Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sta prendendo provvedimenti per rallentare il cambiamento climatico

Sta prendendo provvedimenti per rallentare il cambiamento climatico
  1. Pagina iniziale
  2. Locale
  3. Dachau
  4. Petershausen

creatura:

da: Petra Shavelick

Nella vasca di prova crescono già tenere piante di azolla: Benjamin Sedelmayr (15) di Petershausen ha scavato una vasca nel suo giardino di casa, l’ha riempita di acqua piovana e ha piantato felci galleggianti. Ciò che distingue la pianta è che rimuove grandi quantità di anidride carbonica e azoto dall’atmosfera. ©ps

Benjamin Sedelmeyer si è imbattuto nell’azolla e nelle sue ricette speciali mentre si preparava per una presentazione di fisica. Ora sta coltivando felci galleggianti in due vasche di prova. L’obiettivo del pioniere quindicenne di Petershausen: rallentare il cambiamento climatico!

Petershausen – Promuovere l’agricoltura biologica regionale e compensare efficacemente le emissioni di anidride carbonica: con la coltivazione della felce acquatica Azolla, Benjamin Seldemeyer (15) è venuto a conoscenza di un processo interessante che potrebbe essere utilizzato per raggiungere entrambi gli obiettivi. Germogli poco appariscenti di piante galleggianti che crescono sulla superficie dell’acqua, in condizioni favorevoli crescono rapidamente e assorbono fino a 15 tonnellate di anidride carbonica all’anno e un ettaro di atmosfera, quasi per coincidenza, molto di più delle foreste. Allo stesso tempo, Azolla è un eccellente mangime biologico ad alto contenuto proteico.

Lo studente di scuola superiore di 15 anni ha appena allestito una vasca di prova nel giardino dei suoi genitori a Petershausen, vicino a Kreithof, e dovrebbe coltivare Azolla in una vasca coperta di pellicola. Ma Benjamin Sedelmeyer pensa in grande: vorrebbe utilizzare il metodo per il lavoro futuro. Migliorando così la protezione del clima nella regione e possibilmente oltre.

Benjamin Sedelmeyer, che insegna in terza media all’Ignaz-Taschner-Gymnasium di Dachau, si è imbattuto nell’azolla e nelle sue proprietà speciali durante la ricerca di una presentazione di fisica sui cambiamenti climatici. Ha anche esaminato le fluttuazioni naturali dell’anidride carbonica nella storia della Terra e ha trovato il cosiddetto evento Azolla (vedi riquadro). “Sono stato subito affascinato.” Quindi cerca ulteriori informazioni.

Infatti, la felce acquatica, che 50 milioni di anni fa ha avuto un enorme impatto sul clima terrestre, è ancora oggi utilizzata in India, ad esempio, come foraggio agricolo ricco di proteine. E nelle risaie allagate, l’azolla germina e viene incorporata nel terreno come concime verde.

FU Berlin sta anche esaminando la domanda: l’azolla può fermare il cambiamento climatico?

Tuttavia, secondo Benjamin Sedelmeyer, il potenziale di questa pianta poco appariscente è tutt’altro che esaurito. “Azolla non è stato ancora utilizzato per compensare l’anidride carbonica”. Questa idea non è ultraterrena, ma potrebbe essere molto lungimirante. Anche la scienza la vede così. Alla Freie Universität di Berlino, ad esempio, c’è un progetto di ricerca finanziato dallo stato sulla domanda: “L’impianto di Azolla può fermare il cambiamento climatico?” La Fondazione Azolla International si considera una piattaforma per condividere le conoscenze sulla pianta e le sue proprietà.

Ma Benjamin Sedelmeyer non vuole teorizzare, vuole mettersi al lavoro. “Ci sono abbastanza ricerche in corso”, dice con impazienza, “finalmente dobbiamo metterci al lavoro”. Conoscenza e tecnologia lì. “Ora si tratta di esecuzione, attenzione e persuasione”. Così è iniziato. Ho testato la resistenza al gelo di Azolla durante l’inverno. Ora, in primavera, ha scavato nel suo giardino una vasca di 1,5 metri per 3,5 e l’ha riempita di acqua piovana, in cui crescono tenere piante di azolla. Le felci si sentono a proprio agio a temperature intorno ai 25 gradi, “ma possono sopravvivere tra 0 e 30 gradi”.

Ora è il momento di sperare in una calda primavera. Una volta che la falda freatica è ricoperta da una fitta vegetazione, alla fine di maggio o all’inizio di giugno, potrebbe essere il momento di raccogliere Sedlmair con una rete.

Un’altra esperienza in un Kreithof simile, solo più grande. Lì, lo studente ha rivestito uno stagno asciutto con carta stagnola, e ora non c’è abbastanza acqua, e poi vuole anche piantare Azolla lì. Il proprietario dell’azienda agricola George Seitz, che ha lasciato l’area allo studente, sta osservando con interesse il processo. Fa anche parte dell’esperimento, perché i suoi polli otterranno i primi raccolti di Azolla come foraggio. “Se i giovani si impegnano a proteggere la natura e il clima, sono felice di sostenerlo”, afferma Seitz.

Idea di Benjamin Sedelmeyer: Azolla è anche sui tetti dell’azienda!

Benjamin Sedelmeyer spera che più agricoltori possano preservare i loro animali in modo ecologico con Azolla, che è economica da produrre, foraggio biologico di alta qualità. E poiché la pianta assorbe un’enorme quantità di anidride carbonica, può essere utilizzata per rallentare il cambiamento climatico.

Sono in corso tentativi per utilizzare processi tecnici per estrarre l’anidride carbonica dall’aria e immagazzinarla nel sottosuolo. Questo metodo è chiamato cattura e stoccaggio del carbonio (CCS). “Troppo costoso”, dice il quindicenne. E non è senza rischi, perché i serbatoi di stoccaggio possono perdere. La compensazione dell’anidride carbonica attraverso la coltivazione dell’Azolla è invece un processo naturale. Poiché la felce prospera in acque poco profonde, le aziende con ponti aziendali adeguati possono utilizzare Azolla per compensare le emissioni di CO2 direttamente in loco, questa è la sua idea.

E lo studente pensa al futuro: nelle regioni del mondo con un clima adatto, la felce acquatica può essere coltivata in vasche artificialmente grandi. In questo modo, il contenuto di anidride carbonica nell’atmosfera viene notevolmente ridotto in modo naturale. Ma questa è la musica del futuro. Ora Benjamin Sedelmeyer osserverà prima come si comportano le piante di Azolla nei serbatoi di prova.

evento azzolla

Il cosiddetto evento Azolla fornisce indicazioni su quanto sia importante l’impianto di Azolla nel ridurre il contenuto di anidride carbonica nell’aria. Questo è il nome dato a un fenomeno avvenuto sulla Terra 49 milioni di anni fa. A quel tempo, c’era un allevamento di massa dell’azolla, che assorbiva così tanta anidride carbonica da abbassare le temperature in tutto il mondo. Il clima caldo dell’epoca fu lentamente trasferito nell’odierna era glaciale. Questa connessione potrebbe essere utilizzata per contrastare l’attuale aumento di anidride carbonica attraverso la coltivazione su larga scala di azolla. Nota