Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Deposto il presidente Damiba: un altro colpo di stato militare in Burkina Faso

Stato: 01.10.2022 07:07

In Burkina Faso, un altro colpo di stato militare è avvenuto appena otto mesi dopo l’ultimo colpo di stato. Il presidente Damiba è stato rovesciato. Di recente, la debole situazione della sicurezza ha aumentato la pressione sul governo ad interim.

In Burkina Faso, nell’Africa occidentale, i militari hanno lanciato un altro colpo di stato otto mesi dopo l’ultimo colpo di stato. I resoconti dei media locali hanno affermato che l’ex presidente, il tenente colonnello Paul-Henri Sandaugo Damiba, è stato licenziato in un discorso televisivo pronunciato dai nuovi governatori alla TV ufficiale RTB questa sera.

Ha aggiunto che il Burkina Faso è ora guidato dal capitano Ibrahima Traore delle forze armate del Burkinabe. Secondo quanto riferito, il parlamento ad interim è stato sciolto e la costituzione sospesa. Quindi i confini del Burkina sono chiusi per il momento. I nuovi governanti imposero il coprifuoco fino alle cinque del mattino.

Spari nella capitale

Fino a sera, il presidente uscente Denimba ha annunciato che stava conducendo trattative con i suoi “fratelli d’arme”. Allo stesso tempo, ha invitato i residenti a rimanere calmi e prudenti.

I soldati sono di stanza in posizioni centrali a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, sin dalle prime ore del mattino. Hanno anche impedito l’accesso al palazzo presidenziale. Venerdì sera si sono sentiti spari nella capitale.

L’ECOWAS, l’Unione Europea e gli Stati Uniti condannano il colpo di stato

I paesi della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) hanno condannato la presa del potere da parte dei militari ribelli “nel modo più forte possibile”. Il colpo di stato è arrivato in un momento inopportuno poiché sono stati compiuti progressi verso il ripristino dell’ordine costituzionale. L’appartenenza del Burkina Faso alla rete ECOWAS è stata sospesa con il colpo di stato di gennaio.

READ  Nuova piattaforma di social media: la rete "Truth Social" di Trump inizia domani

L’Unione Europea ha espresso preoccupazione per questo sviluppo, così come il Dipartimento di Stato americano a Washington. Un portavoce del Dipartimento di Stato ha chiesto moderazione in tutte le forme di coinvolgimento. Il ministero degli Esteri francese ha raccomandato che circa 4.000-5.000 francesi nel paese non lascino le loro case per il momento.

La pressione sul governo di transizione è aumentata di recente

L’esercito ha governato il Burkina Faso dal colpo di stato di gennaio. Secondo le loro dichiarazioni, i soldati volevano fornire maggiore sicurezza. Tuttavia, la situazione della sicurezza è recentemente peggiorata, aumentando la pressione sul governo ad interim del tenente colonnello Dameba.

A settembre si sono verificati due gravi attacchi ai convogli di rifornimenti nella regione di confine tra Mali e Niger, cioè nel nord del Burkina Faso. Decine di soldati e civili sono stati uccisi.

La situazione politica e umanitaria nel Paese del Sahel di circa 21 milioni di persone è instabile da anni. Gruppi armati, alcuni legati allo Stato islamico o alla rete terroristica di al-Qaeda, sono attivi lì e nei vicini Mali e Niger. Anche le crisi prolungate di siccità e fame causano problemi al Paese, che soffre di povertà nonostante le sue ricche riserve auree.