Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin alleato: Lukashenko parla di escalation nucleare nella guerra in Ucraina

all’estero L’alleato di Putin

Lukashenko parla di un’escalation nucleare nella guerra in Ucraina

Secondo Lavrov, la Russia vuole impadronirsi di più territorio in Ucraina

Secondo il suo ministro degli esteri, il governo russo sta prendendo di mira non solo Donetsk e Luhansk, ma anche Cherson e Zaporizhia in Ucraina. La giornalista di WELT Tatiana Ohm afferma che un’invasione della costa del Mar Nero strangolerebbe economicamente l’Ucraina.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Alexander Lukashenko, il sovrano della Bielorussia, ha chiesto in un’intervista di porre fine alla guerra tra Russia e Ucraina. Se il conflitto continua, ha detto, c’è il rischio di una guerra nucleare. La CIA stima che finora siano caduti 15.000 russi. Panoramica.

DottIl presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha parlato di un’escalation nucleare in connessione con la guerra in Ucraina. Giovedì Occidente, Ucraina e Russia hanno chiesto la fine del conflitto per evitare un’imminente “guerra nucleare”. “Dobbiamo fermarci e raggiungere un accordo per porre fine a questo caos, questo processo e la guerra in Ucraina”, ha detto Lukashenko in un’intervista all’AFP.

“Non dobbiamo andare oltre”, ha aggiunto. Perché minaccia “l’abisso della guerra nucleare”. Non dovrebbe arrivare a questo. Lukashenko è un alleato del presidente del Cremlino Vladimir Putin, che alla fine di febbraio ha ordinato alle forze russe di invadere l’Ucraina. All’inizio della guerra, le truppe russe avanzarono verso Kiev dalla Bielorussia.

Lukashenko ha esortato il governo ucraino a riprendere i negoziati con la Russia. “Tutto dipende dall’Ucraina”, ha detto. Esiste attualmente la possibilità “che la guerra possa finire in condizioni più accettabili per l’Ucraina”. Ha invitato l’Ucraina a “sedersi al tavolo dei negoziati e ad accettare che non minaccerà mai la Russia”.

Leggi anche

Attacco nell’Ucraina orientale

Lukashenko ha affidato all’Occidente la responsabilità dell’escalation militare del conflitto ucraino, che ha “suscitato” questo conflitto militare e continua ad alimentarlo. Ha detto che la Russia ha risposto alla minaccia della NATO. Il governatore della Bielorussia ha affermato: “Se la Russia non avesse impedito la NATO, loro (i paesi occidentali) si sarebbero organizzati e avrebbero colpito”.

La CIA stima che 15.000 russi siano stati uccisi nella guerra in Ucraina

Secondo le stime del servizio di intelligence estero statunitense, la CIA, è già dalla parte russa nella guerra contro l’Ucraina 15.000 persone Ha perso la vita. Il numero dei feriti ha raggiunto il triplo di quello dei russi finora, ha detto mercoledì il direttore della CIA William Burns in una tavola rotonda durante una conferenza sulla sicurezza ad Aspen, in Colorado.

E anche gli ucraini hanno sofferto, forse un po’ meno. Ma, come sapete, grandi perdite. ”Non ci sono informazioni attuali da parte delle autorità ufficiali della Russia sul numero di morti.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La concentrazione delle forze russe nel Donbass, ha detto Burns, indica, almeno per il momento, che l’esercito russo ha imparato dai fallimenti all’inizio della guerra, iniziata quasi cinque mesi fa.

In un certo senso, l’esercito russo si è ritirato in una posizione più comoda, sfruttando il suo vantaggio e la sua potenza di fuoco a lungo raggio per scacciare e distruggere efficacemente obiettivi ucraini e affrontare le debolezze militari che devono ancora compensare”, ha affermato Burns.

Leggi anche

Il consigliere Olaf Schultz

Gli Stati Uniti hanno promesso più lanciarazzi multipli Hemar per supportare Kiev mercoledì. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha affermato durante le consultazioni online con il cosiddetto Gruppo di contatto ucraino di dozzine di paesi che i lanciatori HIMARS consegnati finora “hanno fatto un’enorme differenza sul campo di battaglia”. I dettagli saranno annunciati nel corso della settimana.

La leadership di Kiev era grata, ma ha anche chiesto con urgenza la consegna di sistemi di difesa aerea. Il presidente Volodymyr Zelensky ha sottolineato nel suo discorso video giovedì sera che la vittoria del suo Paese sugli attaccanti russi proteggerà l’intera Europa.

La Russia avanza lentamente verso la E40

Secondo l’Institute for the Study of War, i progressi russi nel Donbass sono attualmente limitati a singole aree scarsamente popolate a nord di E40. strada Nell’oblast’ di Donetsk. dopo l’apertura Lyschansk Il 3 luglio, la Russia, la cittadina più vicina, non ha ancora avuto successo fino a mercoledì Seversk Per raggiungerlo, come affermato in analisi quotidiana dall’istituto.

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_2107

Fonte: Mondo Infografico

Anche le città bastoncino E il Sloviansk Non raggiungerai le truppe. Tuttavia, gli esperti statunitensi prevedono che i combattimenti potrebbero intensificarsi nuovamente nelle prossime settimane se le forze russe raggiungeranno i 40 che collegano le due città.

Inoltre, la Russia continua a bombardare la città Charkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina. Il governatore distrettuale Oleh Senehubov ha affermato che almeno 13 persone sono state uccise negli attacchi di mercoledì.

READ  Focus sull'Estremo Oriente: gli investitori frenano