Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cancelliere austriaco Nahammer: “Il rimborso del debito non dovrebbe diventare permanente”

Globalismo: Cancelliere, quando il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha recentemente pronunciato un discorso al Bundestag tedesco, i membri del parlamento sono andati quasi senza intoppi all’ordine del giorno. Tuttavia, il Consiglio nazionale austriaco non ha ancora deciso di consentire a Silinsky di parlare in Parlamento: qui tutti si stanno rendendo ridicoli al meglio delle loro capacità?

Carl Nehamer: Non è appropriato per me valutare il Bundestag tedesco, solo quanto il Consiglio nazionale austriaco. Quello che posso dire è che è stata un’occasione persa. Ti aiuta solo a capire meglio la situazione quando senti le persone a terra.

Globalismo: L’Austria è rimasta neutrale nel 1955. Da questo punto di vista, ha una visione della guerra in Ucraina diversa da quella dei paesi della NATO?

Karl Nehamer in conversazione con l’autrice di WELT Anna Schneider

Fonte: Jakob Glaser / ÖVP

Nome: Essere neutrali come Paese significa anche avere il dovere di proteggere e difendere la propria neutralità. Significa anche che l’Austria, come la Germania, investirà di più nella difesa.

Globalismo: Diversi paesi chiedono un embargo su petrolio e gas alla Russia, mentre Austria e Germania, tra gli altri, si oppongono. Ora non è affatto impossibile che la Russia possa utilizzare gas velenosi anche in Ucraina. In tal caso, riconsidereresti la tua situazione, in altre parole: c’è una fine al dolore?

Nome: La linea rossa è stata a lungo superata poiché le città civili sono state attaccate e bombardate. È una situazione molto disgustosa: ci siamo messi in una situazione di dipendenza che ora ci costringe a continuare ad acquistare gas russo e altri beni essenziali russi. Ma ciò che il presidente Putin ha mal giudicato è che l’intera Europa sta cominciando a riorientarsi completamente in termini di approvvigionamento energetico. e sostenibile. Ciò significa che le conseguenze per la Federazione Russa potrebbero non essere immediate ora, ma saranno molto dolorose tra 10 o 15 anni.

Leggi anche

Leggi anche

Globalismo: Il ministro dell’Interno tedesco, Nancy Visser, non vuole che tutti i rifugiati dall’Ucraina siano registrati in Germania, afferma il sindacato. Vedi questo come un problema di sicurezza, anche per l’Austria?

Nome: La registrazione dei rifugiati è importante perché solo allora può iniziare la catena degli aiuti di Stato. D’altra parte, è generalmente importante per un Paese europeo – come abbiamo appreso al più tardi nel 2015 – sapere chi verrà da noi e chi resterà. Questa è una questione di principio, ed è anche una questione di sicurezza. La criminalità organizzata o la tratta di esseri umani, ad esempio, possono essere contrastate solo se si registrano tutti coloro che entrano nel Paese.

Globalismo: Miliardi del fondo anti-coronavirus dell’Unione Europea devono ancora essere spesi quando Francia e Italia stanno già chiedendo il prossimo mezzo di cambio del debito a causa della guerra in Ucraina. Dove sono i “Quattro frugali”, ovvero Austria, Svezia, Danimarca e Paesi Bassi?

Nome: I “Quattro frugalisti” sono lì quando si tratta di garantire che il debito comune dell’UE non sia visto come un’istituzione permanente. Ma ero più scettico sugli swap di debito: la crisi pandemica mi ha insegnato il contrario. Penso sia giusto investire nella crisi. Lo abbiamo fatto in modo molto efficace anche in Austria. Siamo ormai nel mezzo della prossima fase e dovremo affrontarla in modo preciso e mirato, perché alla fine si tratta sempre di garantire i mezzi di sussistenza dei cittadini.

Leggi anche

Conflitto in Ucraina - Vertice del G7

Globalismo: Ciò significa, tuttavia, che il debito europeo potrebbe alla fine diventare una costante; In modo da non escludere un nuovo prestito congiunto da parte dell’Unione Europea.

Nome: La creazione del Recovery Fund è stata un ordine una tantum per affrontare la crisi del Covid. La maggior parte dei fondi per questo fondo non è stata ancora distribuita. In questo momento, non vedo un problema nel non avere abbastanza soldi, ma piuttosto la sfida di usarli in modo mirato.

Globalismo: In questo contesto, cosa si aspetta dalla Germania dal cancelliere Olaf Scholz?

Nome: Spero che saremo aiutati a respingere gli scambi di debiti permanenti nell’Unione europea. Questo strumento era adatto alle crisi, ma non doveva diventare permanente. Nel lungo periodo i bilanci pubblici non saranno in grado di assorbire o sostituire tutte le ripercussioni delle crisi. Questo ci confonderebbe, sia a livello nazionale che europeo.

