Presto si combatterà a Gaza City? Israele annuncia attacchi “grandi”.

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
  1. Home page
  2. Politica

L’esercito israeliano sta attaccando centinaia di obiettivi nella Striscia di Gaza e potrebbe presto entrare nella città più grande. La guerra in Israele e Gaza è nelle notizie.

  • Usare in Striscia di Gaza: L’esercito israeliano potrebbe presto entrare a Gaza City
  • Centinaia di obiettivi sono stati attaccati: Israele annuncia l’uccisione di “un certo numero di terroristi di Hamas”.
  • Le informazioni qui trattate sulla guerra in Israele provengono dai media e dalle agenzie di stampa internazionali, ma anche dalle parti in conflitto. Tuttavia, alcune informazioni sulla situazione in Israele e nella Striscia di Gaza non possono essere verificate in modo indipendente. Manteniamo la trasparenza anche in questi casi.

Aggiornamento del 6 novembre, 14:10: Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha accusato gli Stati Uniti di “incoraggiare” Israele a commettere “atrocità” contro i palestinesi nella sua guerra con Hamas. “Gli orribili crimini contro l’umanità sono un genocidio” compiuto da Israele “con il sostegno degli Stati Uniti e di alcuni paesi europei”, ha detto Raisi dopo l’incontro con il primo ministro iracheno Muhammad Shiaa al-Sudani a Teheran lunedì.

Dal 7 ottobre il numero dei morti nella Striscia di Gaza è salito a 10.022. Lo ha annunciato il ministero della Sanità diretto da Hamas. Tra le vittime degli attacchi israeliani (dopo l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre) ci sono 4.104 bambini. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Guerra in Israele: l’esercito israeliano potrebbe entrare a Gaza City nei prossimi giorni

Aggiornamento dal 6 novembre alle 12:00: Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha annunciato altri “grandi” attacchi nella Striscia di Gaza “nei prossimi giorni”. Dopo aver “diviso” la Striscia di Gaza in “Gaza Nord e Gaza Sud”, le forze di terra israeliane potrebbero presto entrare a Gaza City, la città più grande dell’enclave costiera chiusa. È quanto riporta un quotidiano israeliano Haaretz Citato dall’esercito. Domenica sera si parlava di “48 ore” affinché i soldati entrassero nella città densamente popolata e vi combattessero.

Lo scopo dell’operazione è distruggere le strutture e i tunnel di Hamas. L’obiettivo del governo di distruggere completamente Hamas potrebbe richiedere molto tempo. L’esercito dice che è questione di mesi, un anno o anche di più Haaretz-un report. Non ci sarà alcun ingresso diretto nei tunnel di Hamas a causa del pericolo di trappole esplosive.

Conflitto in Medio Oriente: Israele attacca dal cielo centinaia di obiettivi nella Striscia di Gaza

Aggiornamento del 6 novembre, 9:35: L’aeronautica israeliana ha annunciato di aver attaccato ancora una volta centinaia di obiettivi nella Striscia di Gaza. Lunedì mattina l’esercito ha annunciato che nelle ultime 24 ore erano stati bombardati circa 450 obiettivi aerei. Questi includevano tunnel, installazioni militari e lanciamissili anticarro appartenenti al movimento islamico Hamas. Inoltre, le forze sul terreno hanno preso il controllo di un complesso militare.

L’esercito ha affermato che nell’operazione sono stati uccisi “diversi terroristi di Hamas”, tra cui Jamal Musa. Si dice che sia stato responsabile di “operazioni speciali di sicurezza” e abbia effettuato un attacco contro i soldati israeliani nella zona di confine nel 1993.

Soldati israeliani si trovano su un carro armato vicino al confine con la Striscia di Gaza. ©Menachem Kahane/AFP

La guerra in Israele: il sottomarino nucleare americano in Medio Oriente

Aggiornato dal 6 novembre, 8:20: Secondo quanto riferito, un sottomarino statunitense a propulsione nucleare è arrivato nell’area operativa del Comando Centrale statunitense in Medio Oriente. Comando Centrale degli Stati Uniti pubblicato su X Una foto del sottomarino cosiddetto “classe Ohio” che attraversa il Canale di Suez. Non si sa esattamente dove sia diretto il sottomarino e se trasporti missili da crociera o balistici. Il sottomarino funge da deterrente strategico per le forze armate statunitensi.

