Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La distruzione della logistica russa: Zelensky saluta i “risultati forti” del suo esercito.

Logistica russa distrutta
Zelensky elogia i “forti risultati” del suo esercito.

Le forze armate ucraine resistono ferocemente da mesi agli invasori russi. Di volta in volta, i difensori riescono in delicati contrattacchi. Il presidente Selinsky elogia gli attacchi riusciti ed è grato per le consegne di armi dall’Occidente.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato le sue forze armate per aver lanciato contrattacchi riusciti, sottolineando il ruolo delle armi occidentali. Nel suo discorso video notturno, Zelensky ha affermato che l’esercito ucraino ha ottenuto “forti risultati” nell’ultima settimana nel distruggere la logistica russa in tempo di guerra. “Qualsiasi attacco ai depositi di munizioni del nemico, ai loro posti di comando e all’accumulo di tecnologia russa, salva tutte le nostre vite, quelle dei soldati e dei civili ucraini”.

Silinsky ha ringraziato i partner occidentali per le prime spedizioni di armi. Ha fatto riferimento in particolare agli Stati Uniti, che pochi giorni fa hanno annunciato che consegneranno più armi all’Ucraina per un importo di 550 milioni di dollari. Ciò dovrebbe includere munizioni per il sistema di lanciarazzi multiplo HIMARS e 75.000 proiettili di artiglieria. Allo stesso tempo, Zelensky ha chiesto maggiore assistenza militare. L’Ucraina, che da quasi sei mesi si difende dall’invasione russa, vuole utilizzare armi straniere per riconquistare il territorio perduto. Di recente, l’esercito ucraino ha lanciato diversi contrattacchi nel sud.

Ma nella regione orientale di Donetsk, i difensori sono sempre più sotto pressione. Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato nel suo rapporto serale che gli attacchi russi in direzione delle città di Sloviansk, Bakhmut e Avdiivka sono stati respinti. Soprattutto su Bashmut Alcuni giorni fa sono scoppiati aspri combattimenti. Il giorno prima, ribelli filo-russi hanno riferito che i combattimenti erano già iniziati entro i confini della città. Le informazioni fornite da entrambe le parti non possono essere verificate in modo indipendente.

La cittadina è una pietra angolare del sistema difensivo che circonda l’ultima area urbana controllata dall’Ucraina nel Donbass. Se Bakhmut e altre piccole città cadessero, la strada per le truppe russe in direzione di Sloviansk e Kramatorsk sarebbe in gran parte libera. Da quando hanno occupato la vicina regione di Luhansk, i russi hanno concentrato i loro attacchi nell’Ucraina orientale su Donetsk, dove finora hanno occupato circa il 60% del territorio.

READ  L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea: la disputa sulla pesca - Londra nomina ambasciatore in Francia