Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quante formiche ci sono nel mondo? – conoscenza

Qual è il denominatore comune tra umani e formiche? Loro sono ovunque. Ci sono formiche in ogni continente. Ma nonostante la loro ubiquità, c’è ancora molto che non si sa su questi insetti che, come le api e le vespe, appartengono all’ordine degli imenotteri. Ad esempio, quante formiche ci sono comunque. Un team guidato dal biologo Patrick Schulthes dell’Università di Hong Kong nella rivista scientifica PNAS Invia ora un nuovo preventivo: Secondo questo, 20 trilioni di formiche vivono sulla Terra.

Secondo i ricercatori, ciò corrisponde a una biomassa di dodici megatonnellate di carbonio. È più della biomassa combinata di tutti gli uccelli e mammiferi tranne l’uomo. I ricercatori hanno raggiunto l’incredibile cifra di 20 trilioni valutando 465 studi in cui le formiche sono state contate in 1.306 località in tutto il mondo. I ricercatori hanno identificato i siti in cui sono disponibili statistiche accurate per alcuni tipi di paesaggi come “foreste pluviali tropicali” o “deserti ed erbe secche”. Hanno quindi determinato la densità media di formiche per metro quadrato nell’area indagata e hanno estrapolato questo valore alla porzione di superficie terrestre in cui si verifica il tipo di paesaggio corrispondente. Poi hanno aggiunto i valori universali di diversi tipi di paesaggi.

Gli insetti cacciano insieme in enormi eserciti.

La maggior parte delle formiche si trova nei tropici e subtropicali. È anche il luogo in cui vivono la maggior parte delle diverse specie. Formica tropicale gigante, fino a 35 mm di dimensione Parabonera Clavatta Ad esempio, il pungiglione che contiene la sostanza tossica puneratossina. I lavoratori, che cacciano da soli, lo usano per paralizzare le loro prede, di solito altri insetti. Il veleno delle formiche giganti provoca un dolore indicibile agli umani. Il loro morso è il più doloroso di tutti i morsi di insetti. Le vittime hanno riferito di sentirsi come se fossero state bruciate vive. Dopo 24 ore, il dolore scompare, motivo per cui la specie è anche conosciuta come la formica delle 24 ore.

READ  Additivi non salutari: Studio: i pasti pronti aumentano il rischio di malattie cardiovascolari

O la temuta formica pilota, di cui esistono circa 200 specie diverse ai tropici. Cacciano insetti insieme in enormi eserciti e possono divorare un’intera area in brevissimo tempo. Il famoso ricercatore americano di formiche Edward Wilson, morto l’anno scorso, lo ha descritto come “come un unico animale con milioni di bocche e spine” e lo ha descritto come “il fenomeno più terrificante nel mondo degli insetti”.

Dopo aver studiato in PNAS Ci sono 15.700 specie e sottospecie conosciute di formiche in tutto il mondo, molte delle quali potrebbero non essere state ancora descritte. Il team di Patrick Schulthes scrive che l’impatto delle formiche su altre creature è enorme, anche se è a causa del loro numero elevato. Inoltre, le formiche interagiscono con altri organismi in molti modi diversi.

Ad esempio, molte specie svolgono un ruolo importante nella propagazione delle piante portando semi, spore o frutti in nuove posizioni. I biologi lo chiamano mirmecoria. Le piante che si propagano con l’aiuto delle formiche usano un trucco: qualunque cosa vogliono che le formiche trasmettano, attaccano un cosiddetto elaiosoma, un’appendice ricca di sostanze nutritive che attira le formiche e le induce a mettere, diciamo, un seme al suo interno da trasportare un nido. Dopo che gli insetti hanno separato il lisosoma, il seme rimane nel nido o viene estratto di nuovo. In entrambi i casi, l’obiettivo della pianta è quello di spostare i suoi semi in un luogo remoto dove hanno la possibilità di germogliare.

Gli insetti possono scavare fino a 13 tonnellate di terreno all’anno e un ettaro.

In Germania, ad esempio, i bucaneve si diffondono in questo modo, così come le squame di epatica e celidonia. L’importanza di questa funzione di formiche può essere vista, ad esempio, in Sud Africa, dove le specie di formiche autoctone vengono cacciate dall’umile formica migratoria argentina Linepithema. A differenza delle formiche autoctone, questa specie non trasmette semi, il che in alcuni punti ha portato a cambiamenti nella composizione delle piante arbustive.

READ  Scaricare il cervello: un modo efficace per fermare la ruminazione

Le formiche sono spesso strettamente imparentate con altri animali, ad esempio sotto forma di “trofobiosi”. Questa è una relazione tra due organismi in cui uno fornisce cibo all’altro e riceve qualcosa in cambio. L’esempio più famoso è la relazione tra gli afidi che liberano gli afidi in cambio della protezione dalle formiche. In molti ecosistemi, le formiche sono sia predatori che prede: ad esempio, le formiche dei boschi sono un’importante fonte di cibo per i picchi e mangiano persino parassiti come lo scarabeo della corteccia.

Le formiche hanno anche un enorme impatto sul loro ambiente inanimato. Secondo gli autori dello studio, ciò è dimostrato dal fatto che gli insetti scavano fino a 13 tonnellate di terreno all’anno e per ettaro. Come gli esseri umani, le formiche sono architetti dell’ecosistema che possono cambiare in modo permanente il loro ambiente e quindi le condizioni di altri organismi.