Guerra in Israele: l’esercito annuncia la divisione della Striscia di Gaza

Aggiornato dal 6 novembre alle 7:00: Le unità combattenti israeliane hanno fatto maggiori progressi nella densamente popolata Striscia di Gaza e ora, secondo le loro dichiarazioni, hanno diviso a metà l’intera zona costiera. Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha detto domenica che ora c’è “Gaza del nord e Gaza del sud”. Le unità avevano raggiunto la costa nella parte meridionale di Gaza City e stavano “controllando” la zona. Gli attacchi aerei e quelli di terra si sono ampliati nelle ore serali.

Un portavoce dell’esercito ha detto domenica sera che la città di Gaza, nel nord, era completamente assediata. Si tratta di un passo decisivo nella guerra contro il movimento islamico Hamas. Tuttavia, i civili possono ancora fuggire nella parte meridionale della Striscia di Gaza.

Aerei da guerra israeliani volano nel cielo della Striscia di Gaza.
Aerei da guerra israeliani volano nel cielo della Striscia di Gaza. ©Jacques Guez/AFP

Situazione attuale della guerra: Israele “pronto a colpire nel nord”

Aggiornamento del 5 novembre, 22:55: Il capo di stato maggiore Herzi Halevy ha detto che l’esercito israeliano è preparato per un possibile grande attacco in Libano. “Siamo pronti a colpire il nord in qualsiasi momento”, ha detto Halevy domenica durante una visita alle forze al confine con il Libano. “Sappiamo che questo può accadere”, ma ha grande fiducia che la difesa nel nord sia forte. Abbiamo un obiettivo chiaro, ovvero ripristinare una situazione di sicurezza molto migliore al confine, e non solo nella Striscia di Gaza”.

Aggiornamento dal 5 novembre alle 21:00: Secondo il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari, l’esercito israeliano sta attualmente lanciando intensi attacchi aerei contro obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza. Le operazioni aeree “intensive” prenderanno di mira le infrastrutture di Hamas, sia in superficie che sotterranee. Fonti palestinesi parlano della possibilità degli attacchi più gravi fino ad oggi.

Guerra in Israele: il governo di Netanyahu non vuole il cessate il fuoco

Aggiornamento del 5 novembre, 19:15: Come il primo ministro Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha chiaramente respinto le richieste di cessate il fuoco a Gaza. Ha aggiunto: “Non ci sarà alcun cessate il fuoco fino al ritorno di tutti gli ostaggi”. Ha anche affermato che Hamas è stato sottoposto a “duri colpi” e ha accusato il movimento di voler danneggiare Israele attraverso “operazioni psicologiche”. Hamas pubblica spesso filmati di attacchi contro carri armati e fanteria israeliani.

Aggiornamento del 5 novembre, 16:40: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto ancora una volta le richieste di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. I media israeliani hanno citato le parole di Netanyahu: “Chiediamo ai nostri amici e nemici di cancellare la parola cessate il fuoco dal dizionario”. Non ci sarà alcun cessate il fuoco finché Hamas non rilascerà tutti gli ostaggi.

Aggiornamento del 5 novembre, 12:39: Da quando, circa dieci giorni fa, è iniziato lo spiegamento delle forze di terra israeliane nella Striscia di Gaza, Israele afferma di aver bombardato più di 2.500 “obiettivi terroristici” nei territori palestinesi. L’esercito israeliano continua ad “eliminare i terroristi in combattimenti ravvicinati” e ad attaccare dal cielo le posizioni del movimento estremista islamico Hamas, ha annunciato domenica l’esercito israeliano. Quella notte è stata presa di mira anche una “base militare” di Hamas.

