Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trattare con i media e le minoranze: la Commissione Ue fa causa all’Ungheria

Stato: 15/07/2022 13:09

La Commissione europea ha intentato una causa perché vede violazioni dei diritti delle minoranze e della libertà dei media in Ungheria. Il corso del primo ministro Orban è stato a lungo criticato. In caso di condanna si corre il rischio di infliggere pesanti sanzioni pecuniarie.

La Commissione europea ha deferito due volte l’Ungheria alla Corte di giustizia europea per presunte violazioni del diritto dell’UE. Da un lato, si tratta di una legge che limita l’informazione su omosessuali e transgender, ha dichiarato l’autorità. L’altro caso riguardava le azioni delle autorità ungheresi contro la stazione radiofonica indipendente Cloradio.

La Commissione dell’Unione Europea controlla il rispetto dello stato di diritto nella comunità internazionale. Se l’Ungheria non si attiene alle ormai attese sentenze della Corte di giustizia europea, c’è il rischio di sanzioni elevate. I critici hanno a lungo accusato il primo ministro di destra Viktor Orban di minare i diritti delle minoranze, le istituzioni democratiche e la libertà di stampa, di soggiogare la magistratura e di alimentare il risentimento contro gli stranieri.

Von der Leyen ha definito la legge una “vergogna”

La legge sui gay ha causato forti venti contrari per Orban nell’Unione Europea lo scorso anno. “Questa legge ungherese è una vergogna”, ha detto all’epoca il presidente della Commissione europea von der Leyen. Il primo ministro olandese Mark Rutte ha chiarito che non vede posto per l’Ungheria nell’Unione europea se il governo di Budapest continua così. La legge è entrata in vigore nel luglio 2021. Vieta le pubblicazioni che descrivono relazioni non sessuali accessibili ai bambini. È inoltre vietata la pubblicità in cui omosessuali o transessuali appaiono come parte della vita normale.

READ  La Russia "ha perso il 30% delle sue capacità di combattimento"

Lo stesso Orbán ha respinto ogni critica alle nuove regole, sostenendo di essere già difensore dei diritti dei gay. Tuttavia, la Commissione europea ritiene che la legge discrimini le minoranze sulla base del loro orientamento sessuale e identità di genere, tra le altre cose, e violi i diritti fondamentali ei valori dell’UE. Esattamente un anno fa, l’autorità ha avviato il cosiddetto procedimento di abuso contro l’Ungheria. Intanto Budapest non ha dissipato i timori.

La licenza di trasmissione radiofonica del club non è stata rinnovata

Lo stesso vale per la causa contro Radio Club, che è forse l’ultima emittente radiofonica professionale indipendente del Paese. La stazione è stata costretta a interrompere le trasmissioni in FM nel febbraio 2021 a causa del mancato rinnovo della licenza di trasmissione da parte dell’Agenzia statale d’informazione. Da quando il primo ministro di destra Orban è entrato in carica nel 2010, l’emittente privata è stata regolarmente repressa dalle autorità dei media. Tra l’altro, prima della revoca della licenza, gli era consentito trasmettere solo nell’area della Grande Budapest.

Al momento, Club Radio trasmette il suo programma solo su Internet, anche se con una portata molto più ridotta. La Commissione UE ha giustificato la denuncia della Corte di giustizia europea con il fatto che l’Ungheria aveva applicato le norme sull’estensione della frequenza di trasmissione in modo inappropriato e discriminatorio.