Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Luhansk Oblast – “Oggi tutto ciò che può bruciare brucia”

DottMartedì le forze russe hanno coperto aree dell’Ucraina orientale con intensi bombardamenti. “Oggi, tutto ciò che può bruciare è in fiamme”, ha detto all’agenzia di stampa Associated Press il governatore di Luhansk Serhiy Hajjaj, descrivendo la situazione nel sito. L’esercito russo vuole il controllo completo dell’area, ma nonostante i violenti attacchi e il dispiegamento di forze aggiuntive, deve ancora affrontare resistenza.

Dopo settimane di intensi combattimenti, questa settimana la Russia vuole finalmente raggiungere il suo primo obiettivo di guerra nell’Ucraina orientale: l’invasione dell’Oblast’ di Luhansk. La cattura della città industriale di Sieverdonetsk rimane fondamentale per la capacità della Russia di controllare le terre perdute di Luhansk.

Fonte: Mondo Infografico

L’esercito russo attualmente controlla circa il 95 per cento della regione di Luhansk. Hajjaj ha detto che le forze russe hanno ridotto l’area in macerie. “È un completo disastro”, ha detto Hajjaj per iscritto. “Le nostre posizioni vengono colpite con obici, lanciarazzi multipli, artiglieria e missili di grosso calibro”, ha aggiunto.

Secondo le loro stesse dichiarazioni, l’esercito russo ha interrotto i rifornimenti alle truppe ucraine a Sevgerodonetsk e Lyschansk. “Il gruppo dell’esercito ucraino nella regione di Lyschansk è tagliato fuori dai rifornimenti e sotto il controllo della potenza di fuoco delle forze armate russe”, ha detto martedì il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

I soccorritori e i residenti locali recuperano un corpo dalle macerie di un edificio a Lysichansk dopo un attacco aereo russo

I soccorritori e i residenti locali recuperano un corpo dalle macerie di un edificio a Lysichansk dopo un attacco aereo russo

Fonte: dpa/AP/Efrem Lukatsky

Secondo il portavoce militare russo, le forze ucraine nella regione hanno subito pesanti perdite. Ha detto che erano rimasti solo 28 soldati della 57a Brigata Meccanizzata di stanza a Severodonetsk, mentre centinaia di soldati ucraini erano fuggiti nella cittadina leggermente a ovest. Queste informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Martedì, l’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che almeno sei civili sono stati uccisi e 16 feriti a Lysekhansk nelle ultime 24 ore.

Fonti ucraine hanno riferito che durante il giorno le forze russe hanno bombardato la regione di Chernihiv nel nord e aumentato i loro bombardamenti su Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina. Martedì mattina si sono verificate esplosioni anche nella città meridionale di Mykolaiv. Nella città di Avdiivka, nella regione di Donetsk, una scuola è stata bruciata a seguito dell’attentato, secondo l’ufficio del presidente.

I civili sopravvivono nell’impianto chimico di Azot

Secondo il vice primo ministro ucraino Irina Wiryshuk, circa 300 civili risiedono ancora nell’impianto chimico di Azot. Tuttavia, ha affermato che la situazione è in continua evoluzione, secondo l’agenzia ucraina Ukrinform. Se i civili in cerca di protezione esprimono il desiderio di evacuare, si cercherà di creare un corridoio di fuga. Il governatore Hajjaj ha dichiarato sabato che i civili non vogliono essere evacuati ma sono in costante contatto.

Le forze russe aprono il fuoco sull'impianto chimico di Azot a Severodonetsk

Le forze russe aprono il fuoco sull’impianto chimico di Azot a Severodonetsk

Fonte: Reuters

Secondo l’agenzia russa Interfax, lunedì circa 20 civili ucraini sono riusciti a lasciare l’impianto chimico. Il rappresentante separatista Rodion Miroshnik ha affermato di aver utilizzato un corridoio non controllato dalle forze ucraine e che ora sono “sicuro”. Ha anche accusato l’Ucraina di utilizzare “bombardamenti continui” per impedire l’evacuazione dei civili dall’area.

Leggi anche

L'uomo d'affari americano Elon Musk

A differenza delle acciaierie Azovstal di Mariupol, si dice che ad Azot non ci sia una vasta rete di rifugi. Hajjaj ha affermato che i singoli rifugi di emergenza non sono collegati tra loro. In un sistema di bunker sotto le acciaierie Azovstal, i difensori e i civili ucraini hanno resistito per settimane dopo che le forze russe hanno catturato Mariupol.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Per respingere l’avanzata russa nell’Ucraina orientale, l’Ucraina ha chiesto ai suoi alleati occidentali settimane di armi pesanti. Nell’est del paese ci sono principalmente battaglie a lungo raggio con artiglieria pesante. Qui, la Russia è chiaramente davanti all’Ucraina quando si tratta di armi pesanti.

Cambio anello ritardato Berlino – Bratislava – Kiev

Sebbene la Germania abbia promesso di fornirle armi pesanti quasi due mesi fa, nessuna di esse ha raggiunto l’Ucraina. Sembra che ci siano ancora difficoltà con la consegna indiretta di queste armi.

Secondo un rapporto del portale Business Insider, lo scambio circolare tedesco-slovacco di consegna di armi all’Ucraina, previsto per due mesi, è stato posticipato, perché Berlino non fornisce un numero sufficiente di carri armati. Secondo lo scambio, la Slovacchia consegnerà 30 carri armati principali 7-72 ​​di fabbricazione sovietica in Ucraina – e in cambio riceverà carri armati tedeschi più moderni in sostituzione.

Leggi anche

Per la seconda volta dall'inizio della guerra a Kiev: Boris Johnson (a sinistra) con Volodymyr Zelensky

Secondo il rapporto, il governo slovacco ha rifiutato lo scambio la scorsa settimana dopo che la Germania ha offerto 15 carri armati Leopard 2A4. Dal punto di vista della Slovacchia, questo è un sostituto molto piccolo per 30 carri armati T-72 da consegnare in Ucraina. Secondo il rapporto, un portavoce del ministero della Difesa slovacco ha affermato che 15 carri armati Leopard “non possono essere una soluzione per noi perché abbiamo bisogno di 30 carri armati per un battaglione di carri armati”.

Nel suo discorso video di martedì sera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha sottolineato che l’Ucraina, a suo avviso, appartiene all’Europa e merita lo status di paese candidato all’adesione all’UE. Zelensky ha affermato che il paese attaccato dalla Russia sta dimostrando ogni giorno di essere effettivamente parte di uno spazio europeo unito di valori. Ha detto che le aspirazioni dell’Ucraina ad entrare nell’Unione Europea hanno reso la Russia molto nervosa.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La Commissione europea ha raccomandato venerdì che l’Ucraina e la Moldova siano nominate per aderire all’Unione europea. I capi di stato e di governo dei 27 paesi dell’Unione europea devono prendere la decisione al vertice di giovedì.

Secondo Zelensky, la difesa contro gli invasori russi consiste anche nel richiamare l’attenzione sulle sofferenze degli ucraini e mobilitare così l’assistenza internazionale. Ma più a lungo continua la guerra, più difficile sarà “competire per l’attenzione di centinaia di milioni di persone in diversi paesi”. Tuttavia, “farà di tutto affinché l’interesse per l’Ucraina non diminuisca”.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast della melaE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Deltakron: Nuova variante Corona "non reale" - commenti di ricerca sui falsi allarmi