni di energia. Costituiscono la spina dorsale economica. Secondo il rapporto, qui gli effetti delle sanzioni saranno più visibili.

Nel corso del prossimo anno o due, gli economisti hanno avvertito di “bassi livelli di produzione in una gamma di settori orientati all’esportazione”, dal petrolio e gas ai metalli, ai prodotti chimici e ai prodotti del legno. Anche se una certa ripresa sarà possibile in un secondo momento, afferma il rapporto, “questi settori non saranno più il motore dell’economia”.

READ  Supplemento gas: quanto devono pagare i consumatori e quando? | NDR.de - Guida

Tuttavia, le sanzioni occidentali non solo renderanno difficile per la Russia esportare le sue materie prime, ma renderanno anche più difficile importare beni importanti. Dettagli del rapporto Quali settori possono essere colpiti dalle sanzioni occidentali e in che misura.

Di conseguenza, ad esempio, il 95 percento dei voli passeggeri deve essere effettuato da aeromobili di produttori stranieri. Si dice che il fallimento delle importazioni di pezzi di ricambio possa portare a una massiccia contrazione della flotta e persino a un fallimento completo.

Altrettanto gravi saranno le conseguenze per i settori farmaceutico e agricolo, nonché per la costruzione di macchine industriali. Anche qui la Russia dipende in gran parte dalle importazioni occidentali. (TSP)

alla home page