Tossine nel permafrost: i ricercatori si preoccupano: “Guarda i grandi rischi”

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Il cambiamento climatico sta causando lo scioglimento del permafrost e l’innalzamento del livello del mare. Ma c’è un altro grosso problema, affermano gli esperti di Bremerhaven.

Secondo gli esperti, il rischio di danni ambientali su larga scala a seguito dello scongelamento del permafrost sotto gli impianti industriali nell’Artico sta aumentando drasticamente. Citando la propria indagine, l’Alfred Wegener Institute (AWI) ha dichiarato martedì a Bremerhaven che nelle regioni artiche, i rifiuti tossici sono stati depositati in piccole discariche all’interno o su terreni precedentemente ghiacciati per decenni. Con lo scioglimento del permafrost come parte del cambiamento climatico, l'”effetto barriera” scompare.

“Gli inquinanti che si sono accumulati nell’Artico per decenni potrebbero iniziare a spostarsi e diffondersi su aree più vaste”, ha avvertito l’istituto. La gamma di materiali spazia dal gasolio ai metalli pesanti altamente pericolosi e ai rifiuti radioattivi. L’Artico ha un gran numero di impianti di produzione di petrolio e gas attivi e dismessi, miniere e strutture militari.

Il vero problema potrebbe essere più grande.

Secondo gli esperti dell’AWI, questi includono discariche locali con fanghi tossici, lagune piene di acque reflue industriali accumulate o cumuli di macerie provenienti da operazioni minerarie. Lo smaltimento complesso è stato spesso evitato nella convinzione che il terreno ghiacciato avrebbe circondato in modo permanente i rifiuti.

Miniera di zinco Red Dog nel nord-ovest dell’Alaska: il permafrost trattiene ancora molte tossine. Tuttavia, secondo i ricercatori dell’AWI, se lo scioglimento continua, il rischio aumenta. (Fonte: Guido Gross)

Secondo uno studio degli esperti dell’AWI, ora pubblicato sulla rivista “Nature Communications”, ci sono almeno 13.000-20.000 aree inquinate nell’Artico vicino a circa 4.500 aree industriali, che potrebbero rappresentare un rischio ancora maggiore in futuro a causa dello scioglimento permafrost. Da 3.500 a 5.200 circa si trovano in aree in cui il processo di scioglimento inizierà prima della fine del secolo.

Secondo gli scienziati, questa è solo una guida approssimativa, poiché manca una panoramica più dettagliata a causa della mancanza di dati completi. “Il vero problema potrebbe essere più grande”, ha spiegato l’esperto di AWI Moritz Langer. I ricercatori chiedono strategie a lungo termine.

La situazione non è particolarmente chiara in Siberia

Secondo lo studio, che si basa su proiezioni di modelli computerizzati, la situazione in Siberia è particolarmente poco chiara perché, a differenza del Canada e dello stato americano dell’Alaska, in Russia non esistono banche dati sulle aree contaminate. Ci sono “abbastanza poche informazioni” dalla Russia, anche se da notizie di stampa.

Secondo l’AWI, la situazione sarà aggravata in futuro da un aumento delle attività economiche nella calda regione artica. Di conseguenza, ha spiegato l’istituto, sempre più impianti industriali potrebbero fuoriuscire sostanze tossiche. Le discariche non sono l’unico pericolo. Il cedimento e lo scioglimento del permafrost destabilizzano anche tubazioni e serbatoi di stoccaggio.

Related articles

Nuovo favorito per le vacanze: scelto come il lago più bello d’Italia

Pagina inizialeviaggiostava in piedi: 13 luglio 2024, 14:45Da: Francisca KindlPremeredivisoUna guida turistica italiana ha nominato per la nona...

Gli esami di laboratorio rivelano la presenza di sostanze tossiche

Home pageconsumatorestava in piedi: 13 luglio 2024 alle 19:09da: Romina KunziInsisteDivideLe donne si espongono regolarmente al pericolo senza...

Notizie di mercato: Desiree Doue nuovo obiettivo

Il Bayern Monaco sta preparando la sua squadra per la nuova stagione. Il Monaco punterà anche sul...

Verrà distribuito Android Auto 12.4

Android Auto 12.4 è distribuito da Google. Come sempre, potrebbe volerci del tempo prima che la nuova...