Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il futuro CEO di Siko spiega il piano della Russia per l’Ucraina

  1. Pagina iniziale
  2. Politico

creato:

A partire dal: Marco McClere Mike Shere Christian Deutschlandere Giorgio Anastasiade

Il diplomatico Christoph Heusgen afferma che Vladimir Putin teme disordini in Russia. © SNA / imago

Il diplomatico e futuro presidente della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Christoph Heusgen, spiega perché il presidente russo Putin ha preso di mira l’Ucraina.

MONACO DI BAVIERA – Christoph Heusgen è diplomatico da 41 anni, e in futuro dirigerà la Munich Security Conference (Siko). In un’intervista, il 66enne ne parla Il pericolo di guerra in UcrainaLe paure di Vladimir Putin e il suo piano per Seko.

Signor Heusgen, il governo federale sta fornendo all’Ucraina 5.000 caschi. È saggio o imbarazzante?

Christoph Heusgen: Penso che il clamore intorno ai 5.000 caschi sia esagerato. Per anni, la Germania è stata uno dei più forti sostenitori dell’Ucraina, sia economicamente che politicamente. C’è in realtà una domanda fondamentale dietro la critica del casco.

Si tratta di se le armi debbano essere consegnate a Kiev. Il governo lo esclude categoricamente…

La Germania dovrebbe deviare dal principio di non armare le regioni in crisi? Penso che nella situazione attuale dovremmo escludere le armi difensive perché abbiamo responsabilità nei confronti dell’Ucraina per una serie di ragioni.

Christoph Heusgen (qui 2020 come ambasciatore tedesco presso le Nazioni Unite) dirige la Conferenza sulla sicurezza di Monaco.
Christoph Heusgen (qui 2020 come ambasciatore tedesco presso le Nazioni Unite) dirige la Conferenza sulla sicurezza di Monaco. © Picture Alliance / dpa / ZUMA Wire | Luis Rambelotto

Conflitto in Ucraina: il diplomatico Heusgen spiega perché la Germania non è disposta a consegnare le armi

egli è chiamato?

La prima crisi ucraina nel 2014/2015 riguardava davvero la questione se dovessimo consegnare le armi. Il governo tedesco ha rifiutato sulla base del fatto che la Russia sarebbe sempre stata meglio attrezzata. Il conflitto può essere risolto solo politicamente. Poi abbiamo scelto la strada politica con l’accordo di Minsk, ma ora vediamo che la Russia non vuole continuare su questa strada, ma al contrario. È ancora una volta aggressivo nei confronti dell’Ucraina e cerca scuse per rinnovare l’intervento militare. Questo è il motivo per cui dobbiamo riconsiderare, e oggi credo che un approccio così aggressivo possa essere contrastato anche rendendo le armi difensive più ampiamente disponibili per l’Ucraina. Ciò non significa che ci si discosta dall’obiettivo e si cerchi una soluzione politica, ma che la protezione in linea di principio non può essere rifiutata a uno Stato così minacciato.

READ  Aereo privato di 47 km - critiche al presidente della Commissione Ue von der Leyen

Ma Berlino ora dice che questo non è possibile per ragioni storiche.

C’è anche un secondo argomento storico: quattro mesi fa, il presidente federale Frank-Walter Steinmeier si trovava a Babin Yar vicino a Kiev per commemorare le vittime delle forze di sicurezza tedesche che infierirono orribilmente lì nel 1941 e uccisero più di 30.000 ebrei ucraini in due giorni. Prima della nostra storia, era nostra responsabilità aiutare gli ucraini.

Il futuro presidente di Siko, Heusgen, crede in una via diplomatica per uscire dalla crisi ucraina

Vedi ancora una via d’uscita diplomatica?

Certamente, questo dovrebbe essere sempre il nostro obiettivo. La comunità internazionale lo ha finora fatto in modo esemplare. In contrasto con il frettoloso ritiro dall’Afghanistan, il governo degli Stati Uniti ha avviato un processo di voto secondo a nessuno. Ci sono stati colloqui bilaterali, colloqui con l’Unione Europea, nell’ambito della NATO, con l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. Il governo federale ha fatto tutto questo molto bene e ha spinto le persone a incontrarsi di nuovo nel vecchio formato della Normandia.

Ma finora non ha funzionato.

Ebbene, lunedì l’ambasciatore russo ha detto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che la speculazione sulla guerra non aveva senso e che un intervento militare non era imminente. Questo indica che la nostra unità sta cominciando a dare frutti. Le truppe russe restano però al confine con l’Ucraina: non si può ancora dare un segnale del tutto chiaro.

L’Ucraina si unirà alla NATO nella provocazione finale? Putin ha minacciato la guerra se ciò dovesse accadere.

L’adesione non è nell’agenda della NATO. Nel 2008, in qualità di consulente per la politica estera del Cancelliere federale, ho negoziato la concessione all’Ucraina e alla Georgia del “Piano d’azione per l’adesione”, ovvero la fase iniziale dell’adesione. Angela Merkel Altri lo hanno chiaramente respinto, perché il trattato della NATO afferma anche che un nuovo membro deve contribuire alla stabilità dell’alleanza. Era chiaro a tutti che il riconoscimento della Georgia e dell’Ucraina avrebbe inevitabilmente portato a conflitti con la Russia.

