Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dibattito sulle spedizioni di carri armati: Klingbeil: “È importante prevenire la terza guerra mondiale”

Discussione sulle consegne di cisterne
Klingbeil: “È importante prevenire la terza guerra mondiale”

Il capo dell’SPD afferma che la Germania, insieme ad altri paesi occidentali, dovrebbe essere unita dietro l’Ucraina. In questo contesto, unità significa anche non osare da soli quando si tratta di consegnare le armi. Klingbeil valuta il potenziale di escalation della guerra come alto.

Il leader dell’SPD Lars Klingbeil ha ribadito il sostegno dell’Ucraina all’Ucraina anche dopo la parziale mobilitazione russa e allo stesso tempo ha avvertito di una drammatica escalation. “Continueremo a sostenere costantemente l’Ucraina. Allo stesso tempo, è chiaro che una terza guerra mondiale deve essere prevenuta”, ha detto Klingbeil al German Liberation Network (RND). L’azione ben coordinata dell’Occidente è importante in questo caso. Anche come segnale a Putin che l’unità nell’alleanza occidentale è intatta e rimarrà la stessa.

Sulla controversia relativa alla consegna di altre armi pesanti come il carro armato Leopard 2, Klingbeil ha dichiarato: “Dopo l’inizio della guerra di aggressione russa, la Germania è uscita con un tabù vecchio di decenni: non consegnare armi alle zone di guerra”. Gli attuali successi dell’Ucraina sono in gran parte legati al sostegno dell’Alleanza occidentale. “Il missile Panzerhaubitze 2000 consegnato dalla Germania è uno dei sistemi d’arma di maggior successo utilizzati in Ucraina”, ha sottolineato Klingbeil. Si attiene a ciò che la Germania ha fatto dall’inizio di questa guerra: “Continueremo a coordinarci quotidianamente con i nostri partner sui prossimi passi per aiutare l’Ucraina”.

Klingbeil ha anche osservato che la Germania non sta affrettando la questione della consegna delle armi, ma si sta coordinando con i suoi alleati. Ha continuato: “Putin è un criminale di guerra. Ha lanciato una brutale guerra di aggressione. La mobilitazione parziale russa mostra quanta pressione è sottoposto a Putin. Non lasceremo che questo ci scoraggi”.

Klingbeil ha anche messo in dubbio il costo aggiuntivo del gas e ha descritto la nazionalizzazione di Uniper come l’approccio migliore. “Non c’è mai stato un governo federale che abbia dovuto prendere così tante decisioni serie sin dal primo giorno. In una situazione del genere, il governo ha anche bisogno della forza per ripensare e correggere le traiettorie”, ha detto Klingbeil. Questo è successo ora in Uniper. “Appoggio il percorso qui proposto da Robert Habeck. Ma lo dico chiaramente: la tassa sul gas ora va messa alla prova”, ha sottolineato il leader dell’Spd.

Forte critica a Weber

In SPD ci sono state preoccupazioni fin dall’inizio sullo strumento fiscale del gas. Lo scopo dietro è ed è tuttora vero. “Si tratta di supportare l’infrastruttura di approvvigionamento del gas”, ha spiegato Klingbeil. “Uniper dovrebbe essere installato come un importante fornitore per la società di servizi pubblici”. Ma questo deve essere giusto. “Ora si scopre che nazionalizzare l’Uniper è il modo migliore”.

Klingbeil ha criticato aspramente il politico della Csu Manfred Weber per il suo sostegno a Forza Italia, il partito dell’ex presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi, e ha messo in guardia il sindacato dal rendersi “il portatore della staffa della destra in Europa”. “Mi aspettavo che Frederick Merz prendesse chiaramente le distanze dai populisti di destra italiani”, ha continuato Klingbeil. Ma questo non è successo: il suo presidente del Partito popolare europeo, Manfred Weber, sta facendo campagna in Italia con il partito di Berlusconi e quindi con la coalizione di destra. “Avrebbe dovuto esserci una chiara pausa dai conservatori in Germania. Il sindacato non dovrebbe farsi la staffa giusta in Europa, come stiamo attualmente vedendo con i conservatori in Svezia”, ​​ha aggiunto Klingbeil.

L’Italia voterà domenica prossima. Klingbeil ha affermato che il vero pericolo dei populisti di destra alla guida del governo in Italia è reale. Ma dipende anche dal fatto che molti elettori abbiano preso decisioni diverse negli ultimi metri. “Purtroppo, c’è una tendenza in molti paesi per cui c’è un solo candidato promettente nel mezzo delle elezioni democratiche contro i populisti di destra e di sinistra”. In Italia si tratta di Enrico Letta, che sta combattendo contro la neofascista Giorgia Meloni.

READ  "Trash! Assoluta sciocchezza!": Il politico della CSU Christian Schmidt impazzisce davanti alla stampa | Politica