Leggi anche

Un'alluvione, una pandemia, due ondate di profughi: la situazione eccezionale diventa permanente

guerra, rifugiati, corona

Globalismo: Alla luce del numero crescente di feriti, è ipotizzabile che le misure Corona in Austria siano terminate all’inizio di marzo?

Nome: C’è una differenza tra guardare qualcosa dopo e dover decidere qualcosa in tempo reale. Naturalmente c’è sempre un rischio in queste decisioni e nessun esperto può fornire una risposta o una diagnosi definitiva. Eravamo più dogmatici nelle nostre decisioni, ma nei due anni della pandemia abbiamo imparato proprio questo: che il virus è molto resistente e dobbiamo affrontarlo altrettanto resilientemente. Anche se i processi decisionali democratici spesso richiedono molto tempo. Ma non dovrebbe essere una scusa, abbiamo anche commesso degli errori.

Globalismo: Guardando indietro, qual è stato l’errore più grande nella politica di Corona austriaca?

Nome: Pensare che il virus si possa calcolare nel vero senso della parola. Sono rimasto un po’ umiliato dalla domanda su cosa le persone potrebbero effettivamente fare contro il virus. Ad esempio, è stato un errore di calcolo credere dopo il primo lockdown di aver sconfitto il virus.

Leggi anche

Il presidente della RKI Lothar Wheeler (a sinistra) accanto al ministro della Salute Karl Lauterbach (SPD) in una conferenza stampa il 22 dicembre

Globalismo: La vaccinazione obbligatoria austriaca contro Corona è fallita?

Nome: numero. Devi guardare attentamente come l’abbiamo deciso. L’azione e la sua decisione sono state prese durante un tempo delta variabile. A causa del rischio delta variabile, era chiaro che se non avessimo raggiunto un tasso di vaccinazione sufficientemente alto, avremmo dovuto affrontare continue chiusure. È anche chiaro, tuttavia, che l’obbligo di vaccinare costituisce una grave violazione del diritto all’autodeterminazione, non facilmente realizzabile. Ora questa legge ha la possibilità di rendere obbligatoria la vaccinazione – o meno. E se né i reparti regolari né i letti di terapia intensiva negli ospedali sono – come lo sono ora – sovraccarichi e le infrastrutture critiche nel loro insieme non sono così in pericolo come lo erano a novembre dello scorso anno, la costituzione non consente la vaccinazione obbligatoria. Punto di vista. Quindi non è un caso di tornare indietro: questa prospettiva di lasciar andare è sempre stata parte del design.

Globalismo: La Germania sta ancora discutendo l’introduzione di un requisito generale per la vaccinazione contro il corona, come già avviene in Austria. Cosa possiamo imparare dall’Austria a questo punto?

Nome: La chiave è un ampio consenso. La legge sulla vaccinazione obbligatoria è stata approvata dal parlamento austriaco con l’80% di approvazione. La seconda sfida è l’accettazione nella società. Vaccinazione contro i non vaccinati: questa polarizzazione è pericolosa per la democrazia. Questa è la cosa più importante che ho preso da quel momento.

Leggi anche

La politologa Ulrike Guérot

Globalismo: Il requisito della maschera è tornato al chiuso in Austria, seguiranno ulteriori misure?

Nome: Sarebbe avventato escluderlo. Allora non impareremo nulla da due anni di pandemia.

Globalismo: Nel 2019 è stata eletta la “Lista Sebastian Kurz – New People’s Party (ÖVP)”, non l’ÖVP senza Sebastian Kurz. Il suo partito attualmente ha il 22 percento nei sondaggi d’opinione – sotto Kurz, ottiene ancora il 37,5 percento nelle elezioni del 2019. Cosa attribuisci alla diminuzione del numero dei sondaggi – gli elettori hanno mancato Kurz o è la questione del sondaggio il motivo della loro disapprovazione?

Leggi anche

La Procura della Repubblica per l'Economia e la Corruzione indaga su Sebastian Kurz

Nome: Potrebbe essere una combinazione dei due. Naturalmente, è stato un duro colpo per molti quando Kurtz ha lasciato la politica. Tutti questi sospetti attualmente sollevati – non ci sono ancora condanne – ovviamente sono dannosi per la reputazione del partito in un tale clima. Devi essere persistente e assertivo, avere una linea chiara. Questo è esattamente ciò che deve essere fatto ora.

Globalismo: Se rimani come cancelliere, escluderesti un’alleanza con l’FPÖ, a differenza di Sebastian Kurz?

Nome: Questo dipende da come si sviluppa il Partito della Libertà. Attualmente – alla luce dell’estremismo di Herbert Kekel – sì.

READ  Incolpa l'Ucraina di guerra: Berlusconi difende l'attacco di Putin all'Ucraina