Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cancelliere visita l’ala est della Nato: Belten si aspetta “proposte concrete” da Schulz

Il cancelliere visita l’ala orientale della NATO
Balten si aspetta “proposte concrete” da Scholz

Il cancelliere Schulz non è stato molto vicino alla Russia dall’inizio della guerra in Ucraina: a meno di 200 chilometri in linea d’aria dall’enclave russa di Kaliningrad, visita i soldati tedeschi sul fianco orientale della Nato. Negli stati baltici sperano di ottenere da Schultz impegni per un aumento delle forze armate al confine.

Prima della visita del Cancelliere Olaf Schultz in Lituania, gli stati baltici sollecitano una presenza NATO più forte nella regione dell’Alleanza orientale. Il presidente lituano Gitanas Noseda ha affermato che il vertice della NATO a Madrid alla fine del mese dovrebbe diventare un “vertice delle decisioni” ed essere un segno di “una transizione dalla deterrenza alla difesa avanzata”. Oltre ai sistemi di difesa aerea, spera che una brigata della NATO sia di stanza nel suo paese, il che equivarrebbe a circa 3.000-5.000 soldati. Attualmente sono 1.600, di cui più di 1.000 appartengono alla Bundeswehr.

Il presidente lettone Eagles Levits spera anche di ottenere “proposte concrete” dalla visita di Schulz per una maggiore protezione della regione orientale della NATO. “Ci aspettiamo che la Germania tenga in considerazione la sicurezza generale della NATO, e quindi sosterrà anche questo aumento della presenza della NATO in tutti e tre gli stati baltici”, ha affermato Levits. Gli Stati baltici e la Germania concordano sul fatto che il fianco orientale della NATO debba essere rafforzato in risposta al comportamento aggressivo della Russia.

Con la Lituania, Schulze visita per la prima volta un Paese NATO dall’inizio della guerra in Ucraina, che confina con la Russia e si sente particolarmente minacciato dall’energia nucleare. E nella capitale, Vilnius, incontrerà Nosida ei capi di governo dei tre stati baltici: Estonia, Lituania e Lettonia. Il cancelliere visita quindi i soldati tedeschi di stanza in Lituania per proteggere il fianco orientale della NATO. Nell’area di addestramento militare vicino a Brabad, che dista meno di 200 km in linea d’aria dall’enclave russa di Kaliningrad, Schulze avrà anche un’idea dell’equipaggiamento utilizzato dalla Bundeswehr, che comprende mezzi corazzati per il trasporto di personale , carri armati, droni di artiglieria pesante e aerei da ricognizione. Al vertice della NATO che si terrà a Madrid dal 28 al 30 giugno, l’attenzione sarà focalizzata sulla misura in cui le forze NATO sul lato orientale saranno nuovamente rafforzate.

Ho promesso rinforzi a Barbok

Lo ha già affermato il ministro degli Esteri Annalena Barbuk durante la sua visita in Lituania ad aprile La Germania ha promesso un “contributo significativo” all’aumento delle forze NATO nell’est. “Dobbiamo essere in grado di difendere praticamente ogni centimetro quadrato dell’area della nostra alleanza comune, cioè gli Stati baltici. Fin dal primo minuto”, ha affermato il politico del Partito dei Verdi. La forza di rinforzo della Nato, che comprende anche soldati di altri sette paesi europei, è già stata aumentata da circa 1.200 a circa 1.600 a seguito della crisi ucraina.

Insieme a Lettonia, Estonia, Polonia e Norvegia, la Lituania è uno dei cinque paesi della NATO che condividono un confine terrestre con la Russia. Con la Finlandia se ne potrebbe aggiungere presto un sesto. I missili si trovano nell’avamposto russo di Kaliningrad, che può raggiungere l’intera regione baltica, tutta la Polonia e persino Berlino.

I paesi baltici vogliono l’Ucraina nell’UE

La protezione dalla minaccia russa non sarà l’unico argomento della visita di Schultz. Verrà inoltre discusso il sostegno dell’Ucraina nella lotta contro gli invasori russi e la prospettiva europea del Paese. Mentre gli stati baltici sostengono che l’Ucraina si candida all’adesione all’UE, il governo tedesco non ha ancora preso una decisione. Schulz vuole prima occuparsi dell’accettazione dei candidati per entrare nei Balcani. Per quanto riguarda l’Ucraina, ha sottolineato che non dovrebbero esserci scorciatoie sulla strada per l’Unione europea per questo Paese. Il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto nuove forme di cooperazione con paesi come l’Ucraina perché l’adesione all’UE non può essere raggiunta in pochi anni. Noseda era scettico su questo. “Ho l’impressione che questo sia un tentativo di coprire l’apparente mancanza di volontà politica di prendere decisioni sulla concessione dello status di candidato”.

Criticata la moderazione tedesca nella consegna delle armi

Per l’Ucraina, lo status di candidato è la massima priorità quando si tratta di richieste dell’UE, così come di spedizioni di armi per combattere gli aggressori russi. I piccoli stati baltici hanno inviato armi in Ucraina all’inizio e hanno ripetutamente criticato la Germania per essere troppo riluttante a fornire assistenza militare. “Siamo 65 volte più piccoli della Germania. Abbiamo fornito sei volte più aiuti militari della Germania”, ha detto il primo ministro estone Kaja Kallas durante una visita a Berlino alla fine di aprile.

Nel frattempo, la Germania ha promesso all’Ucraina diversi sistemi di armi pesanti, ma non li ha ancora consegnati. Schultz solo mercoledì scorso ha promesso al Paese il sistema di difesa aerea Iris-T. Verranno inoltre lanciati quattro lanciarazzi multipli Mars II, in grado di colpire bersagli fino a 40 chilometri di distanza. Schulz visiterà oggi la fiera Panzerhaubitze 2000 in Lituania, dove la Bundeswehr intende consegnarne sette in Ucraina. Alcuni di questi pezzi di artiglieria sono di stanza lì.

READ  Assicurazione per i non vaccinati! Il governo interrompe la validità della vaccinazione