Gennaio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Segni di infiammazione evidenti precocemente, anche senza sintomi di demenza – La pratica della guarigione

Morbo di Alzheimer: i primi segni sono evidenti

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza e un disturbo cerebrale incurabile. La malattia non può ancora essere curata o fermata. Tuttavia, ci sono modi per curare la malattia e le sue conseguenze. La diagnosi il prima possibile e l’inizio di un trattamento tempestivo sono utili in questo caso. Nuovi risultati della ricerca ora mostrano che alcuni segni di infiammazione sono già evidenti in assenza di sintomi di demenza.

Molto prima che si manifesti la demenza, ci sono segni di una maggiore attività del sistema immunitario nel cervello. Questa è l’opinione dei ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative eV (DZNE) e dell’ospedale universitario di Bonn (UKB) sulla base di uno studio su oltre 1.000 anziani. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivistaneuroneIl petto.

La neuroinfiammazione aiuta a determinare la progressione della malattia

come al momento Messaggio Ha spiegato che negli ultimi anni è stato riscontrato che il sistema immunitario del cervello e i processi infiammatori che ad esso ritornano – noti anche come “neuriti” – sono responsabili dello sviluppo di Il morbo di AlzheimerHa un effetto decisivo sulla malattia.

In questo contesto, i ricercatori hanno analizzato diversi biomarcatori immunologici con una buona rilevabilità nell’acqua nervosa e risultati riproducibili.

“Era già noto che questi marcatori indicavano processi immunitari nel contesto del morbo di Alzheimer. Ad oggi, tuttavia, non sono state condotte indagini approfondite come abbiamo fatto ora per determinare come questi marcatori siano correlati alle dimensioni del cervello, alle prestazioni cognitive e ad altri parametri, ” spiega il professor Michael Henica, che ha guidato l’attuale studio.

READ  I ricercatori sollecitano la fretta: la vaccinazione di richiamo potrebbe interrompere la quarta ondata

“Abbiamo scoperto che alcuni di questi segni di infiammazione possono essere effettivamente notati in assenza di sintomi di demenza”, afferma Henika. “Sulla base dei dati disponibili finora, non possiamo ancora fornire un lead time. Ma secondo me è di almeno dieci o vent’anni”.

Nota anche senza demenza

Il punto di partenza per le indagini sono stati i dati del cosiddetto studio DELCODE, in cui DZNE ricerca la demenza e le sue fasi iniziali con diverse cliniche universitarie in tutta la Germania. I risultati di quasi 300 persone sono stati incorporati nell’attuale progetto di studio, tutte con più di 60 anni.

Oltre agli adulti cognitivamente poco chiari, il gruppo di persone testate includeva anche persone con problemi di memoria di vario grado e persone con malattia di Alzheimer. Campioni di acqua nervosa e test di memoria standardizzati erano disponibili da tutti i partecipanti allo studio, la maggior parte dei quali aveva anche immagini del cervello generate dalla risonanza magnetica.

Oltre all’esame iniziale, i dati includevano almeno un esame di follow-up dopo 1 anno. Per alcuni partecipanti, i risultati si sono riversati in diversi esami di follow-up per un periodo fino a cinque anni.

“Esistono biomarcatori comprovati sia per l’amiloide che per la tau. Si tratta di proteine ​​che si accumulano nel cervello durante l’Alzheimer e possono essere rilevate anche nell’acqua dei nervi. I loro livelli di misurazione di solito cambiano prima della comparsa dei sintomi della demenza e sono un segno di danno ai nervi Volevamo sapere se i marcatori infiammatori funzionassero in modo simile”, ha affermato il dott. Frederic Proceron, scienziato della DZNE e uno dei primi autori dell’attuale pubblicazione.

READ  Marte: il rover della NASA scopre un "animale": non sarebbe dovuto esistere affatto

In effetti, abbiamo scoperto che la maggior parte dei marker di infiammazione è elevata, specialmente quando il marker di danno neuronale è elevato. Questo vale anche se queste persone non hanno ancora avuto sintomi di demenza. I marcatori infiammatori che abbiamo registrato sono particolarmente adatti per lo screening della neurite nelle prime fasi della malattia”.

Un interessante punto di partenza per ulteriori ricerche

Secondo le informazioni, due di questi marcatori in particolare, le proteine ​​​​della “famiglia dei recettori TAM”, sembrano essere correlati al programma di controllo del danno. Perché nei soggetti testati con valori particolarmente elevati per questi marcatori, il volume cerebrale era relativamente grande e le funzioni cognitive diminuivano più lentamente nel tempo.

Per verificare questi risultati, i ricercatori hanno analizzato i dati di un gruppo di studio dell’ACE Alzheimer’s Center di Barcellona con più di 700 adulti con deficit cognitivi per lo più lievi. CONCLUSIONE: I risultati dello studio DELCODE sono stati confermati.

“I processi infiammatori non sono di per sé cattivi, ma piuttosto una reazione naturale e protettiva del sistema immunitario contro stimoli minacciosi, soprattutto all’inizio. Ma non dovrebbero durare a lungo, quindi dovrebbero essere regolati”, spiega Henika. Secondo l’esperto, è noto che le proteine ​​della famiglia TAM influiscono sulle reazioni immunitarie e favoriscono l’eliminazione delle scorie cellulari.

Sostenere questa funzione protettiva sarebbe un interessante punto di partenza per la ricerca farmaceutica. Vedo l’applicabilità dei tag che abbiamo definito qui. Ci vuole troppo tempo per misurare questi segni per la diagnosi precoce della demenza come parte delle cure di routine. Ma ci sono altre possibilità tecniche quando si testano nuovi farmaci negli studi clinici. Per tali studi, sono necessari indicatori per valutare se le misure sono efficaci e se i farmaci testati sono efficaci. I tag TAM possono essere molto utili per questo.” (Pubblicità)

READ  Uno studio di "Corona" esamina il motivo per cui alcune persone non sono infette - "Non l'ho visto prima"

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti del settore medico.

Risorse:

  • Centro tedesco per le malattie neurodegenerative: ricerca sul morbo di Alzheimer: ricerca precoce di segni di infiammazione (consultato il 12 gennaio 2022), Centro tedesco per le malattie neurodegenerative
  • Frédéric Proceron, Ann Maas, Luca Kleindam et al.: I recettori TAM solubili sAXL e sTyro3 predicono la protezione strutturale e funzionale nella malattia di Alzheimer; In: Neuron, (veröffentlicht: 06.01.2022), neurone

nota importante:
Questo articolo è solo per una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.