Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’esercito ombra russo: Putin porta mercenari dall’Africa in Ucraina

Fino ad ora, l’esercito mercenario russo Wagner era principalmente di stanza in Africa – ora sospetti combattenti vengono trasportati in Ucraina per supportare l’offensiva russa.

“Abbiamo sentito cosa sta succedendo in Ucraina”, dice il comandante dell’unità d’élite dell’esercito centrafricano. Il video Attualmente sta circolando sui media e sui social network africani. Accanto all’ufficiale, una dozzina di soldati in assetto da combattimento sono in allerta. “I soldati russi stanno portando avanti una speciale operazione di pace. Noi soldati africani siamo pronti a sostenere i nostri fratelli russi”.

In effetti, la campagna di invasione russa dell’Ucraina riceve aiuti dall’Africa. Perché la società di sicurezza privata russa “Wagner” ha sede nel continente da alcuni anni. Questo ora recluta sempre più mercenari africani per assistere le forze russe in Ucraina. Un tweet della regione ucraina del Donbas afferma che due combattenti centrafricani sono stati uccisi al fronte. Una foto dei due in tenuta da combattimento, stemma Wagner nero e tibie incrociate sulle spalle condivisa su Twitter, insieme alle foto dei loro passaporti: in cirillico.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato all’inizio di marzo che i mercenari di Wagner avevano lanciato una vera caccia a lui per il suo assassinio. Era già sfuggito ai cecchini quattro volte: le unità speciali Wagner.

In molte zone di conflitto in Africa, giornalisti, personale delle Nazioni Unite e diplomatici osano solo sussurrare il nome “Wagner”. I mercenari russi sono famosi, controversi e impauriti ovunque vadano. Proprio così: nel 2018, tre giornalisti russi sono stati brutalmente assassinati in Africa centrale quando volevano seguire le orme di Wagner. Secondo il sito web di Wagner, la compagnia ha fino a 50.000 mercenari di stanza nel continente africano: dalla Mauritania al Mali, al Mozambico e al Madagascar.

I loro effetti di solito non sono molto chiari: accordi segreti con i governi africani, stazionamento segreto di forze nelle zone di guerra in Africa. Il più delle volte si può vedere solo il moderno equipaggiamento militare russo – dagli elicotteri d’attacco ai sistemi di mortai a guida laser, come quelli usati in Libia che di certo non finirebbero in mani private senza l’approvazione del Cremlino. E la serie di violenze e devastazioni che Wagner ha lasciato è sempre visibile, come lo è attualmente in Ucraina.

Unità di guardie del corpo nella zona di guerra dell’Africa centrale

Wagner non è stabilito in nessun altro paese dell’Africa come nella Repubblica Centrafricana. Dal 2013 è scoppiata una sanguinosa guerra civile nel Paese impoverito. In quel momento, i ribelli musulmani si sono impadroniti della capitale, Bangui, e hanno rovesciato il governo. Un esercito già vacillante si è disintegrato e le milizie governano il paese fuori dalla capitale. L’ex protettorato ed ex potenza coloniale, la Francia, ha ritirato i suoi soldati dopo il colpo di stato, che ha fornito poca sicurezza. Quando il presidente Faustin Touadera ha preso il potere attraverso le elezioni del 2016, ha temuto per la sua vita. Quindi ha firmato un trattato segreto con Mosca. Da allora, i combattenti russi d’élite hanno fornito un’unità di guardia del corpo a Toadira.

READ  Trattative in Bielorussia: la Russia impone condizioni all'Ucraina

L’esercito russo dovrebbe ufficialmente inviare addestratori per addestrare i soldati della Repubblica Centrafricana. Da quando le Nazioni Unite hanno imposto un embargo sulle armi al Paese, a questi 300 addestratori è stato permesso di entrare nel Paese solo senza armi e senza equipaggiamento militare. Tuttavia, ufficiosamente, arrivarono più di 1.000 mercenari Wagner, in piena uniforme da combattimento, e con loro mitragliatrici ed elicotteri d’attacco. L’allora ministro dell’Interno e della Sicurezza Sergei Bokassa, figlio dell’ex dittatore responsabile delle autorità per l’immigrazione, si lamentò di non poter nemmeno controllare i passaporti dei russi.

Da allora, i mercenari hanno lasciato una scia di violenza nel paese già dilaniato dalla guerra. Un gruppo investigativo delle Nazioni Unite ha pubblicato nel 2021 un rapporto di 250 pagine sui crimini di Wagner nei confronti dei diritti umani nel paese. Questi includono: “esecuzioni sommarie di massa, arresti arbitrari, torture durante gli interrogatori, sparizioni forzate, sgomberi forzati di civili, attacchi indiscriminati a strutture civili , violazioni del diritto alla salute, aumento degli attacchi agli operatori umanitari e stupri di donne e ragazze. Conclusione ovvia del gruppo di esperti delle Nazioni Unite: crimini di guerra.

Il nigeriano Chris Kwaja è responsabile del gruppo di esperti delle Nazioni Unite sull’Africa. Teme che il modello CAR creerà un precedente anche in altri paesi in cui ha sede Wagner: “Se non affrontiamo le conseguenze di questi accordi Wagner nel paese A, la tendenza è che le stesse cose accadano nel paese B”. dice Kouga. o “c”.

