Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché sappiamo così poco sui crimini dei rifugiati?

Lo shock è profondo. Non solo a Ellerkirchberg, nel Baden-Württemberg, dove lunedì è stata pugnalata a morte una ragazza di 14 anni. Il presunto responsabile è un uomo di 27 anni dall’Eritreache vive in Germania come richiedente asilo dal 2016.

Quello che è successo a Ilkirchberg ha riacceso un vecchio dibattito. I rifugiati sono una minaccia per il nostro Paese? Commettono crimini particolarmente spesso? Queste sono domande difficili a cui rispondere.

I dati sul tasso di criminalità in Germania sono deboli.

“Sfortunatamente, i dati sull’attuale tasso di criminalità in Germania sono deboli”, afferma Sören Kliem, che lavora alla Ernst Abe Jena University come professore di scienze sociali, in un’intervista a FOCUS online.

Chiunque voglia saperne di più sulla criminalità in Germania di solito dà un’occhiata alla Police Crime Statistics (PKS). Tuttavia, Clem li trova inadatti “a fare dichiarazioni autorevoli sull’effettiva situazione criminale”.

“Rappresenta solo i reati di cui le autorità inquirenti sono venute a conoscenza tramite denunce o attraverso la propria attività. Va inoltre notato che le informazioni vengono fornite solo sugli indagati e non sulle effettive condanne”.

È anche il PKS i cui dati sono inclusi nella “Situazione criminale nel contesto della migrazione”. Quindi, c’è una sorta di panoramica delle conseguenze dell’afflusso di rifugiati sulla situazione della criminalità in Germania, che l’Ufficio federale della polizia criminale (BKA) pubblica da diversi anni.

Il campo oscuro manca nelle statistiche sulla criminalità della polizia

La raccolta dei dati è certamente utile, ma ci sono molte insidie. Direttamente nell’introduzione si indica che le informazioni e le statistiche – proprio come il PKS – illuminano solo il campo chiaro, cioè i reati penali noti alla polizia.

Il quadro della situazione nazionale è inoltre circoscritto alle aree della criminalità generale, della criminalità organizzata e della criminalità politicamente motivata. Ciò significa: descrive solo reati noti alle autorità inquirenti e circoscritti a determinate regioni.

“Le osservazioni in campo chiaro consentono poche conclusioni sull’attuale tasso di criminalità, come evidenziato dalla ricerca criminologica”, afferma il sociologo Klemm.

READ  Riesci a identificare il Crew Dragon in questa foto?

dirk baer che in Zurigo L’Università di scienze applicate (ZHAW), Istituto per la devianza e la prevenzione del crimine, sottolinea un altro problema in un’intervista a FOCUS online.

È difficile parlare di “rifugiati”.

Perché anche la sfera oscura, che “include forme di criminalità più leggere come furti e danni alla proprietà o forme di criminalità molto sensibili come la violenza sessuale”, secondo l’esperto, non è ben studiata tra i rifugiati.

Gli scienziati stanno cercando di lavorare in quest’area. Come regola generale, a soggetti scelti a caso vengono poste domande sulle loro esperienze come autore o vittima di un crimine. Come spiega Baer, ​​non esistono tali studi sui rifugiati.

“Non solo sappiamo poco del comportamento criminale, ma anche delle esperienze delle vittime. I rifugiati sono il cosiddetto gruppo vulnerabile che è esposto a molti rischi durante la fuga o negli alloggi di gruppo in Germania”.

In generale, è difficile parlare di “rifugiati”. Sono un gruppo eterogeneo i cui membri differiscono notevolmente in termini di regione di origine, status in Germania o esperienze di volo.

Heilfield: “Poche conclusioni sull’attuale tasso di criminalità”

Per il solo status di rifugiato è previsto un contributo separato
Sito web del governo
. Spiega la differenza tra richiedenti asilo, coloro che hanno diritto all’asilo e richiedenti asilo, i quali vengono tutti chiamati colloquialmente “rifugiati”.

Forse è per questo che è così difficile misurare i crimini dei rifugiati. “Non importa se si tratta di statistiche sulla criminalità o indagini sul campo oscuro, il gruppo non tedesco lavora sempre in modo diverso”, afferma Baer.

“A volte si fa riferimento alla nazionalità, a volte allo status di rifugiato o a gruppi di status selezionati. C’è un livello di confusione che indica una mancanza di consenso su quale caratteristica sia veramente importante”.

