Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali alimenti promuovono l’infiammazione

  1. 24 vita
  2. Salute

creatura:

a: Natalie Hall con un pene

Il rischio di malattie croniche aumenta con l’età. Nove cibi come lo zucchero, la carne o il caffè promuovono l’infiammazione nel diabete, nei reumatismi e nell’artrite.

L’infiammazione cronica è la causa di disturbi e malattie come Hashimoto è come una tiroidite acutaDiabete, reumatismi, artrite e acne. Il termine cronico significa “sviluppo lento”, “astuto”, “prolungato”. Le malattie che non guariscono completamente e quindi richiedono un trattamento continuo diventano croniche. In medicina, ora sappiamo che alcuni processi infiammatori cronici possono essere esacerbati o addirittura migliorati con l’alimentazione Società Tedesca per la Nutrizione e. Quinto. Il tè all’ibisco (Hibiscus sabdariffa) potrebbe essere un nuovo approccio alla terapia adiuvante Per malattie autoimmuni come diabete, reumatismi e sclerosi multipla.

Infiammazione cronica: sette alimenti che promuovono reumatismi, artrite, diabete e acne

L’infiammazione cronica è la causa di disturbi e malattie, come reumatismi e artrite, in un numero sempre maggiore di persone. (immagine iconica) © Infinite Lux / Imago

Scienziati e medici presumono che diversi milioni di persone in Germania soffrano di malattie infiammatorie croniche. Oltre alla sensibilità, Malattia cardiovascolareE il cancro E il malattia mentaleInclude anche malattie croniche come la sindrome dell’intestino irritabile, diabeticoreumatismi e giovane amore Per malattie in cui un’alimentazione scorretta può favorire lo sviluppo.

Non perdere nulla: puoi trovare tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Una dieta squilibrata può avere un impatto significativo sui processi infiammatori, poiché la mancanza di sostanze antinfiammatorie in alcuni alimenti ha un impatto significativo.

Infezioni croniche – 1. Lo zucchero favorisce il diabete ei reumatismi

Lo zucchero domestico prodotto industrialmente contiene glucosio e fruttosio. Mangiare più di 25 grammi al giorno può aumentare il rischio di reumatismi, Diabete di tipo 2 E, ultimo ma non meno importante, i tassi di obesità sono in aumento, secondo il Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Un elevato consumo di zucchero può favorire i processi infiammatori nel corpo.

READ  Come i semi di soia fermentati sopprimono le infezioni respiratorie - Pratica medica

Infiammazione cronica – 2. Carne e salsiccia possono aumentare la pressione sanguigna

Carni lavorate, salsicce e salumi contengono spesso quantità trascurabili di zucchero e sale. Entrambi sono infiammatori. L’ipertensione, ad esempio, può essere favorita da un elevato contenuto di sale, in quanto aumenta il rischio di sviluppare vasocostrizione.

Infiammazione cronica – 3. L’alcol può scatenare l’infiammazione nel sistema digestivo

Il corpo ha bisogno di molta energia e acido gastrico per digerire l’alcol. Con il consumo regolare di alcol, una quantità costantemente elevata di acido gastrico può portare a infiammazioni e danni all’area dell’apparato digerente come l’esofago. Inoltre, l’alcol favorisce l’infiammazione nel fegato e nel pancreas.

Infiammazione cronica – 4. L’eccessiva assunzione di caffè può aumentare i marcatori infiammatori nel sangue

Il caffè in sé e per sé non è dannoso: anche in questo caso è la quantità a fare la differenza in ciò che si attiva nell’organismo. Se bevi più di due tazze al giorno, possono essere attivati ​​i marcatori di infiammazione nel sangue. Pertanto, si sospetta che il caffè causi malattie cardiovascolari.

Infiammazione cronica – 5. I grassi trans promuovono livelli di colesterolo “negativi” e l’aterosclerosi

I grassi trans sono considerati grassi “industriali” e sono contrassegnati con “idrogenato” e “parzialmente idrogenato” sulla confezione. Questi “grassi idrogenati” si trovano comunemente in cibi pronti, cibi fritti e caramelle. Quando si consumano questi grassi, il livello di colesterolo può aumentare bruscamente e si accumula nei vasi, il che può aumentare il rischio di sviluppare ipertensione, infarto e ictus. Inoltre, la comparsa di processi infiammatori associati I grassi malsani possono favorire il cancro volere.

Infezioni croniche – 6. I prodotti a base di farina bianca contribuiscono all’enterite, al diabete e all’acne

È stato dimostrato che mangiare farina bianca aumenta la glicemia perché contiene meno minerali e fibre. Troppa poca fibra nell’intestino può favorire la stitichezza, che può anche causare potenziali processi infiammatori. Inoltre, i livelli fluttuanti di zucchero nel sangue aumentano il rischio di “voglie”, in modo che il risultato possa essere un aumento di peso a lungo termine con l’accumulo di grasso. Questo a sua volta migliora la potenziale resistenza a insulina Da qui lo sviluppo del diabete di tipo 2. Se mangi più farina bianca, i batteri intestinali infiammatori possono moltiplicarsi. In quest’ultimo caso, ciò può portare a malattie infiammatorie croniche intestinali o addirittura Cancro al colon Sviluppare.

Infezioni croniche – 7. Latticini, uova e carne rossa aumentano il rischio di osteoporosi

Uova, latticini e carne rossa contengono qualcosa chiamato acido arachidonico, che può favorire l’infiammazione nel corpo. Questo acido appartiene al gruppo degli acidi grassi omega-6 e si trova principalmente negli alimenti di origine animale come carne, burro e frattaglie. Per prevenire l’artrite, dovresti mangiare molte verdure verdi e meno carne.

Come per molte cose nella nutrizione, la quantità fa il “veleno”. Pertanto, gli alimenti menzionati nell’elenco non dovrebbero essere eliminati immediatamente, ma in caso di malattie croniche evitarli può contribuire ad alleviare o ridurre i sintomi. Per prevenire o ridurre l’infiammazione e le malattie croniche, concentrati maggiormente sugli alimenti e sugli alimenti che mangi Ha un effetto antinfiammatorio secondo gli esperti.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri redattori non sono autorizzati a rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.