Wagner – un’estensione del servizio di intelligence militare russo

Per Joseph Siegel, direttore dell’Africa Center for Strategic Studies di Washington, Wagner non è solo una società di sicurezza privata, ma il “braccio esteso del GRU”, secondo l’analista: “Può essere schierato all’estero nel modo più economico ed efficace possibile” — aggirando la legge e l’ordine. “Wagner opera sotto il radar perché tutto può essere negato, compresi i crimini contro i diritti umani”, afferma Siegel. Quindi Mosca rifiuta ufficialmente qualsiasi collegamento con Wagner.

READ  Corona / Germania: Polemiche a sostegno: Lauterbach sostiene la riapertura dei centri di vaccinazione

Il nome “Wagner” è il nome di combattimento del tenente colonnello russo Dmitry Utkin, un paracadutista veterano delle forze speciali del GRU. Dopo essersi ritirato nel 2013, ha ordinato alla compagnia di sicurezza russa Slavonic Corps di schierarsi prima in Iraq e poi nell’Ucraina orientale e in Crimea, come molti ex soldati le cui pensioni statali non sono sufficienti.

Quindi la sua azienda è stata sciolta da un tribunale russo. L’attività dei mercenari è ufficialmente illegale in Russia. Poco dopo, si presentò in Donbass con un nuovo nome di società: “Wagner”, dal nome del compositore preferito di Hitler. Utkin non nasconde la sua passione per il Terzo Reich: indossa un elmo della Wehrmacht sul davanti ed è ben visibile il suo tatuaggio delle SS sul collo.

Nell’Europa orientale, Utkin ha reclutato combattenti da ex zone di guerra: Cecenia, serbi e albanesi. Nel 2014 Wagner ha prima preso il controllo della Crimea, poi di Luhansk, Donetsk e della regione del Donbass, forse per conto di Mosca. Wagner si espanse poi in Siria, dove fu assunto dal presidente locale Bashar al-Assad per proteggere i giacimenti petroliferi dai ribelli. Hanno combattuto diverse battaglie lì. Per questo, Utkin è stato insignito dell’Ordine del coraggio dal presidente russo Vladimir Putin.

Dietro l’azienda Utkin, ufficialmente registrata in Argentina, l’oligarca Yevgeny Prigozhin, noto come il “cuoco di Putin” perché la sua società di catering prepara pranzi per l’esercito russo e le scuole pubbliche, un contratto da miliardi. Prigozhin, la cui fortuna è stimata in oltre 200 milioni di dollari, è un caro amico di Putin. È anche considerato l’uomo dietro l’agenzia di phishing “Internet Research Agency”, che avrebbe cercato di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 tramite false notizie online. Prigozhin è ora nelle liste delle sanzioni statunitensi ed europee.

Partenza dall’Africa – verso l’Ucraina

Per Putin, Prigozhin sembra essere l’ultima risorsa della sua campagna in Ucraina. Perché mentre le forze regolari russe al fronte subiscono perdite a causa dell’improvvisa resistenza dell’esercito ucraino, l’esercito ombra di Putin si sta armando in tutta l’Africa. La scorsa settimana, il ministero della Difesa ucraino ha dichiarato che il generale libico Khalifa Haftar, che ha combattuto al fianco di Wagner in Libia, era pronto a inviare combattenti a sostegno dell’esercito russo. Nella Repubblica Centrafricana, le unità di Wagner sono già state “significativamente ridotte”, secondo gli esperti Onu responsabili del monitoraggio dell’embargo sulle armi. La BBC ha parlato con un combattente Wagner in Africa centrale. Ha spiegato che i mercenari hanno fatto un “picnic in Ucraina”. Alla vigilia della guerra in Ucraina, Wagner ha lanciato un appello di reclutamento a livello internazionale. Secondo il mercenario intervistato, si tratta principalmente di “persone con precedenti condanne e debiti escluse dai gruppi mercenari”; Cioè, criminali che non sono più accettati in nessun esercito regolare.

READ  Hadera, Israele: due morti in un attacco armato

Apparentemente, Wagner è attualmente in procinto di internazionalizzarsi, ovvero di assumere anche combattenti non russi, nonostante le opinioni alquanto fasciste di Utkin. Ora è possibile candidarsi a Wagner online. Le gallerie fotografiche mostrano uomini pesantemente armati in tuta militare davanti a un muro di fuoco. Al centro c’è un’aquila con un teschio tra gli artigli. “Unisciti a Wagner per proteggere la pace e la tranquillità della popolazione civile da banditi e terroristi!” diceva l’appello.

Pauline Bucks dell’International Crisis Group (ICG) dubita che funzionerà: “Questi ragazzi dovrebbero essere pagati”, afferma Backes. Secondo l’analista, lo stipendio, pari a diverse migliaia di dollari, viene pagato attraverso lucrosi contratti con i governi dei rispettivi paesi. Nella Repubblica Centrafricana, i combattenti Wagner proteggono le miniere d’oro e di diamanti che la russa M-Invest ha acquisito da Prigozhin tramite filiali. Sono di stanza nel nord del Paese, ai confini con il Ciad e il Sudan, dove riscuotono anche i dazi doganali. In Libia e Siria hanno messo in sicurezza giacimenti petroliferi, una specie di miniera d’oro. Bax spiega che Wagner è una “società a scopo di lucro” che non è finanziata con denaro statale russo ma è autosufficiente. Secondo Bucks, se Wagner non ottiene alcun contratto minerario redditizio, “vengono pagati attraverso incursioni e saccheggi”.