Nella presentazione generale della situazione da parte dell’Ufficio federale di polizia giudiziaria, gli “immigrati” includono richiedenti asilo, persone con status tollerato, rifugiati da quote o guerre civili e persone le cui richieste di asilo sono state accolte.

READ  Quando e dove si può vedere la scena del cielo?

“C’è molta confusione”, dice Baer.

Tuttavia, questo non include, ad esempio, gli immigrati provenienti da paesi dell’UE o persone provenienti da paesi terzi che si trovano in Germania con un permesso di soggiorno per lavoro. Inoltre, le violazioni della legge sugli stranieri non sono state incluse nelle statistiche.

Ha senso che i singoli gruppi diventino il fulcro dei resoconti dei media quando si verificano crimini come quello di Illerkirchberg. Al momento ci sono profughi dall’Eritrea, patria della presunta ragazza assassina.

“A seconda del crimine discusso nei media, l’interesse è rivolto a stranieri, rifugiati o specifici gruppi di origine come immigrati turchi o siriani”, afferma Baer. “Ma questi sono gruppi molto diversi, che a loro volta possono essere molto eterogenei”.

Ciò rende anche difficili le dichiarazioni pubbliche. Secondo l’esperto, è importante mostrare in modo accurato e comprensibile su quale definizione si basano i dati. Baer sottolinea inoltre che nessun gruppo di stranieri, rifugiati o immigrati è la maggioranza dei criminali.

Non esiste un gruppo di rifugiati che siano per lo più criminali

Tuttavia, non si può negare che i rifugiati commettono spesso reati gravi. Baer parla di “alto tasso di criminalità tra i rifugiati”.

Ci sono alcuni esempi recenti di questo. Nel 2017, ad esempio, un rifugiato afghano di 16 anni a Darmstadt, in Assia, ha accoltellato una donna di 17 anni con un rasoio elettrico.

2021 1 ferito Dalla Siria Un uomo è venuto come rifugiato in ICE tre persone con un coltello. E un somalo di 24 anni ha ucciso tre donne a Würzburg quello stesso anno, anche lei con un coltello.

Un’indagine condotta nel 2018 dall’ex ministro della Giustizia della Bassa Sassonia Christian Pfeiffer con Bayer e Klemm suggerisce che all’epoca i rifugiati fossero responsabili dell’aumento della violenza nella Bassa Sassonia.

Gli estranei vengono segnalati più spesso dei locali

Tuttavia, Pfeiffer ha sottolineato in un’intervista a
“le notizie del GIORNO”
Per guardare più da vicino, per distinguere. Gli estranei verranno segnalati più spesso dei locali. Lo confermano anche Klim e Bayer.

READ  Somiglianza genetica: i Doppelganger condividono lo stesso DNA

“I rifugiati sono sovrarappresentati nelle statistiche sulla criminalità relative a crimini come lesioni personali minori, furto e violenza sessuale”, afferma Baer. “Dobbiamo presumere che i rifugiati vengano perseguiti più intensamente della popolazione locale”, afferma Klemm.

Anche un altro aspetto interessante. Perché il fatto che una persona commetta un crimine non ha nulla a che fare con il fatto che sia o meno un rifugiato.

“Esiste una formula semplice: nessuna relazione con il crimine in sé, nessuno status di rifugiato in sé, nessun gruppo di origine in sé. Non sono una causa del crimine”, afferma Baer.

Secondo l’esperto, molto più importanti sono le “caratteristiche invisibili” come le condizioni di vita e le esperienze di socializzazione. Possono fornire informazioni sul fatto che una persona sia in arretrato. Bayer spiega il tutto con un esempio.

L’origine e lo status di rifugiato non sono collegati al reato

“Se un tedesco è cresciuto in povertà, non si è preso cura dei suoi genitori violenti ed è cresciuto in un ambiente familiare dominato dagli uomini, quella persona sarebbe più incline alla violenza”, dice.

“Ma la verità è che, statisticamente parlando, i tedeschi crescono meno con queste condizioni rispetto ai giovani che le hanno, ad esempio lingua turca Origine. Questo spiega le differenze nel comportamento violento.

Naturalmente, Baer può capire l’emozione con cui viene discusso l’omicidio delle ragazze a Ellerkirchberg. Ma dice anche: “Alla fine, le persone di origine eritrea non sono tutte violente o criminali. L’atto non è avvenuto perché ci sono rifugiati”.

Anche altri lettori sono interessati: