Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La neve cade durante la bufera di neve: molti turisti muoiono assiderati in auto in Pakistan

La neve è caduta durante una tempesta di neve
Diversi turisti morti congelati in auto in Pakistan

Volevano vivere la magia dell’inverno nel fine settimana, ma il viaggio di almeno 22 persone sulle montagne del Pakistan è stato fatale. Una forte tempesta di neve ha impedito l’avanzamento sulla strada e molti hanno dovuto rimanere in macchina. Ora è scoppiata una disputa politica sulla questione della colpevolezza.

Dopo l’inizio di un inverno violento, almeno 22 vacanzieri sono stati uccisi nelle loro auto coperte di neve in una famosa località di montagna nel nord del Pakistan. Secondo la polizia, la maggior parte degli escursionisti è rimasta congelata tutto il giorno nelle proprie auto durante la tempesta di neve. Più persone sono morte per avvelenamento da monossido di carbonio poiché molti conducenti hanno continuato a far funzionare i loro motori per mantenere accesi i riscaldatori. Tra i morti, che si dice fossero tutti residenti locali, c’erano due donne e dieci bambini.

Il quotidiano pakistano Dawn ha riportato l’uccisione di un agente di polizia, di sua moglie e dei loro sei figli. Il poliziotto aveva precedentemente telefonato a suo figlio nella capitale, Islamabad, e gli aveva detto: “Accenderemo il riscaldamento e andremo a dormire”. La bufera di neve ha rovesciato molti alberi e ha bloccato la stretta strada per il villaggio di montagna. “Non ho mai visto una tempesta di neve così grande in vita mia”, ha detto all’AFP l’ufficiale amministrativo Tariq Allah. “C’erano forti venti, alberi sradicati e valanghe. La gente aveva paura”.

Secondo i militari, più di 1.000 persone bloccate nella neve sono state salvate domenica e più di 300 hanno ricevuto cure mediche. I video in precedenza mostravano auto che non potevano andare avanti o indietro. Morey, una delle destinazioni di viaggio più popolari nel nord del Pakistan, si trova a circa 65 chilometri a nord-est di Islamabad ad un’altitudine di circa 2.300 metri. Si dice che più di 150.000 conducenti si siano recati a Moree per un po’ di magia invernale. Secondo l’amministrazione locale, il comune di montagna può ospitare un massimo di 4.000 auto contemporaneamente. Gli hotel erano affollati: migliaia di viaggiatori non avevano altra scelta che rimanere nelle loro auto. La gente del posto ha aiutato i visitatori bloccati con cibo e coperte.

Il governo provinciale del Punjab ha dichiarato Morey una “zona disastrata” e ha esortato le persone a stare lontane dalla città. Primo Ministro del Pakistan Imran Khan Annuncia indagini e regolamenti più severi su Twitter. Ha scritto che le persone se ne sono andate senza controllare le condizioni meteorologiche. leader dell’opposizione Shahbaz Sharif Secondo quanto riferito, il primo ministro ha definito la colpa delle vittime una “filosofia di governo”.

READ  Austria: Florian Gschwandtner, fondatore di Runstatic, celebra il Corona Gala - News Abroad