Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Andrei Melnik: “La gente non è ancora pronta per discutere obiettivamente del personaggio di Bandera”

DottL’ambasciatore ucraino uscente Andrei Melnik ha parlato ancora domenica del leader del partito ucraino Stefan Bandera. Si è rammaricato che le sue dichiarazioni in Germania, Polonia, Israele o “in qualsiasi altra parte del mondo” abbiano offeso sentimenti.Deutschland FunkHa detto che è stato un errore entrare in una discussione su Bandera in un’intervista: “La gente, né qui né all’estero, e in parte anche in Ucraina”, “forse non erano ancora pronti”, “Il carattere di Bandera, ma anche in generale cosa è successo in Ucraina durante la seconda guerra mondiale, per discutere di fatti e fatti.” Melnik ha detto: “È meglio lasciare questo campo agli storici”.

All’inizio di luglio, Melnik è stato messo sotto pressione dopo le controverse dichiarazioni sul leader nazionalista Stefan Bandera. Il ministero degli Esteri ucraino ha descritto le dichiarazioni su Bandera (1909-1959) come un’opinione personale di Melnik, che non rifletteva la posizione ufficiale. La Polonia, dove Bandera fu condannato all’ergastolo negli anni ’30 per il suo coinvolgimento nell’assassinio dell’allora ministro degli interni, condannò queste affermazioni come totalmente inaccettabili.

Lo storico berlinese Grzegorz Rossoliński-Liebe ha scritto in un articolo per “Politica e storia contemporaneaBandera, in quanto leader dei nazionalisti ucraini, era almeno “moralmente” responsabile dei crimini dell ‘”esercito ribelle ucraino” e della divisione radicale dell'”Organizzazione dei nazionalisti ucraini” sotto la sua guida. Prima della seconda guerra mondiale, Bandera dichiarò che per raggiungere i suoi obiettivi “non solo centinaia, ma migliaia di vite devono essere sacrificate” e che “la violenza di massa o la “pulizia” dell’Ucraina da ebrei, polacchi, russi e altri “nemici” era il obiettivo.

Nel un’intervista Melnik ha difeso Bandera con il giornalista Tilo Young: “Bandera non è stato un assassino di massa di ebrei e polacchi”. Secondo Mellink, l’Unione Sovietica ha deliberatamente demonizzato Bandera. A quel tempo, l’ambasciatore accusò di essere coinvolti storici tedeschi, polacchi e israeliani. “Sono contrario a incolpare Bandera per tutti i crimini”, ha detto il diplomatico. “Non ci sono prove che i soldati di Bandera abbiano ucciso centinaia di migliaia di ebrei”, ha detto Melnik in quel momento.

Melnyk: Parole chiare per “amore” per la Germania

Melnik ha anche parlato a Deutschlandfunk del suo periodo come ambasciatore dell’Ucraina in Germania, che sta per finire. Nel recente passato, Melnik era spesso poco ortodosso e insolitamente schietto riguardo ai politici tedeschi per essere un diplomatico. A maggio, il cancelliere Olaf Schultz lo ha descritto come “offeso al fegato”.

Melnick ha detto nell’intervista che “si è pentito” se ha fatto ricorso a “mezzi verbali che ad alcuni sembravano poco diplomatici”. Allo stesso tempo, ha spiegato: “L’unico motivo o l’unico motivo dietro è che io… perché… amiamo la Germania perché ci siamo sentiti a nostro agio qui, perché la Germania e il popolo tedesco erano molto vicini a noi ed erano molto vicino a noi e il mio unico desiderio era che questo diventasse Le relazioni tra Ucraina e Germania sono più vicine e che i tedeschi ci capiscano meglio”.

Leggi anche

Bouchardt Melnick Combo

Nonostante le aspre critiche, dice Melnik, non ha mai insultato la Germania come Paese. Invece, “ha continuato a cercare di criticare il governo. Penso che in molti casi quella critica fosse giustificata perché l’aiuto di cui avevamo bisogno non è arrivato o non è arrivato abbastanza in fretta”. Dal suo punto di vista bisognava suscitare anche polemiche: “Siamo in guerra. Cerchiamo soluzioni. Spesso non troviamo nulla. Per questo, a mio avviso, era necessario offendere”.

Ruslan Stevanchuk, presidente della Verkhovna Rada, con Andrey Melnik alla tribuna del Bundestag

Ruslan Stevanchuk, presidente della Verkhovna Rada, con Andrey Melnik alla tribuna del Bundestag

Fonte: dpa / Britta Pedersen

“Tutti i nostri partner devono davvero fare tutto il possibile per aiutarci”

Alla luce della guerra in corso, l’ambasciatore uscente ha chiesto agli alleati occidentali dell’Ucraina di continuare le forniture di armi e ha suggerito partnership per produrre sistemi d’arma avanzati. “La Germania e gli Stati Uniti, gli inglesi ei nostri partner dovrebbero fare tutto il possibile per aiutarci”, ha affermato Melnik. Lui “purtroppo” non crede che questo punto sia già stato raggiunto.

Leggi anche

Rappresentante di Taiwan nella Repubblica Federale Ji Wei Shih

“Qualcuno mostra solidarietà, ma manca ancora la sensazione: sì, dobbiamo dare tutto”, ha detto Melnik. Un potenziale deterrente costantemente elevato dell’Ucraina contro la Russia può essere garantito solo se “stabiliamo partnership con tedeschi, britannici o americani” al fine di “creare sistemi d’arma veramente avanzati”, i russi non vedono più alcuna tentazione di spingerci oltre all’offensiva.

La Germania attesta i progressi di Melnyk nel fornire supporto. “Se confrontiamo da dove abbiamo iniziato oltre 160 giorni fa, sì, c’erano 5.000 caschi e altre storie. Oggi siamo un po’ più lontani. Ne siamo grati”, ha detto Melnik.