Crisi ucraina: “Putin ha perseguito una politica di repressione molto coerente dal 2012”

Ma la NATO non ha ancora escluso la sua adesione.

READ  Spannungen mit Russland: Era ist Warnung, era Hysterie?

Esatto, e lui ha ragione. La NATO aderisce a una politica della porta aperta e l’Ucraina potrebbe in teoria diventare un membro. Ma ancora: l’argomento non è affatto all’ordine del giorno. Vladimir Putin esagera artificialmente qualcosa che non accade nella vera politica.

Cosa vuole ottenere Putin?

Devi dare un’occhiata più da vicino allo stato d’animo in Russia. Quando Putin ha sostituito Dmitry Medvedev ed è tornato alla presidenza nel 2012, ci sono state grandi manifestazioni nelle strade di Mosca e la gente era davvero sconvolta. Era parallelo alla rivoluzione araba, alla rivolta nel mondo arabo. A ciò si aggiunge la crisi di stato in Ucraina: anni fa Mikhail Saakashvili ha sostituito il regime autoritario in Georgia. Putin ha visto tutto questo e ha notato che stava scivolando nelle urne a casa.

È passato molto tempo.

Ma è importante capire. Tracciato dal 2012 Vladimir Putin Una politica di repressione molto coerente: oggi non c’è più una seria opposizione politica. Mettere a tacere la stampa libera e la società civile. Uno degli eventi più importanti di alcune settimane fa è stata la chiusura dell’organizzazione per i diritti umani Memorial, che stava indagando sui crimini dell’era di Stalin. Putin ha sottolineato che praticamente non c’è opposizione a lui e al suo regime di oligarchia. Allo stesso tempo, faceva affidamento su una sorta di nazionalismo populista: subito dopo i Giochi Olimpici di Sochi, Putin si annesse la Crimea e la sua popolarità aumentò vertiginosamente.

‘La paura di Putin gli sputa il collo’: il futuro capo Siko Heusgen spiega i calcoli della Russia sull’Ucraina

Quindi va tutto bene dal suo punto di vista. Perché l’aggressione oggi?

La paura è ancora sul suo collo. Vede grandi manifestazioni e disordini in Bielorussia e Kazakistan. Teme che un’Ucraina vibrante e democratica possa brillare in Russia. Si sta preparando sistematicamente per le sue attuali campagne dall’estate dello scorso anno. Con l’America che sembra fragile e l’Europa debole, ora lancia un pallone sperimentale per vedere se può fare a pezzi la comunità internazionale. Non ha funzionato, ecco perché ora ha iniziato una ritirata tattica. Ma non dobbiamo dire: è finita.

READ  Reazione all'"attacco ibrido": l'Unione Europea ha inasprito le sanzioni contro la Bielorussia

La situazione globale sta diventando più cupa non solo in Ucraina. Monaco Seco non sarebbe più importante che mai adesso?

Questo è corretto. La buona notizia è: ora siamo relativamente certi di poter tenere una conferenza faccia a faccia in un paio di settimane. Non sarebbe la dimensione che era in passato, ma circa un terzo delle dimensioni o al massimo la metà delle dimensioni di prima. Speriamo ancora di poter aiutare ad alleviare la situazione.

Omicron può ancora intervenire?

Naturalmente stiamo trattenendo il respiro e stiamo osservando gli sviluppi. Ma Il primo ministro Söder parte di nuovo 10.000 spettatori all’Allianz Arena. Molto meno dovrebbe essere possibile al Bayerischer Hof.

2020: Christoph Heusgen, ambasciatore tedesco presso le Nazioni Unite, accoglie l'allora ministro degli Esteri Heiko Maas.
2020: Christoph Heusgen, ambasciatore tedesco presso le Nazioni Unite, accoglie a New York l’allora ministro degli Esteri Heiko Maas. © Foto Alleanza / dpa | Michael Kappeler

Presto assumerai la gestione di Siko. Dove vuoi che porti la conferenza a medio termine?

È fantastico per me assumere questo ruolo dopo 41 anni in politica estera. Wolfgang Ischinger e i suoi predecessori hanno reso Security Conference un marchio globale e io voglio proteggere e sviluppare questo marchio.

Ha consigliato a lungo Angela Merkel, che era più attiva in politica estera di Olaf Scholz. Un consulente può migliorare?

Questa è una domanda disgustosa. Durante il mio periodo come consulente di politica estera, ho sempre maledetto gli estranei per non sapere cosa stesse succedendo internamente. Direi: ogni consulente ha il suo stile. Olaf Schulz Presto si recherà a Washington, ha avuto molte conversazioni sull’Ucraina e sta pianificando un viaggio a Mosca. A proposito, ci sono buone probabilità che il cancelliere tedesco venga alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Quindi coglierà sicuramente l’occasione per presentare la sua visione di politica estera.

La segretaria di Stato Annalina Barbuk è più attiva dei suoi predecessori, vero?

Attenzione: con la tua domanda stai criticando il Presidente federale. Frank-Walter Steinmeier è stato un ministro degli esteri molto attivo, così come Joschka Fischer. Non dobbiamo nemmeno parlare di Hans-Dietrich Genscher. Questo è il campionato a cui dobbiamo pensare. Ministri degli esteri forti fanno bene al Paese.

Intervistato da Marcus Mackler, George Anastasiades, Christian Deutschlander e Mike Scherr.