Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nessun cannibale condannato muore in Giappone

Non ha mai nascosto il suo crimine: ora il cannibale giapponese Issei Sagawa è morto. L’assassino è sepolto in un piccolo cerchio.

Il noto cannibale Issei Sagawa è deceduto il 24 novembre a causa di una polmonite, ha dichiarato suo fratello e amico in una dichiarazione della casa editrice del libro. L’assassino, noto dalle sue memorie, interviste e documentario, è stato sepolto in un piccolo cerchio. Sagawa aveva 73 anni.

Caricamento in corso…

inclusione

Sagawa ha sparato e violentato una studentessa olandese a casa sua mentre studiava all’estero a Parigi nel 1981 e ha mangiato porzioni di se stessa nel corso di tre giorni. È stato catturato quando ha cercato di sbarazzarsi dei suoi resti nel giardino del Bois de Boulogne.

Sono partiti per il Giappone

Gli esperti hanno scoperto che Sagawa era malato di mente, quindi è stato ricoverato per la prima volta in una struttura psichiatrica in Francia prima di essere deportato in Giappone. Le autorità giapponesi lo credevano sano di mente, ma poiché le accuse erano state ritirate in Francia, Sagawa è stato rilasciato.

Il giapponese non ha mai nascosto il suo crimine, anzi lo ha sfruttato: nel suo diario romanzesco (titolo inglese: “In the Fog”) descrive l’atto in dettaglio. Una volta ha detto al moderatore “Vice” che era un “maniaco cannibale”. “Il mio desiderio di mangiare una donna si è trasformato in un obbligo.”

READ  Sguardo al giorno della guerra: Kiev annuncia guadagni nel territorio russo - Svezia e Finlandia si sforzano di aderire alla NATO