Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mosca condanna l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea come un “atto aggressivo”

Aggiornato il 24/06/2022 23:43

  • Il ministero degli Esteri russo considera la decisione di consentire all’Ucraina e alla Repubblica di Moldova di aderire all’Unione europea come una politica anti-Mosca.
  • Pertanto, l’Unione Europea continua la sua serie di progressi verso la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI).
  • Secondo il Cremlino, l'”approccio aggressivo” dell’UE ha il potenziale per creare nuove divisioni e profonde crisi in Europa.

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

Il Cremlino ha concesso lo status di candidato all’Unione Europea Ucraina Moldova come manovra geopolitica contro Mosca Regola. Venerdì, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che la decisione conferma che la “acquisizione geopolitica” delle ex repubbliche sovietiche viene “perseguita attivamente” per “tenere sotto controllo la Russia”.

Il Unione europea E così il perseguimento dell’obiettivo di stabilire relazioni con i vicini orientali sulla base del principio di subordinazione. Bruxelles usa “tattiche di ricatto politico ed economico” e costringe i paesi candidati a imporre “sanzioni illegali” a Mosca. L'”approccio aggressivo” dell’UE ha il potenziale per creare nuove divisioni e profonde crisi Europa Crea, continuò Zakharova.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva precedentemente espresso la sua posizione con maggiore cautela, descrivendo la decisione come un “affare interno” in Europa. Tuttavia, non dovrebbe causare problemi per lo sviluppo di Russia Egli ha detto.

Lavrov: L’Unione Europea e la NATO vogliono fare la guerra alla Russia

Da parte sua, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che l’adesione di Ucraina e Moldova all’UE “non rappresenta alcun pericolo” per la Russia, perché l’UE non è un’alleanza militare. Ha ricordato che anche il presidente Vladimir Putin non ha avuto obiezioni.

READ  Stato dell'infezione: Brown chiede il "freno di emergenza" per Corona prima delle consultazioni del governo federale

Tuttavia, Lavrov ha accusato l’Unione Europea e i paesi NatoVoleva fare la guerra alla Russia e fece un confronto storico: Hitler aveva mobilitato dietro di lui gran parte dell’Europa “per muovere guerra all’Unione Sovietica”, ha detto Lavrov durante un viaggio in Azerbaigian. Ha aggiunto che l’Unione Europea e la NATO oggi costituiscono una tale alleanza contemporanea “per fare la guerra alla Russia”.

Al vertice di Bruxelles di giovedì, i capi di stato e di governo dell’Unione europea hanno concesso alle ex repubbliche sovietiche di Ucraina e Moldova lo status di candidati all’adesione all’Unione europea. Tuttavia, questa decisione è solo il primo passo di un lungo processo di adesione.

Zelensky: L’Ucraina non ha paura nel suo cammino verso l’adesione all’UE

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha espresso fiducia che il suo paese, che è stato attaccato dalla Russia, soddisferà i criteri per l’adesione all’UE. Nel suo discorso video serale, il capo di stato ha affermato che l’Ucraina si sta ora concentrando sui requisiti dell’Unione europea. “Ma questo ci spaventa? No. Perché ne abbiamo completate con successo centinaia prima.” I criteri per l’adesione comprendono lo Stato di diritto, la lotta alla corruzione, le garanzie dei diritti fondamentali e un’economia di mercato effettiva.

Zelensky ha invitato i suoi cittadini ad essere felici della decisione del vertice dell’UE di concedere all’Ucraina lo status di paese candidato. Confronta il percorso per l’adesione alla scalata dell’Everest. Chi parla di quanto sia stata difficile l’altra via negli ultimi 1.848 m sottovaluta il suo successo nella conquista della montagna già a 7.000 m.

Zelensky ha affermato che l’Ucraina ha ricevuto lo status di candidato. “Non è semplicemente caduto dal cielo. L’Ucraina ha fatto molto per questo”. (afp/dpa/fra)

READ  Seggi chiusi - Urbano fiducioso - l'opposizione vede la "vittoria" in futuro

È una decisione storica – per Ue e Ucraina: il Paese dilaniato dalla guerra è ora ufficialmente candidato all’adesione all’Ue. Ma potrebbe essere una lunga strada.