Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I bambini con un decorso lieve della malattia possono anche sviluppare un COVID prolungato: www.kinderaerzte-im-netz.de

30/09/2022

Finora, è noto che sia i bambini che gli adulti ricoverati in ospedale con COVID-19 hanno maggiori probabilità di avere un COVID-19 prolungato rispetto a quelli con sintomi lievi che non sono stati ricoverati in ospedale. Un recente studio statunitense ha scoperto che in rari casi, i bambini che hanno contratto il COVID-19 ma non sono stati ricoverati in ospedale possono ancora avere sintomi COVID a lungo termine dopo l’infezione, inclusi più di tre mesi.

© pegbes – Fotolia.com

Il team di ricerca statunitense ha valutato i dati di volontari di età compresa tra 5 e 18 anni provenienti da tutto il Texas che hanno partecipato al sondaggio CARES del Texas. Le interviste sono iniziate nell’ottobre 2020 con l’obiettivo di valutare lo stato degli anticorpi COVID-19 nel tempo in un gruppo di bambini e adulti del Texas. I dati per questo studio sono stati raccolti prima e dopo il rilascio del vaccino e durante focolai di variabili delta e omcron. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Pediatric Infectious Diseases.

ha affermato la professoressa Sarah Messia, PhD, MPH, prima autrice dello studio della UTHealth School of Public Health – Dallas. “Questo particolare studio è unico in quanto è il primo studio basato sulla popolazione in letteratura a segnalare la prevalenza prolungata di COVID nei bambini che non sono stati ricoverati in ospedale con COVID-19”.

Un totale di 82 volontari pediatrici (4,8% del totale 1.813) ha riportato disagio a lungo termine – l’1,5% ha avuto sintomi che duravano da quattro a 12 settimane, inclusa perdita del gusto e dell’olfatto, affaticamento e Tosse. Un altro 3,3% ha riferito che sintomi come perdita del gusto e dell’olfatto, tosse e difficoltà respiratorie persistevano per più di 12 settimane.

READ  Dopo un infarto: il dispositivo impiantabile rileva complicazioni

Non essere vaccinati e essere in sovrappeso sono fattori di rischio

“Grazie a queste informazioni, volevamo sapere: ‘Cosa potrebbe mettere un bambino a maggior rischio di sviluppare un COVID-19 prolungato e chi è più a rischio? Quando abbiamo esaminato i fattori di rischio per coloro che hanno riportato sintomi nelle ultime 12 settimane, abbiamo scoperto che i bambini che non erano stati vaccinati erano elevati. sovrappeso Avevano maggiori probabilità di avere un’infezione prolungata da COVID-19. Questi risultati sono coerenti con altre ricerche che mostrano che i bambini e gli adulti con condizioni mediche di base che non sono immunizzati corrono un rischio maggiore di ricovero in ospedale con il virus”.
Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i bambini che erano stati infettati da COVID-19 prima dell’inizio della variante delta mostravano un rischio maggiore di sviluppare COVID-19 per lungo tempo. “Coloro che avevano COVID-19 all’inizio dell’epidemia erano a maggior rischio di sintomi a lungo termine. Con le varianti delta e omicron, abbiamo visto molti bambini che hanno richiesto il ricovero in ospedale, ma i loro sintomi erano meno gravi e, sulla base delle nostre interviste, erano Questi bambini hanno meno probabilità di riferire sintomi persistenti”, ha aggiunto Christ.

I risultati dello studio del CARES Center in Texas, secondo Cristo, sono significativi perché richiamano l’attenzione sul fatto che anche gli adolescenti che non sono ancora stati ricoverati in ospedale sono auraL’infezione può causare sintomi COVID prolungati o prolungati.

Molti potrebbero essersi resi conto che se si hanno sintomi COVID di lunga data o una malattia COVID a lungo termine, è necessario essere ricoverati in ospedale. L’abbiamo schiacciato. Incoraggio i genitori a continuare a essere vigili e a proteggere i propri figli dal COVID-19 impollinare Perché ora sappiamo che questo li pone a un minor rischio di infezione e riduce anche il rischio di sviluppare condizioni COVID a lungo termine o prolungate”.

READ  Introduzione al diabete più pericoloso di quanto si pensasse in precedenza - La pratica della guarigione

Fonti: scienza quotidianaE il Centro di scienze della salute dell’Università del Texas a HoustonE il Giornale di malattie infettive pediatriche