Israele sta attualmente intensificando la sua offensiva di terra e impegnandosi in una guerra urbana nel nord della Striscia di Gaza, dove l’esercito dice che sta circondando Gaza City. Secondo le foto dell’esercito israeliano, carri armati e bulldozer corazzati stanno avanzando lì per rafforzare l’assedio intorno a Gaza City. L’obiettivo dichiarato dell’IDF è distruggere completamente Hamas e le sue posizioni, alcune delle quali sono nascoste sottoterra in una rete di tunnel

Si dice che Israele abbia bombardato i quartieri dei rifugiati nella Striscia di Gaza

Aggiornamento del 5 novembre, 10:44: I media hanno riferito che aerei d’occupazione hanno bombardato una casa nel quartiere dei rifugiati di Al-Majasi, nel centro della Striscia di Gaza. Un portavoce dell’Autorità sanitaria controllata dal Movimento di resistenza islamica (Hamas) ha detto domenica che almeno 33 persone erano morte la notte precedente, la maggior parte delle quali donne e bambini. Più di 100 persone sono rimaste ferite. La televisione araba Al Jazeera, citando i medici presenti sul posto, ha riferito di 45 morti. Inizialmente non era possibile verificare in modo indipendente le informazioni.

Continuano gli scontri tra Hamas e l’esercito nella guerra israeliana

Il primo rapporto: Tel Aviv – Proseguono senza sosta gli scontri tra l’esercito israeliano e il movimento islamico Hamas nella Striscia di Gaza. Il giornale ha riferito che militanti palestinesi hanno attaccato soldati israeliani nel sud della Striscia di Gaza, vicino al confine, con missili anticarro domenica mattina presto. Posta di Gerusalemme. L’esercito israeliano ha risposto con il fuoco. Una buona settimana dopo l’inizio dell’operazione di terra israeliana, l’esercito israeliano ha portato i giornalisti nei territori palestinesi contesi.

Le forze di terra israeliane stanno prendendo di mira anche il leader del movimento islamico Hamas mentre avanza nella Striscia di Gaza. Il giornale ha riferito che le forze israeliane “hanno smantellato un battaglione di Hamas dopo l’altro” e “eliminato” il leader di Hamas Yahya Sinwar. I tempi di Israele Sabato sera il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant.

Guerra a Israele: il leader di Hamas sarà “eliminato”.

“Troveremo Yahya Sinwar e lo elimineremo. “Se il popolo di Gaza arrivasse lì prima di noi, ciò ridurrà la durata della guerra”, ha detto Gallant, secondo il rapporto. Ha aggiunto che le forze israeliane hanno attaccato obiettivi terroristici nella città di Gaza da sud e da nord, e si sono spostate nelle aree urbane.

Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha recentemente dichiarato che è intenzione di Hamas e del suo leader Sinwar mostrare un’immagine di Gaza devastata e ritenere Israele responsabile delle sofferenze della popolazione locale. “Non saranno in grado di nascondere i veri colpevoli, che sono loro stessi, che hanno portato la devastazione a Gaza”, ha detto Hajari.

Sono previsti altri attacchi aerei? L’esercito israeliano invita gli abitanti della Striscia di Gaza a fuggire

Domenica l’esercito israeliano ha dato ancora una volta ai civili della Striscia di Gaza l’opportunità di fuggire verso la zona costiera meridionale. Le forze armate israeliane consentiranno il traffico sulla strada in direzione sud tra le 10:00 e le 14:00 ora locale (9:00 e 15:00 CET), ha scritto sabato sera un portavoce dell’IDF sulla piattaforma X (ex Twitter). L’esercito ha anche pubblicato una mappa che mostra il percorso specifico. L’oratore ha invitato le persone a cogliere la prossima opportunità per andare a sud per la loro sicurezza.

Data la diffusa violenza nella Striscia di Gaza, sabato si sono svolte massicce manifestazioni filo-palestinesi in diversi paesi per chiedere la fine degli attacchi israeliani. Secondo il Ministero della Sanità palestinese, dal 7 ottobre almeno 9.488 persone sono state uccise a causa degli attacchi israeliani. (LRG/EPA)

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 20 luglio 2024, 6:20Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

La figlia di Valya è dovuta andare in ospedale!

Samira Yavuz è preoccupata: sua figlia Valya è dovuta andare in ospedale!bromflashSamira W Serkan Sono diventati genitori per...

Il campione olimpico Harting si lamenta di “un’ideologia orientata alle minoranze”

L’atletica tedesca è in crisi. Il campione olimpico Robert Harting ha una visione chiara delle ragioni e...