Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: nuovi numeri testimoniano l’atrocità della politica di Bucha

Le indagini saranno completate a breve |

I nuovi numeri dimostrano l’atrocità di Bucha

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri contenuti esterni, abbiamo bisogno del tuo consenso.

L’orrore di Busha ha sconvolto il mondo ed è diventato un simbolo della sanguinosa guerra di Putin contro l’Ucraina: nella periferia di Kiev, i soldati russi hanno sparato ai civili, alcuni indiscriminatamente, mentre altri sono stati torturati e colpiti alla testa. Irina (48 anni) ha dovuto guardare il marito, che si è dovuto inginocchiare davanti ai soldati russi ed è stato colpito a colpi di arma da fuoco. In poche parole, molti corpi sono stati lasciati nelle strade e altri sono stati sepolti nei pozzi o nelle fogne.

Per mesi gli inquirenti hanno cercato di catturare e documentare l’orrore del massacro di Bukha. Ora sono al bilancio finale – o almeno ci sono vicini.

458 corpi – 419 di loro avevano segni di essere stati colpiti a morte, torturati o picchiati a morte. 366 uomini e 86 donne. Cinque persone il cui sesso non può più essere determinato. Nove bambini di età inferiore ai 18 anni. Quasi tutti erano civili.

Circa 50 corpi non sono stati ancora identificati o reclamati dai parenti”, ha affermato Mikhelina Skorik-Skarevska, vicesindaco di Bucha. Washington Post‘, lunedì. Tuttavia, i funzionari della città hanno deciso di rendere pubblici i risultati delle loro indagini – perché: il numero definitivo e tutte le identità potrebbero non essere mai conosciute.

Nelle ultime due settimane, altri due corpi sono stati scoperti in una foresta e nelle fognature. Altri residenti segnalano solo ora la perdita dei loro parenti perché non possono essere trovati.

Foto del 2 aprile: corpi scaricati incautamente per strada a Bucha

Foto: Ronaldo Schmidt/AFP

I corpi sono stati trovati a Bucha con le mani legate dietro la schiena

I corpi sono stati trovati a Bucha con le mani legate dietro la schiena

Foto: Giorgos Motavis

Skoryk-Shkarivska ha annunciato che i pubblici ministeri stanno ora indagando sui dettagli di ogni singolo caso di quei 458 decessi. L’obiettivo: identificare gli autori e accusarli di crimini di guerra!

Secondo le indagini in corso, 39 persone su 458 sono morte per cause naturali.

Ma questi casi sono anche indagati per vedere come la morte delle persone potrebbe essere collegata all’occupazione russa. Ad esempio, il rapporto del Washington Post sul caso di una madre di 34 anni che sembra essere in buona salute. È morta di infarto mentre si riparava dalle bombe di Putin in uno scantinato con i suoi tre bambini piccoli. Per diversi giorni i bambini sono rimasti intrappolati accanto alla madre morta.

Incluso anche nella figura: Una borsa con parti del corpo. I resti sono troppo frammentati, decomposti o così gravemente deformati da essere irriconoscibili. Tuttavia, secondo Skorik Shkarevska, sembrano appartenere a diverse persone. Rimanevano solo le ceneri di alcuni dei cadaveri, che non potevano nemmeno essere identificate dalle analisi del DNA. Forse i russi li hanno bruciati per coprire crimini di guerra.

Drammatico: la maggior parte dei 39.000 residenti di Bucha è riuscita a fuggire prima che le forze russe attaccassero la città. Sono rimaste circa 4.000 persone: più di una su dieci è morta in poco più di un mese.

Skoryk-Schkarivska ha annunciato che gli sforzi per identificare le vittime sarebbero continuati. La città è intenzionata a dare un nome a ciascuno dei morti e ad erigere loro un memoriale.

Ma: se presto non ci sono informazioni sui morti non identificati, la città vuole seppellirli presto – e quindi porgere loro gli ultimi saluti.

READ  Sulla via del ritorno dal fronte - l'auto di Zelensky si schianta contro un'auto a Kiev