Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Virus: attività insolita rilevata nel nostro DNA (studio)

Il Virus, che dobbiamo affrontare regolarmente, causano raffreddori e altre infezioni virali. Tuttavia, è del tutto possibile che dopo essere sopravvissuti a un’influenza o all’altra, i resti del virus rimangano e vivano in profondità nel tuo corpo, più specificamente nel tuo DNA. I cosiddetti retrovirus endogeni umani (HERV) sono sopravvissuti nel genoma per migliaia di anni. Ma uno studio ha ora dimostrato che non solo sono pieni lassù, ma sono effettivamente attivi tutto il tempo.

I virus costituiscono l’8% del nostro DNA

La comunità scientifica sa già che circa il 10 per cento del nostro genoma è costituito da virus. È opinione comune che questi debbano avere un qualche tipo di effetto sulla nostra salute. Tuttavia, non è ancora chiaro se si tratti di un effetto positivo o negativo.

Quindi il gruppo di ricerca guidato dal genetista Aidan Byrne ha deciso di indagare più da vicino la questione. Prima di tutto, volevano sapere quando e dove i virus nel nostro corpo interagiscono con il nostro DNA. A tal fine, hanno testato i genomi di 1.000 persone in uno studio pubblicato di recente studia esaminare.

Risultati: gli HERV più antichi devono aver fatto parte dell’attuale genoma umano 35 milioni di anni fa. Tuttavia, l’incorporazione dei virus nel DNA non sembra avvenire così rapidamente. Anche i rappresentanti più giovani nel genoma del popolo avevano 200.000 anni. Lo studio ha rivelato che tutti questi virus antichi sono attivi in ​​tutto il corpo umano. Tuttavia, una scoperta davvero affascinante è stata la seguente: anche con virus o residui virali particolarmente dannosi, alcuni dei soggetti del test erano ancora sani.

HERVS da solo non determina la malattia

Sulla base della presenza di residui virali della famiglia HERV-K nei tessuti sani, questa forma è associata a malignità, in particolare nei testicoli maschili, Birn e il suo team hanno concluso che:

“La presenza di trascrizioni HML-2 e talvolta anche di geni virali può essere considerata una parte normale della proteina e della trascrizione, anche nei tessuti sani”.

Aidan Burn tramite scinxxx

Se queste cose alla fine ci faranno ammalare dipende da altri fattori come l’età, il sesso e la diffusione dell’antico virus. Il nostro DNA inoltre monitora costantemente gli HERV e presta particolare attenzione ai campioni antichi, spiegato scinex.

READ  Nuovo record: la Terra non ha mai ruotato così velocemente

Antichi patogeni: buoni o cattivi?

Ci sono due presupposti per questo comportamento: o i virus antichi hanno una funzione protettiva, cioè hanno un effetto positivo su di noi. O che il “controllo” delle loro attività attraverso il nostro genoma è particolarmente importante, perché sono stati dormienti nei nostri corpi per così tanto tempo che possono facilmente trovare “buchi” e farci ammalare. Byrne riconosce che “il ruolo degli HERV nella biologia umana rimane un mistero”. Sono quindi in attesa di ulteriori ricerche.

Fonte: “Grande espressione dell’antico gruppo provirale HERV-K (HML-2) in tessuti umani normali” (PLOS, 18 ottobre 2022), scinexx

La guerra infuria in Ucraina dal 24 febbraio 2022. qui Puoi aiutare le persone colpite?.