Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rigenerazione dei tessuti del SNC con Medryson? – Medicina / Trattamento – Notizie sulla sclerosi multipla

tessuto danneggiato cervello E da allora la rigenerazione del midollo spinale, pazienti, medici, parenti e scienziati l’hanno sognata Sclerosi multipla essere. Finora nessuna erba è cresciuta per questo. Mentre nella fase di ricaduta, molti già malattia Almeno in parte, sono disponibili freni di grande successo, e lì per il progresso, dal graduale degenerazione I corsi contrassegnati da PPMS e SPMS fino ad oggi sono metodi moderatamente efficaci (vedi anche trattamento della SM). in avanzato SM In piedi fino ad oggi Trattamento sintomatico in primo piano. rinnovo o rimielinizzazione Potrebbe significare che i danni già fatti possono essere riparati, almeno in parte.

Ci sono stati e ci sono ancora molti approcci efficaci nel modello murino; Solo pochi di loro sono stati in grado di ottenere l’approvazione per i corsi di SM progressiva e con un’efficacia piuttosto scarsa (vedi anche la sezione notizie AMSEL”SM progressiva/progressivaAnche allo stato attuale, sarebbe irresponsabile suscitare troppe speranze.

L’obiettivo della ricerca è migliorare la qualità della vita nei casi di SM avanzata

Nel caso di Medryson, i successi finora si riferiscono solo a un modello murino di SM. Tuttavia, va notato che dimostra ancora una volta che i ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando duramente per trovare trattamenti migliori per la SM. Inoltre: più nuovi approcci vengono scoperti, maggiore è la possibilità che alcuni di essi portino a trattamenti efficaci e migliorino la qualità della vita delle persone con SM avanzata.

Informazioni sullo studio: un gruppo di ricerca guidato dal professor Patrick Currie a Dusseldorf è stato in grado di utilizzare un modello murino per dimostrare che il corticosteroide di Medryson aiuta a sostituire le cellule perse e può anche ripristinare le guaine mieliniche. Se questi risultati possono essere trasferiti ai pazienti con SM, sarà possibile aiutare meglio quelli con SM avanzata e forse – ancora un sogno audace nel trattamento della SM – ripristinare parzialmente le funzioni perse.

READ  La terapia con mRNA può aiutare - Heilpraxis

Il topo non è umano

A questo punto, va sottolineato che i topi non sono umani e che la SM di ratto ha somiglianze limitate con la SM umana. Inoltre, Medryson deve dimostrare di essere sicuro al dosaggio richiesto, i benefici ei rischi degli effetti collaterali devono essere accettabili e tutto questo deve essere dimostrato in studi approfonditi.

Vantaggio: se soddisfa questi requisiti, potrebbe essere leggermente più veloce di un principio attivo completamente nuovo. Perché: Medryson è un farmaco già approvato sotto forma di colliri. Appartiene ai corticosteroidi ed è approvato per il trattamento di malattie infiammatorie degli occhi e reazioni allergiche agli occhi. Per quanto riguarda i suoi effetti neurologici, non è stato ancora studiato. Il farmaco non è attualmente disponibile in Germania.

Il gruppo di ricerca guidato dal professor Patrick Currie da molti anni indaga sui processi degenerativi e rigenerativi del sistema nervoso centrale, anche con l’obiettivo di trovare principi attivi che promuovano il processo di rigenerazione nel cervello e nel midollo spinale. Nel loro studio, il team di Dusseldorf è stato in grado di dimostrare che gli astrociti reagiscono specificamente al danno mielinico. Appaiono sottotipi che in parte promuovono la rigenerazione e in parte promuovono il processo di distruzione. Questi processi sono molto complessi.

Effetto imprevisto di Medryson sui sottotipi di astrociti

Inaspettatamente per i ricercatori in una clinica per Neurologia Dal Centro dell’Università di Düsseldorf è stato che Medryson (dato qui come iniezione) in un modello murino promuove i sottotipi di astrociti responsabili della protezione dei tessuti, della rimielinizzazione e della soppressione di quelli che causerebbero ulteriori danni. “Questo studio suggerisce anche che questo farmaco potrebbe essere utile come potenziale trattamento per la SM in fase avanzata, in cui i processi di rigenerazione falliscono progressivamente”, hanno concluso i ricercatori dalle loro scoperte, sottolineando anche che sono necessari ulteriori studi anche qui. uno sfondo in cui topi e umani mostrano differenze nell’interazione delle cellule del sistema nervoso centrale.

READ  Non solo per i cani! Quando metti a nudo il tuo gatto?