Possedere alcuni animali domestici può essere protettivo

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. consulente
  3. salute

Non solo un cane può proteggersi dalla solitudine, ma possedere un animale domestico a lungo termine può anche avere un effetto positivo sulle prestazioni della memoria.

La demenza è una malattia neurologica progressiva e incurabile. È caratterizzata da una diminuzione delle capacità cognitive e da una progressiva perdita di memoria che non può più essere invertita. La malattia di Alzheimer si sviluppa solitamente in quattro fasi.

Poiché la popolazione sta invecchiando e l’età è un fattore di rischio per la demenza, sempre più persone ne soffriranno in futuro. Tuttavia, la demenza non è inevitabile. Anche lo stile di vita gioca un ruolo importante nella protezione dalle malattie neurodegenerative. Secondo uno studio, possedere un cane a lungo termine può avere un effetto protettivo.

Prevenzione della demenza: i ricercatori stanno studiando il possesso di un cane come un modo per proteggersi dalla malattia

I cani sono spesso considerati compagni leali. Non fa bene solo all’anima ma anche alla testa. © Monkey Business 2/Imago

Secondo le informazioni ricevute da La psicologia oggi Gli studi dimostrano che circa un terzo dei casi di demenza sono legati a cause che possono essere controllate e modificate, compreso lo stile di vita dell’individuo. Questi includono, ad esempio, l’isolamento sociale, la mancanza di attività fisica e lo stress cronico Depressioni E malattie cardiovascolari. Pertanto, il focus di molti studi scientifici sulla prevenzione della demenza è sulle abitudini di vita che possono ridurre la probabilità o la gravità di queste malattie. Come ha scoperto un team di ricercatori, tenere un cane può anche avere un impatto positivo sul rischio di demenza.

Nel tuo StareChe sarà pubblicato sulla rivista specializzata nel 2022 Giornale di invecchiamento e salute Il gruppo di ricerca, guidato dal Dott. Jennifer W. Appelbaum dell’Università della Florida a Gainesville spiega come possedere un cane può aiutare a compensare il declino cognitivo negli anziani. Le loro considerazioni si basavano sugli effetti positivi, già noti e comprovati, della convivenza con un animale domestico sul benessere. Possedere un cane può essere collegato a un minor rischio di depressione, a un miglioramento della salute cardiovascolare e a una riduzione del senso di solitudine.

Altri interessanti argomenti sulla salute si trovano nella newsletter gratuita 24vita, alla quale potete iscrivervi qui.

Prevenzione della demenza: lo studio ha dimostrato che il possesso di un cane a lungo termine può proteggere dalla malattia

Per il loro studio, gli scienziati hanno analizzato i dati dell’Health and Retirement Study dell’Università del Michigan. A questo scopo, un gruppo di 1.369 persone è stato analizzato e monitorato per un periodo di sei anni utilizzando diversi test cognitivi. L’obiettivo era studiare gli effetti del possesso di un cane sulle capacità cognitive nelle persone anziane. Tuttavia, i ricercatori erano convinti che non vi fosse alcun beneficio cognitivo significativo semplicemente tenendo un cane nella stanza o accarezzandolo prima del test. Pertanto, hanno ipotizzato che brevi interazioni con un animale domestico non possano aiutare, ma solo le interazioni quotidiane con un cane familiare per un periodo di tempo più lungo potrebbero avere un effetto positivo sulle capacità cognitive.

I risultati alla fine hanno mostrato una differenza tra i partecipanti di età pari o superiore a 65 anni. Si è scoperto che coloro che avevano posseduto cani ininterrottamente per più di cinque anni avevano capacità cognitive migliori rispetto a coloro che non avevano mai posseduto un animale domestico o ne avevano posseduto per meno di cinque anni. Inoltre, il più grande vantaggio di possedere un cane è stato che i proprietari di animali domestici a lungo termine di età superiore ai 65 anni hanno ottenuto risultati migliori nei test relativi alla memoria verbale. I ricercatori presumono che questo sia chiamato “ormone dell’amore” o “ormone del benessere”. Ossitocina Gioca un ruolo importante. Di conseguenza, l’ormone non ha solo effetti emotivi, ma può anche influenzare la codifica della memoria nell’uomo a livello neurale. Gli anziani possono trarre beneficio non solo emotivamente ma anche cognitivamente da dosi extra di ossitocina attraverso il possesso di un cane a lungo termine.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non può rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...