Sistema Solare: Mercurio si sta restringendo: ecco perché

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Sebbene Mercurio sia il pianeta più vicino al Sole, il suo interno si raffredda perché il calore fuoriesce da esso. Per questo motivo anche le rocce e i minerali che compongono il pianeta si sono ristretti dall’interno – questo fenomeno è chiamato anche contrazione termica o contrazione termica.






Di conseguenza, la loro crosta ha meno area da coprire e interagiscono con faglie di spinta in cui parti di terreno vengono spinte sul terreno adiacente. Questo processo ha richiesto miliardi di anni. Non è noto in che misura il pianeta si stia restringendo ancora oggi o per quanto tempo continuerà questo processo.

Gruppo di ricerca Ho dato un’occhiata più da vicino agli eventi. Già nel 1974 la sonda spaziale Mariner 10 è stata in grado di documentare canyon (pendii simili a scogliere) alti chilometri sulla superficie di Mercurio. Questi si insinuavano attraverso il terreno roccioso del pianeta per centinaia di chilometri. La missione Messenger è stata in grado di identificare diverse scogliere a lobi.

Da questa osservazione gli esperti hanno potuto concludere che il pianeta Mercurio aveva ridotto il suo raggio di circa sette chilometri. Sotto ogni parete ripida, faglie geologiche (spinte) in leggera pendenza devono avvicinarsi alla superficie.




Mercurio è ancora attivo e si sta restringendo?

Secondo il consenso, le cicatrici di Mercurio hanno in genere circa tre miliardi di anni. Si dice che la ragione di ciò siano i terremoti o i terremoti di Mercurio. I più grandi terremoti che si verificano su Mercurio sono probabilmente più piccoli di quelli che si verificano sulla Terra.

Per raggiungere l’accorciamento totale di due o tre chilometri che può essere misurato su una tipica faglia su Mercurio, sarebbero stati necessari centinaia di terremoti di magnitudo 9. Al gruppo di ricerca sembra più probabile che milioni di terremoti più piccoli siano stati distribuiti nel corso di miliardi di anni.

Il team non ritiene che la contrazione termica di Mercurio sia del tutto completa, anche se dovrebbe rallentare nel tempo. Si pensa che molti canyon siano migrati in tempi geologici recenti, anche se si sono formati miliardi di anni fa.

Sembra che la Terra su Mercurio abbia tremato solo pochi milioni di anni fa

Questa ipotesi viene eseguita attraverso l’osservazione. Alcune cicatrici su Mercurio mostrano piccole fratture che si trovano tra due faglie parallele, chiamate “ganci” in geologia. Questo di solito accade quando la corteccia si espande. Ma poiché la crosta di Mercurio nel suo complesso è compatta, questa è stata una scoperta strana.

Mappe delle fosse esistenti e potenziali su Mercurio (Crediti: NASA/JHUAPL/CIW). [1/2]

Esempi di trincee su Mercurio (Crediti: NASA/JHUAPL/CIW). [2/2]


Secondo il gruppo di ricerca, queste fosse si sono formate quando un pezzo della crosta terrestre si è piegato mentre veniva spinto sul terreno adiacente. Le trincee sono larghe meno di un chilometro, profonde meno di 100 metri e, secondo i calcoli del team, hanno meno di 300 milioni di anni.

La sonda spaziale Bepi-Colombo, che dovrebbe entrare nell’orbita di Mercurio nel dicembre 2025, invierà immagini più dettagliate della superficie del pianeta più vicina al Sole rispetto alla Terra. Immagini più dettagliate possono mostrare anche tracce di macerie, che potrebbero essere un’ulteriore prova di recenti terremoti.

Studiare

Lo studio è stato pubblicato il 2 ottobre 2023 sulla rivista Nature Geoscience: Colture piccole e diffuse coerenti con il recente movimento tettonico su Mercurio (Piccole faglie su larga scala coerenti con il recente movimento tettonico su Mercurio.)


Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...