Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando l’ego si intromette nel modo di pensare

Durante la lettura del libro di 500 pagine “Il controllo ormonale è autodeterminante” ho avuto un leggero mal di testa: l’argomento è tanto complesso quanto eccitante – e il motivo per cui ho pranzato con l’autrice di bestseller Franca Parianen. Il ricercatore Brain and Science mi parla del neuroscienziato James Fallon, che alcuni anni fa era determinato a dimostrare che i cervelli dei criminali sono più piccoli della media. Poi si è scoperto che il suo cervello non era più grande di quello dell’assassino.

PR / Anke Illing

La critica scientifica Franka Parianen scrive libri di successo sul cervello, gli ormoni e la convivenza umana.

Anche ricercatori famosi si espongono al ridicolo quando spinti da pregiudizi o da un ostinato rifiuto di sapere, ad esempio sulla falsariga di: “Sappiamo che le donne sono stupide, quale modo migliore per dimostrarlo?” Chi giudica per pregiudizio. “È inquietante come le persone nella ricerca e che si assumono la responsabilità delle persone possano farlo”, dice Franka Parianen, riferendosi a una nota giovane psichiatra di Monaco che, contro ogni conoscenza scientifica, ridicolizza l’identità trans come fenomeno alla moda per i bambini confusi. “Vengono da lui che hanno bisogno di aiuto e lui dice che sei parte del problema”.

Come scienziata, Franca Parianen riconosce lo stesso schema di argomentazioni contro l’autodeterminazione delle persone transgender: i critici del sesso accettano le cellule germinali umane come l’unica definizione valida di sesso. “Lavora anche in biologia. Ma non è l’unica”. La registrazione delle caratteristiche sessuali, che include anche la personalità o il comportamento, è quantomeno molto rilevante per la ricerca. “Nessun esperimento di neuroscienza inizia chiedendo alle persone: che tipo di gameti producono effettivamente?”

I critici di genere riducono la considerazione a una parziale, ma poi vogliono avere voce in capitolo su tutto: società, leggi, tutto ciò che dovrebbe essere soggetto al loro punto di vista. Le argomentazioni sono intenzionalmente scientificamente impure: “Non è così che funziona la scienza o funziona affatto”, afferma Parianin. Le discussioni devono aver luogo, ma si stanno facendo progressi perché “spesso dobbiamo rivedere le cose”. Parianen trova particolarmente difficile continuare a invitare coloro che rifiutano la conoscenza – con giustificazione: abbiamo bisogno del dialogo.

Lo stesso Max von Pettenkoffer ha vissuto le spiacevoli conseguenze di un rifiuto della conoscenza. 130 anni fa, il capo dell’Accademia delle scienze bavarese credeva che il colera fosse causato dai fumi disgustosi. Per dimostrarlo, ha bevuto una tazza di vibrio cholerae. Anche la diarrea nella sua vita il ricercatore non sapeva niente di meglio.

Forse le persone sono troppo limitate per pensare a se stesse senza pregiudizi? I genitori la mettono così: “Il cervello è incredibilmente intrecciato con l’ego”. I genitori sono più motivati ​​dall’ego per la loro tendenza a condividere, a raccontare al pubblico il mondo della ricerca sul cervello e sugli ormoni. I lettori la contattano direttamente con domande specifiche sulla sindrome premestruale o sul cambiamento ormonale, a cui lei non risponde da sola, ma come scienziata ha trovato uno studio che potrebbe aiutare l’interrogante. “Non lo capisci nella scienza, la sensazione di avere un impatto positivo sulla vita di qualcuno”.

READ  Stelle cadenti nel novembre 2021: come guardare le fulminee Leonidi