Sei una persona divertente? 3 domande lo rivelano

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Uno psicologo spiega quando le cose diventano problematiche

Sei una persona divertente? 3 domande lo rivelano

Ieri, 22 settembre 2023 | 20:40

I “piaceri della gente” sono persone che vogliono sempre accontentare tutti mettendo da parte i propri bisogni. La psicologa Ulrike Bosmann spiega in un’intervista da dove viene, quando diventa malsano e cosa aiuta a combatterlo.

Uno con uno
I collegamenti contrassegnati con un simbolo o una sottolineatura sono collegamenti di affiliazione. Se viene effettuato un acquisto tramite questo, ne otterremo uno
commissione – Senza alcun costo aggiuntivo per te! Maggiori informazioni

Lena va a una festa a cui non vuole andare per assicurarsi che le venga chiesto la prossima volta. In questo modo eviterai di essere escluso.

Holger presta dei soldi a un vicino che notoriamente restituisce i soldi solo dopo ripetute richieste. In effetti non vuole. Ma lui vuole evitare di mettere sotto pressione il rapporto di buon vicinato – dopotutto si vive nella porta accanto.

Sabine sostiene i suoi colleghi con consigli e sostegno ed è considerata “l’anima buona del team”. Trova tempo per gli altri anche quando ha così tanto da fare che può completare i suoi compiti solo facendo gli straordinari. Attraverso il suo comportamento evita che i colleghi pensino che lei non sia collegiale.

Lena, Holger e Sabine sono chiamati “piaceri della gente”. La psicologa Ulrike Bosman ne parla come esempio nel suo libro (
Piacere alle persone: esci dalla trappola del conformismo e liberati della coscienza sporca
). “Chi piace alle persone mette sempre il benessere degli altri al di sopra dei propri interessi”, ha spiegato in un’intervista a FOCUS online. “E prendono decisioni in base al piacere o meno agli altri. Il suo obiettivo è molto chiaro: ‘non deludere, offendere o gravare su nessuno’ o, per dirla in positivo, ‘assicurarsi che tutti siano sempre felici.’

A proposito dell’esperto

medico. Ulrike Bosmann è psicoterapeuta e terapista sistemica. Come coach, è specializzata anche in psicologia positiva.

annuncio

Persone amichevoli o davvero divertenti? questa è la differenza

Il desiderio di compiacere gli altri, di essere disponibile e amichevole – inizialmente sembrano tratti positivi della personalità. Ma: “Questa esagerazione delle caratteristiche e dei comportamenti desiderabili non solo ti rende insoddisfatto di te stesso e del mondo a lungo termine, ma può anche farti star male”, avverte lo psicologo. “Essere d’aiuto è fantastico, ma superare costantemente i propri limiti a causa del sacrificio per gli altri non è fantastico.”

La dinamica è diversa anche perché coloro che soddisfano le persone “non sono liberi nelle loro decisioni”. Continuano a comportarsi in modo utile anche quando non ne hanno voglia, dice Bosman. “Agiscono perché, in fondo, vogliono evitare certi sentimenti, vale a dire la paura, la vergogna e il rifiuto.”

Sono un popolo gradito? Ci sono 3 domande che dovresti porti

Ma dove finisce la gentilezza e dove inizia il compiacere le persone? Secondo lo psichiatra, chiunque abbia dei dubbi può porsi le seguenti domande:

1. È importante per me che piaccia agli altri?

2. Voglio assicurarmi attraverso il mio comportamento che nessuno rimanga deluso o non mi piaccia?

3. Mi preoccupo o ho paura che gli altri mi rifiutino?

“Tutti coloro che rispondono sì a queste domande hanno la loro risposta”, afferma Bosman.

Coloro che piacciono alle persone mostrano determinate tendenze comportamentali

Lo psicologo spiega che le persone gradite possono manifestarsi in comportamenti completamente diversi. Nella sua pratica, ha osservato quattro principali tendenze comportamentali. Nello specifico si tratta di:

  • Elaborazione eccessiva Di’ e fai solo ciò che pensi che gli altri si aspettino da te e astieniti da tutto il resto
  • Sovracompensazione Ricerca della perfezione e libertà dai difetti
  • sacrificio di sé Dai tutto agli altri, prenditi cura di loro e dei loro interessi e non dire mai di no
  • Precisione : Non percepire obiettivi, desideri, interessi e/o opinioni unici che differiscono da quelli degli altri, o riluttanza a riconoscere i conflitti

Quando piacere alle persone diventa un problema e può farti star male

Su piccola scala, le corrispondenti tendenze comportamentali non costituiscono un problema. Secondo l’esperto, diventa cruciale quando il comportamento ha un impatto negativo e tu e la tua relazione ne soffrite in futuro.

