Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: il sedicenne Vlad è stato trattenuto in Russia per 90 giorni | Politica

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri contenuti esterni, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Le forze di invasione russe non si fermeranno davanti a nulla in Ucraina. Tuttavia, non possono infrangere la volontà della vita delle persone in Ucraina.

Ciò è dimostrato anche nel caso del sedicenne Vlad Buryak, che è stato catturato dai soldati di Putin nella città di Melitopol, nell’Ucraina orientale. I russi lo trasferirono in una prigione nella regione occupata di Zaporizhia, dove soffrì l’inferno. Dopo 90 giorni di prigionia russa, Vlad è stato rilasciato.

Il padre di Vlad, Oleh Buryak, è un alto funzionario dell’amministrazione della regione di Zaporizhia. Ripetutamente, non solo alti funzionari ucraini, ma anche membri delle loro famiglie, come nel caso di Vlad, sono stati rapiti e detenuti.

► La giornalista Olena Halushka ha pubblicato una foto di Vlad e suo padre su Twitter. “I russi lo hanno costretto a purificare il sangue dalla stanza degli interrogatori”, ha detto suo padre alla televisione ucraina.

Cosa è successo a Vlad dopo che i russi lo hanno rapito? Puro orrore!

Ha detto al Washington Post che ha dovuto trascorrere i primi giorni in isolamento. Poi un uomo è stato portato nella sua cella ed è stato torturato nella stanza accanto. Vlad ha dovuto ascoltare le sue urla. L’uomo è stato più volte folgorato, tra le altre cose.

Un giorno l’uomo che aveva moglie e figli gli disse: “Non ce la faccio più. Preferirei morire”.

“Per favore, racconta la mia storia”, disse a Vlad, prima di tentare il suicidio davanti al ragazzo. Ha detto che gli stava tenendo la mano quando l’uomo ha iniziato a indebolirsi. Ma poi è arrivata una guardia, lo ha curato e lo ha portato via – Vlad non sa ancora cosa gli sia successo fino ad oggi.

Dopodiché, il ragazzo era di nuovo solo nella prigione, a leggere e meditare, dovendo spesso pulire stanze con strumenti medici dove altri venivano torturati.

“L’ho fatto senza emozioni e sono rimasto calmo, quindi la stessa cosa non è successa a me”, dice Vlad. “Sentivo che tutto dentro di me era in fiamme”.

Ha dovuto assistere alle atrocità che probabilmente lo avrebbero plasmato per il resto della sua vita.

Una volta vide un uomo impiccato nella camera delle torture e un soldato russo che scriveva appunti accanto a lui. Altri uomini hanno gli aghi sotto le unghie.

Nel frattempo, il padre di Vlad, Oleh, ha fatto di tutto per contattare suo figlio, senza successo. Il sedicenne è stato trasferito appena sette settimane dopo in un’altra struttura, dove poteva parlare con suo padre al telefono e fare regolarmente la doccia.

Nessuno dei due conosce il motivo di quanto accaduto in quel momento: all’inizio di luglio hanno appreso che Vlad avrebbe preso parte allo scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina. È stato di nuovo con suo padre dal 4 luglio.

Ora Vlad è coinvolto negli aiuti umanitari nella guerra in Ucraina.

READ  L'Ucraina attacca la "propaganda di guerra" della Dogina