Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tracciare le cause della SM: cellule regolatorie, migratorie e nascoste – AMSEL News – Multiple Sclerosis News

Al fine di promuovere la ricerca sulla SM, la Fondazione Roman, Marga e Mareille Sobek premia i giovani medici e scienziati con il Sobek Young Talent Award. La cerimonia di premiazione si svolge in collaborazione con AMSEL a Stoccarda. Quest’anno, a causa della pandemia, sono stati premiati i vincitori degli Young Talent Awards 2020 e 2022 della Sobek Foundation. Hanno riportato brevemente i risultati della loro ricerca e i metodi per ulteriori ricerche.

Private Dozen Dr. Il medico Benjamin Knier, vincitore del Sobek Young Talent Award 2020, Conduzione di ricerca in clinica e clinica Neurologia Dal Klinikum Rechts der Isar dell’Università Tecnica di Monaco. Nella sua presentazione pubblica “Cellule soppressori del midollo osseo: nuovi attori Fisiopatologia di sclerosi multipla “ha mostrato come lui e il suo team sono stati in grado di trasformare le cellule soppressori del midollo osseo in … liquore (liquido cerebrospinale) e per dimostrare i processi molecolari e cellulari convenzionali leucociti Passaggio agli immunosoppressori.

Stimolazione delle cellule regolatrici

Secondo PD Knier, è in grado di sopprimere l’attività autoimmune dannosa linfociti B per idratare. Se l’effetto inibitorio di queste cellule regolatorie è indotto nel modello murino, il numero di cellule B in Il sistema nervoso centraleL’encefalite è diminuita e il decorso della malattia si è attenuato. Al contrario, se le cellule soppressorie vengono distrutte, le cellule B si espandono e il decorso della malattia peggiora.

Dalla sua riabilitazione nel 2019, il Dott. Clinica Neurologica di Knier, Gruppo di Lavoro di Neuro-oftalmologia. Utilizzando la tomografia a coerenza ottica (OCT), è stato in grado di dimostrare che i cambiamenti visivi nella retina si verificano effettivamente nelle fasi iniziali della SM, il che può fornire informazioni sul decorso tardivo della malattia. [amsel.de hatte erst kürzlich wieder über das OCT-Verfahren und seinen möglichen Einsatz zur MS-Prognose berichtet]. su di me Base Sulla base di questi risultati, in futuro possono essere sviluppati materiali che promettono un elevato potenziale terapeutico per un trattamento di successo della SM.

READ  I dati attuali sul Corona nel Paese: il tasso di contagi è ancora sopra quota 1100

Premio Sobek Young Talent 2022 Andò da due ricercatori. per una cosa Sig. Dott. Anne Catherine Probstelle, Senior Physician in Neurology presso l’Ospedale universitario di Basilea e capogruppo di ricerca nei dipartimenti di biomedicina e ricerca clinica nonché il Centro di ricerca di neuroimmunologia clinica e neuroscienze presso l’Università di Basilea, per il suo lavoro scientifico nel campo dei linfociti B malattie autoimmuni mediate del sistema nervoso centrale. Il neurologo di Basilea si concentra sulla ricerca sul ruolo degli autoanticorpi nell’interazione con la glicoproteina e sul loro significato clinico nelle malattie demielinizzanti come la sclerosi multipla.

Le cellule B “cattive” migrano dall’intestino al sistema nervoso centrale

Un altro focus della ricerca del giovane professore sono i meccanismi dell’attività dei linfociti B nell’intestino come variabili importanti della regolazione immunitaria e il loro impatto Patologia Per il sistema nervoso centrale nella SM. Nella sua breve conferenza “Friend or Foe? B-cell Diversity in MS” ha descritto due tipi di cellule B: cellule “benigne” che hanno un effetto antinfiammatorio e cellule “maligne” che promuovono l’infiammazione. Tecniche di sequenziamento recenti hanno dimostrato che i linfociti B antinfiammatori in A Paga Si fa strada dall’intestino al sito dell’infiammazione nel sistema nervoso centrale.

Si ipotizza che i farmaci approvati per esaurire i linfociti B per la SM non solo riducano i linfociti B pro-infiammatori “cattivi”, ma riducano anche i linfociti B antinfiammatori “buoni”. La conclusione è clinicamente chiara: rimuovere troppi linfociti B può peggiorare la SM. Pertanto, l’obiettivo per le future opzioni di trattamento sarà quello di manipolare il microbioma intestinale. Il numero crescente di casi di SM negli ultimi 40 anni suggerisce un collegamento con i cambiamenti nelle abitudini alimentari. Tutto suggerisce che la manipolazione del microbioma intestinale, insieme a una dieta equilibrata ricca di fibre e, se necessario, alla sostituzione della vitamina D, può portare a una progressione significativa nella SM.Trattamento psichiatrico Puoi controllare. Il gruppo guidato dal professor Pröbstel continuerà a perseguire questo obiettivo di ricerca.

READ  Uno spettacolo raro nel cielo sopra la Germania

con il secondo Premio Sobek Young Talent 2022 Divenne collega e talvolta coautore di articoli scientifici, Sig. Dott. Luca Shermer, Heisenberg Professore di Neurobiologia Traslazionale e Senior Executive e Chief Physician Sezione per Neuroimmunologia presso la Clinica Neurologica di Mannheim. È riuscito a identificare nuovi meccanismi patologici specifici per tipo cellulare e potenziali nuovi bersagli terapeutici. Nel 2018, lui e i suoi colleghi hanno fondato il proprio laboratorio di ricerca sui temi delle neuroscienze e della neuroinfiammazione presso l’University Hospital Mannheim. Utilizzando la più recente tecnologia nei metodi di sequenziamento unicellulare, è stato in grado di identificare i cambiamenti nel genoma unicellulare che potrebbero essere rilevanti per la SM.

Le cellule infiammatorie nella SM si “nascondono” nelle nicchie

Confrontalo nella sua conferenza “Modelli di danno cellulare e molecolare nella SM”. cervello Con una fortezza medievale protetta da un muro difensivo della barriera ematoencefalica. Ma i tipi di cellule che sono riusciti a sfondare il muro difensivo sono attivi accensione Il tessuto coinvolto è stato danneggiato? Come interagiscono i neuroni, le cellule gliali e le cellule immunitarie? E come si misura, soprattutto, l’effetto sulla suscettibilità e sulla resilienza dei tipi cellulari?

Schirmer ha scoperto che le cellule infiammatorie si depositano in luoghi difficili da trattare. Utilizzando la tecnologia più recente, lui e il suo team hanno mappato i modelli di infiammazione nella SM. Nella decodifica della neurite ottica, un’infiammazione comune segno di malattia Dalla SM, ha scoperto una distribuzione di cellule orientata al compartimento. Sostiene che l’evoluzione del panorama cellulare e molecolare spaziotemporale è la chiave per comprendere i meccanismi patologici sottostanti e sviluppare terapie specifiche per il tipo di cellula.

Nel 2022, su proposta di un comitato scientifico, la Fondazione Sobek ha sostenuto giovani scienziati con 15.000 euro ciascuno, la loro ricerca apre nuovi orizzonti per diagnosticare e trattamento della sclerosi multipla malattia autoimmune Aprire.

READ  Vitamina D: Non esiste un salvatore contro il Covid | NDR.de - Guida