Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie dall’Ucraina: ++ I lanciamissili tedeschi Mars II sono arrivati ​​in Ucraina ++

DottSecondo le informazioni di Kiev, i lanciarazzi multipli Mars II lanciati dalla Germania sono arrivati ​​in Ucraina. Lo ha annunciato lunedì il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov su Twitter con. Il politico 56enne ha detto di voler ringraziare “la Germania e personalmente la mia collega ministro della Difesa Christine Lambrecht per i sistemi”.

Lambrecht aveva già annunciato la consegna dei tre lanciamissili la scorsa settimana. Inoltre, la Germania ha già consegnato all’Ucraina veicoli antiaerei Gepard e sistemi di artiglieria Panzerhaubitze 2000 in termini di armi pesanti.

Marte è l’acronimo di Medium Artillery Rocket System e può lanciare missili con diversi schemi di movimento, come missili a guida GPS o missili a espulsione di mine per bloccare parti del terreno. Le batterie di lancio con un carico di combattimento di dodici missili sono installate su veicoli cingolati che possono sviluppare velocità fino a 50 chilometri all’ora. La portata dei proiettili a volte raggiunge più di 100 km.

Il Mars II è il terzo sistema di artiglieria a lungo raggio fornito dall’Occidente all’Ucraina, insieme ai lanciarazzi multipli HIMARS forniti dagli Stati Uniti e all’M270 MLRS fornito dal Regno Unito. Il paese resiste all’invasione russa da più di cinque mesi.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

07:54 – “The Times”: Putin si atterrà agli obiettivi della guerra

Commentando la prima nave di grano a lasciare il porto di Odessa, il London Times ha scritto: “Putin sta permettendo a un pizzico di grano e mais di lasciare i porti ucraini, scommettendo sarcasticamente che sarà visto come il salvatore del sud globale. allo stesso tempo, si aspetta un allentamento delle sanzioni sulle esportazioni fertilizzanti russi e che l’Ucraina dovrà rivelare la sua rete di mine navali sulle sue coste, con l’obiettivo di dissuadere la Russia dagli attacchi dei veicoli anfibi.(…)

READ  Supplemento gas: quanto devono pagare i consumatori e quando? | NDR.de - Guida

La Turchia trae vantaggio dal presentarsi come mediatore diplomatico e influente stato del Mar Nero. L’Ucraina può evitare il crollo del suo settore agricolo, generare entrate e ottenere il sostegno occidentale se la Russia cerca di controllare i porti. La Gran Bretagna ha sostenuto questa diplomazia guidata dagli interessi. Ma sarebbe sciocco scommettere sul ripensamento degli obiettivi bellici di Putin”.

5:38 – Selesky elogia l’affare del grano e mette in guardia contro l’interferenza russa

Dopo la ripresa delle esportazioni di grano, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky era cautamente ottimista sul fatto che sarebbe stato in grado di risolvere una crisi di approvvigionamento globale e rilanciare la sua economia. “Il porto ha iniziato a funzionare e questo è un segnale positivo che c’è un’opportunità per fermare lo sviluppo della crisi alimentare nel mondo”, ha detto Zelensky nel suo videomessaggio quotidiano. Secondo lui, altre 16 navi sono in attesa nei porti per essere spedite.

Zelensky ha spiegato che l’attuazione dell’accordo sul grano, che prevede la fine del blocco navale russo, è di grande importanza anche per l’Ucraina. Non si tratta solo di miliardi di guadagni in valuta estera. “Circa mezzo milione di ucraini è coinvolto nell’aumento delle esportazioni di prodotti agricoli e se aggiungiamo le industrie collegate, ciò significa un ulteriore milione di posti di lavoro”, ha affermato.

Ma ha avvertito che gli alleati internazionali dovrebbero guardare attentamente se Mosca si attiene all’accordo. “Non possiamo farci illusioni sul fatto che la Russia si asterrà semplicemente dal cercare di interrompere le esportazioni ucraine”, ha confermato lunedì sera un portavoce militare russo. Mosca ha adottato tutte le misure per garantire la sicurezza della navigazione nel Mar Nero. Sono state stabilite corsie corrispondenti per i porti ucraini.

READ  Conflitto in Ucraina - attacco freddo all'inizio della cancelliera: Putin prende di mira Schultz - politica interna

04:23 – Özdemir: Servono più modi per esportare grano

Il ministro federale dell’agricoltura Cem Ozdemir (i Verdi) ha chiesto la creazione di ulteriori rotte di esportazione per il grano dall’Ucraina. Özdemir der Düsseldorfer ha dichiarato di voler persuadere la Commissione europea a spingere per l’espansione di rotte di esportazione alternative. “Posta renana” (Martedì). Ogni nave da trasporto che lascia in sicurezza i porti ucraini è un raggio di speranza – per l’Ucraina e per le persone affamate di questo mondo. Nonostante tutte le speranze, va tenuto presente che ci si affida alle parole dell’aggressore Putin. “Stiamo assistendo dolorosamente a quanto vale la parola di Putin”, ha detto Ozdemir.

Ozdemir ha affermato che anche se l’Ucraina avesse riguadagnato un accesso sicuro al Mar Nero, non dovrebbe rimanere dipendente dalla Russia. Pertanto, dovrebbe essere promossa l’espansione di rotte di esportazione alternative. Si tratta di “alternative permanenti, non alternative temporanee”.

03:30 – Gli Stati Uniti si impegnano a fornire altri milioni di aiuti militari all’Ucraina

Il governo Usa vuole fornire ulteriori aiuti militari all’Ucraina per un valore di 550 milioni di dollari (circa 535 milioni di euro). Il presidente Joe Biden ha approvato il nuovo pacchetto, secondo quanto riferito da Washington lunedì sera. Si dice che includa più munizioni per gli obici e per le piattaforme multimissili Hemar fornite dagli Stati Uniti, che contribuiscono in modo importante alle recenti vittorie delle forze ucraine contro le forze offensive russe. Ciò porta il volume degli aiuti militari statunitensi all’Ucraina da quando l’amministrazione Biden è entrata in carica a quasi 8,7 miliardi di dollari.

READ  Guerra in Ucraina: il nonno eroe guida per 1.000 chilometri per salvare la sua famiglia - Notizie all'estero

12:07 – L’Ucraina accusa la Russia di “terrorismo nucleare”.

Kiev ha fortemente criticato Mosca per le minacce indirette di utilizzare armi nucleari nel contesto della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. “Il mondo sta assistendo a come il terrorismo nucleare, sponsorizzato da uno stato dotato di armi nucleari, sia diventato una realtà”, ha affermato il viceministro degli Esteri Mykola Tuchitsky all’inizio della Conferenza di revisione del TNP a New York, secondo la lettera.

È necessaria una forte azione collettiva per prevenire una catastrofe nucleare. Dovrebbero essere stabilite no-fly zone sulle centrali nucleari ucraine. Una Russia aggressore non dovrebbe farla franca invadendo l’Ucraina solo perché ha armi nucleari. Il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, che ha più di 50 anni e ha aderito 191 paesi, costituisce la base per il disarmo nucleare in tutto il mondo.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.