Le persone gradite possono farti star male. “Dato che superano costantemente i propri limiti, spesso non c’è tempo per rilassarsi”, dice l’esperto. Di conseguenza, compaiono sintomi di stress: “Sono esausto, non dormo bene, non riesco a concentrarmi, potrei avere mal di pancia e il mio cuore batte forte”, dice Bosman.

Inoltre, l’autostima ne risente. “In effetti, col tempo diventa più fragile. Da un lato perché coloro che piacciono alle persone rendono la loro autostima fortemente dipendente da fonti esterne e, dall’altro, perché notano che agiscono costantemente contro i propri bisogni. Il rischio di sviluppare malattie psicologiche come depressione o disturbi d’ansia Ansia.

Come terzo punto, Bosman menziona le difficoltà nelle relazioni. Boseman descrive un esempio tratto dal suo lavoro: “Le ha chiesto se andava bene per lui uscire con gli amici la sera e per lei prendersi cura dei bambini. Lei ha detto: ‘Nessun problema’. Ma in realtà l’ha trovato. stupido e voleva che lui stesso lo confessasse. Nel corso della settimana, lei era lì.” Sempre accuse inconsce: “Volevo riposarmi, ma dovevo occuparmi dei bambini”, oppure “Abbiamo davvero volevo pianificare la vacanza, ma eri via”, ecc.”

Oltre a questa accusa di base, può esserci effettivamente un tumulto. “Troppo spesso i tuoi bisogni e le tue opinioni vengono messi da parte o inghiottiti in modo che a un certo punto i piaceri della gente possano eruttare come un vulcano”, dice Bosman. Potrebbe trattarsi di una relazione, di una famiglia o di un lavoro. “Mi hanno sempre approfittato, nessuno si è preoccupato di me”, queste sono le cose che vengono a galla all’improvviso. Spesso con grande sorpresa dell’altra persona.

Raccomandazione di libro (pubblicità)

“Il piacere delle persone: uscire dalla trappola del conformismo e liberarsi dalla coscienza colpevole” del Dr. Ulrike Bosmann

Al libro

Perché le persone diventano persone felici?

Secondo l’esperto Bosman qui bisogna separare due ambiti: la componente sociale e le esperienze individuali. Le donne tendono ad essere più gradite alle persone rispetto agli uomini. Per il semplice motivo che vengono allevati fin dalla tenera età per essere ben educati, disponibili e amichevoli. “È fondamentalmente un terreno fertile per chi affitta”, dice Boseman.

Secondo la psicologa ci sono anche altre megatendenze attuali: il nostro mondo è piuttosto frugale e c’è sempre qualcosa da fare in tutti gli ambiti della vita, dice. Parole chiave auto-ottimizzate. “La tentazione di trascurare se stessi, tipica di chi piace alle persone, è chiara: chi pensa meno di se stesso degli altri rende felici più persone”. Chi mette da parte i propri bisogni sarà in grado di portare a termine più compiti. “Viviamo in una cultura della valutazione. Piace, segui, commenti negativi: l’opinione o la valutazione dall’esterno è più forte che mai, così come la paura della vergogna o della svalutazione.

Che ruolo gioca l’infanzia?

Da un punto di vista individuale, l’infanzia gioca un ruolo importante. Lo psicologo rileva soprattutto nella prima infanzia due aspetti che favoriscono lo sviluppo di persone gradite: la vergogna e la genitorialità.

Mi vergognavo da bambino se mi mostravo com’ero veramente, se mi mostravo com’ero? Potrebbe trattarsi di un bambino che scoppia in lacrime per la perdita di un animale di peluche. O quella che fa ginnastica sul divano perché è viva, spiega Boseman. “Se questo viene svalutato da coloro che si prendono cura di te, come i genitori o i nonni, se ti fanno notare che è completamente sbagliato, o che non funziona in questo modo, o che non sei abbastanza intelligente per farlo, allora si verificherà un sentimento di vergogna. Per evitare questa sensazione spiacevole “Le persone che compiacciono si comportano in modo molto conformista. Quindi dietro questo c’è la paura della vergogna.”

Secondo: “Ciò che noi psicologi chiamiamo genitorialità è l’inversione dei ruoli tra genitore e figlio”. Ad esempio: c’è una discussione tra madre e padre e il bambino interviene come mediatore – sia che venga chiesto consapevolmente (“Dillo alla mamma che…”) o semplicemente perché il bambino ne ha voglia.

Esempio tratto dalla pratica di Bosman: “Quando i genitori si separavano, la madre spesso diceva al figlio: ‘Sei il mio bambino grande e ho bisogno di te adesso’. “Questa è una responsabilità – sei responsabile dei sentimenti degli altri – che il bambino non riesco a gestire”, dice l’esperto. “E ovviamente questo aumenta la mia intensità: concentrarmi sempre sugli altri e chiedermi: di cosa hanno bisogno adesso?”

“La cosa importante è che pochissimi genitori lo fanno intenzionalmente”, afferma Bosman. Il motivo principale è che loro stessi non hanno imparato ad affrontare le crisi emotive. “Fortunatamente, la situazione sta cambiando un po’.”

È così che coloro che compiacciono le persone escono dalla trappola dell’armonia

Ma cosa aiuta e come fanno i compiaciuti a uscire dalla trappola dell’armonia? L’esperto non crede a dogmi rigidi come “devo separarmi e prima guardarmi” o “imparare a dire sempre no”. Dice che questi saranno solo nuovi corsetti obbligatori. Inoltre, ciò non è coerente con la natura compiacente di molte persone. “Si tratta spesso di persone compassionevoli che amano prendersi cura degli altri e fanno anche lavoro di volontariato. Hanno qualità meravigliose che sono di grande importanza per la nostra società, specialmente nel mondo di oggi.”

Pertanto, la sua preoccupazione principale è trovare una via d’uscita da questa dissoluzione (vedi tendenza comportamentale sopra). “Si tratta di compiacere le persone che sono in contatto con se stesse, con le loro qualità, i loro desideri e i loro bisogni.”

Come funziona esattamente? Lo psicologo ha 3 consigli

Ma come si fa concretamente a farlo? Boseman incorpora ripetutamente esercizi e tecniche nel suo libro. Per esempio:

  • Check-in brevi per uscire dalla vita quotidiana con il pilota automatico: “Imposta tre sveglie a orari assolutamente strani, ad esempio 8:16, 13:08, 17:35. E quando suona, chiediti: come mi sento adesso? Di cosa avrò bisogno adesso? Sono tre minuti al giorno per ascoltarsi.” .
  • Giorni “No, per favore”: “Scegli un giorno alla settimana in cui non ti prego. L’obiettivo di questa giornata è prendere decisioni consapevoli. Nel maggior numero di situazioni possibile, cerca di non compiacere te stesso, ma piuttosto di prendere in considerazione i tuoi bisogni, sentimenti e opinioni. account.
  • Sfide minori: “Mostrati: anche qualcosa di piccolo è sufficiente! Ad esempio, con unghie colorate o vestiti accattivanti. Distinguiti semplicemente invece di conformarti.” Una mini-sfida implica, ad esempio, decidere di esprimere la propria opinione o di essere rispettosamente in disaccordo nel prossimo incontro.

“Ma in realtà non sono necessari metodi complicati”, dice lo psicologo. “Usa semplicemente la vita di tutti i giorni per esercitarti e, se non funziona subito, la prossima volta. Fermati un attimo prima di prendere una decisione e pensa: cosa voglio? Mi interessa davvero? E se è così, va bene lo stesso. Ascolta prima di rispondere.”

“Le persone che accontentano le persone hanno un grande potere.”

Sottolinea che questo per lei è importante: “L’obiettivo non è porre limiti rigidi e diventare egoisti”. “È un’espressione di amore e buona volontà tenere a mente gli altri. E questa è una forza, non una debolezza. Ma c’è una differenza tra se lo faccio perché voglio essere soddisfatto e ho paura delle conseguenze, o se” Lo sento davvero in quel momento e decido liberamente.”

RFE

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...